Viscaplus – opinione e ingredienti – integratore per la caduta dei capelli – CANOVA

DSC02361Viscaplus di Canova è un integratore alimentare tricologico pensato come rimedio alla caduta dei capelli.

Si presenta sotto forma di capsule gelatinose piuttosto morbide, dal colore bruno e dal sapore dolciastro.
La confezione da 30 capsule costa ca. 28 €, mentre quella da 60 capsule viene venduta al prezzo (sempre variabile) di 46 €. Si acquista in farmacia e parafarmacia, ma anche online: ad esempio qui, a prezzo anche più conveniente.

Anche se i miei capelli non appaiono particolarmente stressati, da quando mi sono resa conto di averne persi moltissimi uso ciclicamente degli integratori mirati che mi permettono di ricostruire una chioma sana e folta dopo periodi di particolare stress. Ritengo infatti che prevenire sia sempre meglio che trovarsi a dover curare situazioni irrecuperabili (o di più difficile trattamento).
Viscaplus è uno dei tanti integratori che negli anni ho provato, e devo dire che la mia opinione in merito è abbastanza controversa.

Dato che si trova in qualsiasi farmacia e parafarmacia, nonchè online, ho ritenuto che comunque fosse utile farvi sapere come mi ci sono trovata e che risultati (scarsi) ha dato, consapevole del fatto che non tutti possono essere sensibili a tematiche cruelty free, discorso che questo integratore inevitabilmente comporta.

Recensione & commenti:
Dopo tre mesi di trattamento con una capsula al giorno, ho notato vari capellini corti che spuntavano, e soprattutto un aumento della resistenza e della lucentezza alla base della chioma, ossia i centimetri usciti durante l’assunzione di questo integratore.
La caduta dei capelli si è arrestata già dopo le prime due settimane e non ho avuto alcun tipo di problema a livello digestivo, visto che molti integratori causano reflusso gastrico o bruciori di stomaco.

Allo stesso tempo devo dire che i risultati non sono stati nemmeno così eclatanti a fronte di una spesa di circa 70 euro: anche quando i nuovi capelli sono cresciuti, la chioma non mi sembrava particolarmente folta come mi è capitato dopo l’uso di altri integratori, segno che i bulbi più addormentati non sono stati stimolati dall’azione di questo integratore.

I benefici di Viscaplus si sono infatti esauriti nel momento in cui ho smesso di assumerlo, tanto che mi chiedo se con un’alimentazione più bilanciata non avrei potuto ottenere risultati simili.
C’è da dire che io non mi sono attenuta ai tempi di trattamento indicati dalla casa di produzione, in quanto la mia dermatologa mi consigliò di fare 2 o al massimo 3 mesi con una sola capsula al giorno, mentre sulle istruzioni consigliano di assumere DUE capsule al giorno, per almeno 4-6 mesi di trattamento.

Se considero che 4 mesi di assunzione a 2 capsule al giorno mi sarebbero costati 200 euro, per quanto Viscaplus possa sul lungo periodo rivelarsi efficace, mi rendo conto che si tratta di un prodotto che per ciò che contiene e per gli scarsi risultati secondo me non vale i soldi che costa, a meno che non si abbiano veramente molti denari da spendere.

In particolare, bisogna tenere conto che non agisce sui bulbi già morti, ma solo sui bulbi indeboliti, quindi risulta adatto solo alle fasi iniziali del problema della caduta dei capelli e per di più risulta un trattamento molto costoso.

Arriviamo quindi all’analisi degli ingredienti, che sembrano essere un concentrato di tante cose che fanno bene alla salute del capello e che agiscono dall’interno per via sistemica, nutrendo i bulbi cappilliferi attraverso la circolazione.

Ma Viscaplus vale davvero tutti i soldi che costa? Questi ingredienti sono davvero insostituibili con un’alimentazione più variata? Di certo le vitamine antiossidanti C ed E (acido ascorbico e tocoferile acetato) possiamo assumerle con integratori molto meno costosi o attraverso frutta e verdura… idem il ferro e la vitamina B6.

Ecco la lista degli ingredienti, dove ho segnato in rosa gli attivi:
Olio di semi di soia; gelatina alimentare; agente di resistenza: glicerolo; cartilagine di squalo idrolizzato su fosfato di calcio; olio di pesce ricco in epa e dha; l-cisteina; vitamina c (acido ascorbico); addensante: mono e digliceridi degli acidi grassi; l-metionina; ferro fumarato; d,1 alfa tocoferil acetato; emulsionante: lecitina di soia; ossido di zinco; coloranti: e172; d-calcio pantotenato; piridossina cloridrato (vitamina b6 cloridrato); solfato di rame; sodio selenito.

Alcuni di questi nutrienti pognono delle questioni:

  • La gelatina alimentare usata per il rivestimento delle capsule è nota impropriamente anche come colla di pesce, ma si ottiene dalla pelle, dalle ossa oppure dai tendini (le parti ricche di collagene) di maiali o bovini, che vengono sottoposti all’azione di reagenti chimici, fino all’estrazione in acqua calda di questo materiale particolarmente diffuso negli alimenti.
    Fonte: tesi di laurea dell’UniPa. Per una documentazione visiva c’è questo breve video NON cruento sulla commercializzazione di gelatina senza che il consumatore sappia da dove viene.  Purtroppo è utilizzata per la maggior parte delle capsule.
  • La cartilagine di squalo non ha alcun tipo di proprietà unica e insostituibile dal mondo verde, contribuisce solo al massacro di questi splendidi animali, la cui popolazione nelle acque americane si è già ridotta dell’80%. Tutto è partito quando imprenditori senza scrupoli hanno iniziato a millantare proprietà antitumorali e ricostituenti di questo prodotto: la cosmetica ha solo approfittato del grosso business che ne poteva derivare. Fonte: sito web del medico-chirurgo dott.Perugini. È il motivo principale per cui la composizione di questo integratore NON mi piace.
  • L’olio di pesce è ricco di EPA e DHA, è verissimo. Chi ha qualche nozione in scienze dell’alimentazione sa meglio di me queste due sostanze sono tipologie di omega 3, integrabili con del pesce grasso (salmone) o con integratori molto più economici (tipo questo) Chi è vegetariano potrà tranquillamente sostituirli con i  semi di lino. Basta infatti un cucchiaino di olio di semi di lino ogni giorno per mantenere ottimali i livelli di questi acidi grassi fondamentali per il nostro organismo (e fa sicuramente bene ai capelli).
  • La l-cisteina è un amminoacido (proteina) in larga misura di origine animale. Tuttavia, siccome in casi meno frequenti può essere ottenuta anche per sintesi oppure dai vegetali, occorre contattare di volta in volta il produttore per chiedere informazioni sull’origine della cisteina utilizzata.

Concludendo, si tratta di un integratore che permette di raggruppare diverse vitamine, proteine e acidi grassi essenziali per l’organismo e per coadiuvare un risanamento dei capelli, tuttavia, considerando l’utilizzo di cartilagine di squalo e in generale un range di micronutrienti facili da integrare diversamente, NON ve lo consiglio.

Spero che questo articolo possa esservi utile, come al solito vi saluto e vi aspetto al prossimo approfondimento… Non dimenticate di iscrivervi alla newsletter per restare sempre aggiornati!

Dorothy 🌸

Newsletter-iloveremunni

RESTA AGGIORNATO!


Iscriviti alla Newsletter e ricevi i nuovi post di Dorothy Danielle sulla tua mail

La tua privacy è protetta e al sicuro. NO spam.
Cincischiando-valutazione-analisi-inci-cosmetici

6 pensieri su “Viscaplus – opinione e ingredienti – integratore per la caduta dei capelli – CANOVA

  1. Stefania says:

    Doroty, ciao, sto affrontando ora la cura prescrittami dal dermatologo ,con viscasplus. Leggendo la tua recensione su questo prodotto, confesso di non essere molto contanta, anche perche’ , come ti hai scritto il prodotto non e’ poi cosi a buon mercato , e le mie finanze sono quelle che sono , Di fatto eseguiro’ la cura giusto per i mesi indicatomi dal dermatologo , per non sentirmi in difetto . Nel frattempo pero’ ti chiedo, visto che nella tua recensione , menzioni che hai provato altri integratori , che ti hanno dato maggiori risultati, potresti , eventualmente ,darmi dei suggerimenti . Grazie
    Stefania

    • Dorothy says:

      Ciao Stefania! In effetti il Viscaplus è tutt’altro che economico, specie considerando quanto dovrebbe durare la cura e quanto bisogna assumerne. Io mi ero trovata davvero benissimo con un paio di confezioni di Biomineral unghie… so che sembra strano, ma proprio la dermatologa mi aveva indicato questo prodotto, suggerendomi di evitare la versione per capelli: mai avuti tanti capelli nuovi con nessun altro integratore specifico. Spero ti possa essere utile, per qualsiasi altra informazione sono qui!
      Dorothy

  2. Marika says:

    Ciao ho letto dai tuoi articoli che sei molto informata per quanto riguarda la crescita dei capelli .. Io ho bisogno di un consiglio visto che ho capelli che si spezzano , con doppie punte che quindi fanno fatica a crescere .. Hai qualche consiglio ? Grazie

    • Dorothy says:

      Ciao Marika! per il tuo problema posso consigliarti due buoni integratori: la silicea, per rinforzarli, e l’MSM (della longlife), per farli crescere più rapidamente. Prima però dovresti tagliare la parte più rovinata, che costituisce un inutile peso non recuperabile, così potrai partire da subito con dei capelli sani e bellissimi, mantenendoli tali man mano che diventeranno lughissimi 😉

  3. Disperata says:

    Salve, purtroppo sono in menopausa precoce, ipotiroidismo e celiachiIa mix perfetto x avere mille complicazioni…perdo tantissimi capelli, mi è stata prescritta l angeliq come tos però noto un diradamento importante dei capelli infatti ogni volta che li lavo ne perdo tantissimo oltre che li semino dappertutto… ho il cuoio capelluto secco e si formano anche delle crosticine ed ho sempre prurito… ho provsto con vari shampoo tra cui euderin urea più lozione… ma non cambia nulla…il medico mi ha prescritto una lozione al cortisone e non mi serve a nulla…. sto provando l integrat swisse capelli ed unghie ma nessun risultato…. capelli come le unghie distrutte… non so più che fare…. dermatologi poi qui non capiscono nulla…. sarei tentata di provare o viscaplus o biomineral unghie…

    • Dorothy says:

      Buonasera Disperata,
      La situazione descritta è sicuramente di competenza medica e esula totalmente dall’ambito puramente cosmetico.
      Con i rimedi auto-prescritti non otterrà assolutamente nulla, col rischio peraltro di aggravare lo stato di salute generale se per caso dovesse assumere qualche integratore che interagisce male con i farmaci che assume.
      Tenga conto che le terapie mediche, così come le lozioni cosmetiche e gli integratori, necessitano di tempo per funzionare, specialmente quando si parla di capelli.
      Deve portare a termine il ciclo indicato dal medico (di solito qualche mese) e aspettare poi altri 3-4 mesi per vedere dei risultati alle radici.

      Le consiglierei di non aggiungere troppi pareri e troppe terapie scollegate. Si tenga pochi specialisti, ma davvero bravi, e segua alla lettera quello che le dicono senza farsi prendere dall’asia, che rischia di peggiorare gravemente la sua condizione. Sicuramente sarà seguita da endocrinologi che la sapranno aiutare.

      Infine, se proprio si vede male e le terapie non le danno soddisfazione, spenderà molto meno ricorrendo alla soluzione che tutte le donne di colore adottano da decenni: bellissime parrucche di capelli naturali.
      Non la prenda come un’offesa, Naomi Campbell sfila in passerella da 27 anni con capelli non suoi perchè i capelli afro sono ingestibili. Le basta trovare uno stile che le stia bene e sia il più naturale possibile.

      Buona serata,

      Dorothy Danielle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *