N.1 FAQ E ACQUISTO – Come fare l’henné rosso mogano – miniguida in 5 passi

Una pratica guida all’uso dell’henné naturale in polvere: tutti i miei segreti su come farlo, in particolar modo su come ottenere un henné freddo e color mogano, passo passo in 5 articoli-tutorial basati sulla mia esperienza.

F.A.Q.
  • Fa male? No, l’henné è una polvere ottenuta dall’essicazione delle foglie di una pianta, la lawsonia inermis, conosciuta da secoli per le sue proprietà coloranti.
    Avvolge il fusto del capello legandosi con la cheratina, quindi otterrete capelli più robusti, voluminosi, puliti più a lungo e con dei riflessi incantevoli.

  • Secca i capelli? Se già di vostro avete un capello molto secco, in parte questo è vero, ma nulla che non si possa ovviare con frequenti impacchi. Se avete i capelli grassi, l’henné asciuga il sebo in eccesso e vi permette di lavarli meno frequentemente.
    In uno dei post di questa serie vi svelerò il mio segreto per mantenere i capelli idratati facendo l’henné senza intaccare il suo meraviglioso potere purificante sulla cute.

  • Si può fare dopo la tinta? Bisogna aspettare un mese dall’ultimo trattamento chimico fatto sui capelli.

  • Che colore otterrò? Dipende dalla base dei vostri capelli. Tenete comunque conto che l’hennè AGGIUNGE colore, quindi andrete in ogni caso a scurire almeno un pochino la vostra base.

– Sui capelli castani riuscirete ad ottenere facilmente sia un rosso aranciato che un rosso mogano freddo. Per sapere come, non vi resta che aspettare il prossimo articolo di questa serie, in cui spiego tutti i trucchi per ottenere risultati così diversi.

– Una bionda arriverà facilmente ad un rosso chiaro (arancione irlandese), fragola, oppure ad un rosso fuoco; mentre impiegherà più tempo per ottenere un rosso mogano freddo e scuro (a meno che non si aiuti con l’indigo).

– Sui capelli neri si vedrà un riflesso mogano alla luce del sole. Mia opinione è che sui capelli così scuri sia molto meglio l’indigo per intensificare il nero e renderlo più profondo.

  • Qual è il migliore? Dove si compra? Quanto costa?
    Prima di tutto dobbiamo procurarci un henné degno di questo nome e di buona qualità, soprattutto che sia puro, senza picramato né altre miscele di erbe poco conosciute quanto poco efficaci.
    Dall’inci deve contenere solo lawsonia inermis. Io ne ho provati 5:

– Sfuso in erboristeria, 7 euro per 100 g, comprato solo una volta, costoso e senza inci.

– Erbavita in farmacia, ca. 8 euro per 100 g, veramente troppo costoso ma di buona qualità, molto fine.

Forsan, DSC02398all’Ipercoop, ca. 3,50 euro per 100 g: prezzo onesto, l’ho usato per più di un anno ogni mese. L’inci del forsan è perfetto: 100% lawsonia inermis, tuttavia la qualità è medio-bassa; è piuttosto sabbioso e il colore impiega un paio di applicazioni per diventare davvero evidente sui capelli castani.

 

 

 

Tazarine, 2 euro per 100 g, trovato in vendita in una sperduta macelleria islamica della mia città.
È il migliore in assoluto ad opinione di moltissime ragazze e anche secondo me. (Qui la recensione)
Purissimo e di qualità ultrafine, adatto anche per i tatuaggi (avete presente le mani delle spose indiane? Oppure quei tatuaggi che fate in spiaggia?). Il potere colorante è triplicato rispetto a tutti gli altri henné, di un rosso molto più carico e freddo.
Andate e chiedete senza paura, all’inizio sarà difficile farsi capire perché gli arabi lo chiamano “hennah”, ma sono sicura che se l’ho trovato io qui in provincia, lo troverete sicuramente anche voi.DSC03099DSC03100

 

 

 

 

 

 
– ho provato anche il Centifolia (qui la recensione completa), che per qualità e colorazione si avvicina moltissimo al Tazarine, forse quest’ultimo vira a un rosso leggermente più caldo. Per il suo prezzo (3 euro per 100 g, venduto in buste da 250 g) e per la sicurezza delle certificazioni che accompagnano questa marca francese, ritengo sia il miglior compromesso tra qualità, prezzo e reperibilità, in quanto il Centifolia è acquistabile con comodità online.

  • Quanto va tenuto? Ne parlerò nell’articolo N.4, dedicato all’applicazione e posa dell’impacco, comunque non meno di un’ora.
  • Quanto usarne? Dipende dalla lunghezza dei vostri capelli. Solo se avete i capelli a caschetto o fino alle spalle, 50 grammi possono bastare.
    Sui miei ne ho sempre usato 100 grammi, l’intera confezione, sia quando erano 95 cm, sia quando li ho tagliati a 73-74 cm.

  • Ogni quanto va fatto? Nulla vieta di farsi l’hennè anche ogni settimana, ed è comunque consigliabile applicarlo almeno una volta al mese per mantenerne le proprietà benefiche.
    Per favorire la stratificazione e intensificare il colore, le prime applicazioni sarebbe meglio farle ogni 2-3 settimane.

  • Quanto dura? Le prime applicazioni durano circa 3-4 settimane, parchè nel frattempo il colore scarica e non si è ancora stratificato. Se lo fate costantemente, dopo qualche mese il riflesso diventa permanente, sempre più rosso ed evidente.

La prossima settimana parlerò di come prepararlo e di come affrontare l’ossidazione dell’hennè.

Se avete altre domande, non esitate a commentare! Risponderò a tutte e mi fa piacere leggere le vostre considerazioni. ♥

 

Dorothy 🌸

Newsletter-iloveremunni

RESTA AGGIORNATO!


Iscriviti alla Newsletter e ricevi i nuovi post di Dorothy Danielle sulla tua mail

La tua privacy è protetta e al sicuro. NO spam.
Cincischiando-valutazione-analisi-inci-cosmetici

8 pensieri su “N.1 FAQ E ACQUISTO – Come fare l’henné rosso mogano – miniguida in 5 passi

  1. chiara d says:

    ciao cara, uso (a singhiozzo) l’hennè da 3 anni, ma mi sorge una perplessità vedendo le tue foto: il tuo colore è splendido, ma non hai notato una stratificazione del colore con relativo inscurimento? inoltre, non ho mai provato il GSL perchè mi schifava un po’, ma se dici che fa tanta differenza per evitare il secco da hennè, lo provo. Ma non è difficile impastarci la polvere?…grazie e un abbraccio

    • Dorothy says:

      Ciao Chiara! ti ringrazio per i complimenti, in effetti ho notato sia la stratificazione che un progressivo scurimento del colore… è inevitabile con l’hennè, ma i capelli scuri mi piacciono molto e quello chevolevo non era un rosso eccessivamente acceso.
      Sicuramente nei prossimi mesi però ci saranno tante novità, tra cui un ritorno al mio castano e, perchè no, magari anche qualche trucchetto su come schiarirli senza danneggiarli.
      Per ora che uso ancora l’hennè, il gls è il mio salvavita, toglie davvero il crespo e l’effetto un po’ secco che a volte l’hennè lascia… 😉
      un abbraccio anche a te! 🙂

  2. Chiara C. says:

    Ciao. Ho letto tutti i tuoi articoli, complimenti e grazie, perche’ hanno chiarito tanti dubbi e poi perche’ grazie a te ho scoperto dove comprare un ottimo henne’…mi riferisco al tazarine! Io pero’ ho fatto una tinta chimica il 23 maggio e sono nel dubbio se provare subito o aspettare! Ho letto in un sito, che se la polvere e’ naturale al 100%, in teoria si puo’ tingersi anche dopo una normale tinta! Tu che ne dici?

  3. Chiara C. says:

    Grazie della risposta! Proprio ieri ho fatto il tazarine seguendo la tua procedura, ma ahime’ sulla ricrescita di capelli bianchi il colore e’ uscito rame scuro e non rosso! Ora non so che fare, se devo insistere o lasciar perdere…penso sia difficile che cambi e diventi ciliegia! Uffiiii…

  4. letizia says:

    ciao!!! io usavo l’henné qualche secolo fa, ora vorrei ricominciare ad usarlo .
    tempo fa mi hanno regalato una confezione portata da non so dove, si chiama Afrin Herbal Henna, però facendo la traduzione parla di colore bruno. conosci questa marca? mi sai dire che risultato potrò ottenere? grazie

    • Dorothy says:

      Ciao Letizia, la cosa più utile sarebbe riuscire a tradurre la lista ingredienti, che da qualche parte dovrebbe esserci per forza, per capire se si tratta di solo lawsonia inermis o se è un mix di erbe, o ancora un prodotto addizionato con picramato.
      Purtroppo non ho mai sentito questa marca prima d’ora, mi spiace!
      Dorothy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *