Hennè tazarine – henna sahara tazarine – recensione e inci

image

L’hennè tazarine (in realtà Henna Sahara Tazarine) è probabilmente l’hennè in commercio più famoso per qualità della polvere e resa del colore.
Si tratta infatti di un hennè puro e 100% naturale, senza sostanze chimiche nè coloranti aggiunti, coltivato secondo il metodo tradizionale. Queste indicazioni, che si trovano su ogni confezione, lasciano supporre che l’inci contenga solo lawsonia inermis, tuttavia la lista ingredienti non è presente.
La qualità del Tazarine è talmente elevata da essere un hennè usato molto anche per i tatuaggi temporanei, quelli che normalmente adornano le mani delle spose indiane (o noi in spiaggia).

image

L’hennè Tazarine si presenta in una scatolina gialla, contenente una busta fermata con graffetta e cartonico, colma con 100 g di polvere verde e profumata.
Il prezzo di questo hennè finissimo varia, io lo trovo a 2 € presso una macelleria islamica un po’ nascosta nel centro storico della mia cittadina di provincia… un consiglio? Cercate e non perdetevi d’animo, entrate a chiedere in ogni negozio arabo che vi capita, prima o poi troverete la vostra scatoletta di hennè Tazarine.
Personalmente posso rendermi disponibile a spedirne un po’ a chi me lo chiedesse, tenendo conto che sotto le 5-6 unità non vi conviene, a causa del costo di spedizione.

La polvere dell’hennè tazarine è molto fine, impalpabile, quasi cremosa. Si nota immediatamente la differenza con altri hennè di qualità inferiore, tagliati spesso con della sabbia… per ora il tazarine è il miglior hennè che abbia mai provato, e surclassa senza problemi ogni marca, essendo anche il più economico.

Ho iniziato a usare l’hennè Tazarine circa un anno fa, quando già i miei capelli avevano visto l’hennè molte volte: stavo lavorando per passare dal rosso rame (caldo/arancio) al rosso freddo tonalità mogano che pian piano ho raggiunto.
Potete vedere le foto di partenza nella guida su come fare l’hennè rosso freddo,  e a distanza di 5 mesi dall’ultima foto di quell’articolo, quindi dopo diverse applicazioni di hennè Tazarine, il colore che ne è risultato è questo:

dopo-hennè-tazarine-risultato-colore-rosso-freddo-mogano-ombra

 

risultato-dopo-tazarine-hennè-rosso-mogano-colore-sole

Sulle lunghezze c’è ancora qualche riflesso rame più caldo, soprattutto al sole, ma dopo l’estate è praticamente inevitabile… quest’inverno, stratificando ancora un pochino, conto di arrivare al mogano perfetto, e all’ombra sarà un rosso veramente molto scuro.
Nella mia mini guida all’hennè rosso freddo trovate passo passo tutte le spiegazioni per ottenere questi risultati!

Come sapete da quella rubrica, ho preso l’abitudine di fare l’hennè col gel ai semi di lino, stufa di impacchi che colano e macchiano tutto, di fazzoletti ovunque e tempo sprecato.
Tuttavia, ho fatto gli ultimi due hennè, entrambi firmati Tazarine, col vecchio metodo, solo con l’acqua: ebbene, al contrario del Forsan che cola da impazzire, le cui impurità probabilmente lo rendono meno cremoso e meno assorbente, l’hennè tazarine si comporta come un perfetto impacco cremoso, che resta fermo e non cola per nulla, nonostante il caldo.
Al contrario di altri hennè infatti, l’impasto del tazarine è estremamente liscio, leggermente viscoso, assorbe l’acqua e la incorpora creando una crema proprio vellutata. Lo adoro.

Ho anche fatto un’ulteriore prova, per testare le potenzialità di resa dell’hennè Tazarine: l’ho applicato immediatamente senza lasciarlo ossidare.
Il colore sicuramente è risultato un po’ meno intenso, ma l’impacco macchia comunque e io sono assolutamente soddisfatta del risultato, perchè il colore comunque c’è e si vede: questa modalità di applicazione può essere un’ottima scelta per chi fa l’hennè per le prime volte e ha timore dei risultati, così può ottenere una colorazione più graduale, senza rinunciare ai benefici della lawsonia inermis.

Il mio impasto preferito con il Tazarine risulta essere 100g di hennè e qualche cucchiaio di acqua, aggiungendone poca per volta fino a quando la polvere non è tutta bagnata.
Sempre meglio poter ammorbidire una consistenza troppo dura e pastosa, piuttosto he trovarsi con un hennè troppo liquido.
Ricordate di applicarlo sui capelli appena lavati e ben tamponati con l’asciugamano, senza mettere il balsamo.
Nei giorni successivi, se non li rilavate immediatamente, vedrete il colore dell’hennè Tazarine intensificarsi leggermente.

Inoltre, anche il Tazarine, come ogni buon hennè dovrebbe, rosulta un ottimo trattamento dei capelli grassi, che rimangono puliti un po’ più a lungo.

In definitiva, il Tazarine è diventato il metro di paragone qualitativo su cui testo gli altri hennè, in quanto la sua economicità, la texture e il suo grande potere colorante lo rendono la scelta migliore in assoluto.

Dorothy 🌸

Newsletter-iloveremunni

RESTA AGGIORNATO!


Iscriviti alla Newsletter e ricevi i nuovi post di Dorothy Danielle sulla tua mail

La tua privacy è protetta e al sicuro. NO spam.
Cincischiando-valutazione-analisi-inci-cosmetici

19 pensieri su “Hennè tazarine – henna sahara tazarine – recensione e inci

  1. Cherry says:

    Ciao, sono capitata qui non per caso, infatti, cercavo un bel metodo per ottenere un bel rosso ciliegia, i post mi hanno soddisfatta ma ho un dubbio che mi attanaglia, ora mi spiego.
    Insomma, il fatto è che ho i capelli già rossi, in primis li ho trattati con tinte chimiche ma, come ovvio che sarebbe successo ai miei bei capelli sottili, si sono rovinati e così ho deciso di passare alle tinte naturali, ebbene, due settimane fa mi sono tinta con hennè Biokyma tono rosso forte che presentava 2% di picramato.
    Il colore che ho ottenuto con questa prima hennata è stato un bel rosso fuoco, mi è piaciuto da morire ma, ahimè, a due settimane di distanza il colore sta virando verso il carota e non mi piace affatto e, dunque, alla prossima hennata vorrei ottenere un bel ciliegia per evitare di trasformarmi in un tubero.
    Secondo te, posso ottenere un bel ciliegia sui capelli carota con solo lawsonia?
    Sì, stavolta ho intenzione di usarlo puro e più precisamente vorrei usare proprio il Tazarine.
    Attendo tua risposta, ciao!

  2. Lena Turull says:

    ciao ILoveRemunni!
    sono interessata al Tazarine per un bel rosso rame, ma il posto più vicino a casa mia è a 6 euro di treno. quanto mi verrebbe se ti chiedessi di spedirmi qualche unità?

    se il prezzo equivale, tanto vale farselo arrivare!

  3. Arianna says:

    Ciao..io uso il sahara tazarine da parecchio ormai però non l’ho mai fatto ossidare..posso sapere come fai? Lo lasci a riposo? E per quanto tempo?

    Poi quanto lo tieni sui capelli? Grazie mille 😉

    • Dorothy says:

      Ciao Gaia! Il signore della macelleria islamica da cui ho sempre acquistato sono ormai diversi mesi che non riesce a rifornirsi, dato che lo fa arrivare direttamente dal Marocco e diciamo che gli scambi col nord Africa hanno visto tempi migliori.
      Mi ha detto però che a settembre dovrebbe riuscire ad averne, in tal caso non ci sarebbe problema! 🙂

  4. Chiara says:

    Ciao ho già usato l’henne tazarine e come puoi ben immaginare me ne sono innamorata! Purtroppo devo prenderlo su internet perché qua è introvabile, spendendo molto tra spedizione e costo elevato.. sarebbe ancora possibile la spedizione da parte tua? Mi farestivo un favore enorme ☺

  5. Anna says:

    Ciao, post davvero interessante sull’anno. Non l’ho mai provato ma ne ho sentito parlare davvero molto bene. Andrò a comprare l’hanno e ti farò sapere, mi sono segnata tutti i procedimenti da fare. Tu ogni quanto lo fai? Io sono castana e l’ultima volta dalla parrucchiera mi sono fatta un rosso mogano ma ho avuto la pelle irritata quindi basta tinte.

    • Dorothy says:

      Ciao Anna, la frequenza con cui fare l’hennè dipende dalla fragilità dei tuoi capelli, dal colore che vuoi ottenere e da quanto vuoi rinforzarli.
      Per capelli molto fini e fragili, ti consiglio di fare una volta al mese, massimo.
      Se invece hai una bella chioma robusta puoi farlo anche tutte le settimane, non ci sono controindicazioni.
      Mi raccomando, lascia passare almeno un mese dall’ultima tinta chimica che hai fatto…
      Dorothy

  6. Maria Giovanna says:

    Ciao, è ancora possibile ordinarti il Tazarine? Qui a Pordenone non ho la vaga idea di dove reperirlo… se vuoi puoi contattarmi in put. Grazie

  7. giuli says:

    Ciao! Nella macelleria dove l’ho comprato io (la prima ed unica volta che l’ho fatto) si trova solo piú quello nella scatola verde e mi ha detto che per quello giallo non c’è abbastanza domanda e quindi non lo stanno piú ordinando. La domanda è: l’hai provato? Dal punto di vista della spalmabilità e del potere “curativo” sui capelli è valido tanto quanto l’altro? Il colore mi interessa relativamente visto che su capelli scuri come i miei non si vede niente piú che un riflesso alla luce, mentre il capello sano è il mio obiettivo principale quindi mi interessava conoscere il punto di vista di qualcuno piú esperto di me

    • Dorothy says:

      Ciao Giuli, entrambi gli hennè Tazarine sono di ottima qualità, quello giallo è un po’ più fine essendo per tatuaggi ma l’altro non è certo terribile, non vi troverai geosse differenze.
      A livello di potere filmante, si equivalgono, cinsiderando che si tratta della polvere della stessa pianta 🙂
      Dorothy

      • giuli says:

        Grazie mille per il chiarimento! Ho sempre e solo letto grandi parole riguardo la qualità per tatuaggi e volevo essere sicura

        • Dorothy says:

          Sicuramente spicca, ma i classici hennè per capelli hanno sempre dato ottimi risultati (sia Tazarine che di altre marche) al punto che risulta inutile dannarsi alla ricerca di un prodotto che ai fini pratici ti offre una differenza che non vale la fatica spesa per trovarlo 😉
          Dorothy

  8. Marta says:

    Ciao, ho letto che applichi l’henné sui capelli bagnati, ma io avevo letto che andava messo sui capelli asciutti e puliti, infatti io ho sempre fatto così, ma c’è qualche differenza se applicato sui capelli bagnati?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *