Rasoio di sicurezza Mühle R41: recensione e consigli

L’articolo di oggi è dedicato al mio rasoio preferito: il Mühle R41.
Questo rasoio di sicurezza è comunemente descritto come il più aggressivo sul mercato e schiere di rasatori classici, pur con molta esperienza, rifuggono dal suo tagliente abbraccio.
Tuttavia il vostro Sir Alex, paffuto e coraggioso Dandy, ha deciso di non sottrarsi a questa prova del fuoco e utilizzare quest’arma bandita dalla Carta dell’ONU e dalla Convenzione di Ginevra.

Mhule-41-review-opinione-recensione-rasoio-di sicurezza

Scherzi a parte, la ragione che mi ha portato a voler acquistare il rasoio di sicurezza Mühle R41 è la stessa che mi ha fatto gravitare verso la rasatura classica: la mia terribile barba.
L’efficacia del metodo di rasatura tradizionale è semplicemente innegabile, eppure la densità della mia peluria mi impone un approccio molto deciso per ottenere i risultati migliori. Per questa ragione ho sempre rifiutato compromessi (ossia i rasoi meno aggressivi), anche se da poco sto cominciando a cambiare idea.
Questa breve digressione serve per dirvi in anticipo che questo rasoio non è per tutti, ma può essere una buona soluzione per chi, come me, ha una barba che la nostra adorata Dorothy potrebbe tranquillamente usare per limarsi le unghie.

Passiamo ora a parlare del rasoio. Il MühleR41 è un rasoio di sicurezza in tre parti: il manico, la barra di sicurezza e la testina.

Rasoio-di-sicurezza-mhüle-41-opinione-recensione

Il modo corretto per smontarlo e inserirvi la lametta è svitare il manico e separare le due parti superiori, avendo cura di assemblarle poi nel modo corretto.
Questo rasoio è di un ottimo acciaio tedesco, molto solido, ma più leggero di quanto pensereste. Personalmente preferisco che questo genere di attrezzatura abbia un peso maggiore, tuttavia la cosa non ne compromette assolutamente la qualità.
Una lamentela che mi sento invece di fare riguarda il manico, la cui zigrinatura è sì esteticamente molto bella, ma poco funzionale. Non si tratta del tipo di incisione scelta, quanto del fatto che essa non è abbastanza profonda e il rasoio risulta scivoloso. Inoltre, durante la rasatura è possibile che della crema da barba ci finisca sulle mani compromettendo ulteriormente la nostra presa sul rasoio, cosa che, abbinata alla sua natura aggressiva, può causare problemi.

Perché il Mühle R41 è così aggressivo?
Io stesso mi sono posto più volte questo interrogativo, anche a causa del fatto che a prima vista il rasoio non sembra particolarmente pericoloso o tagliente. Nonostante ciò, mai giudicare un libro dalla sua copertina, soprattutto perché appena appoggiato su viso ci si rende subito conto del suo morso.Mühle-41-rasoio-di-sicurezza-opinione-recensione

Credo che questa foto possa aiutarci a dirimere la questione: se osservate attentamente la barretta di sicurezza, vi accorgerete di due sue peculiarità. La prima è il fatto che essa è a pettine semi-aperto, prima indicazione di una sua decisa efficacia; la seconda è l’incredibile pendenza dei dentini del pettine. L’angolazione di questi ultimi arriva quasi a 90° andando più in basso della maggior parte dei rasoi di sicurezza presenti ora sul mercato.
Il risultato è che la pelle risulta maggiormente esposta alla lametta, che ha già molta libertà considerando la sua distanza dalla barretta.

A mio parere è grazie a questa piccola meraviglia ingegneristica che il Mühle R41 può essere così efficace nelle passate, il tutto senza che la testina lasci una grande quantità di lama esposta (nella sua versione precedente l’esposizione era molto maggiore), cosa che potrebbe rendere la stessa più instabile.
Non è tutto oro quello che luccica e se dovessi fare un altro appunto a questo rasoio, o per meglio dire a chi lo ha progettato, è che la fine dei dentini dovrebbe essere un po’ più smussata in quanto spesso va a grattare la pelle in un modo non piacevole.

Già dall’introduzione di questo articolo volevo che capiste che ci troviamo di fronte all’esperienza più vicina ad un rasoio a mano libera che si possa ottenere con un rasoio di sicurezza. Il Mühle R41 non è uno scherzo e va utilizzato con la massima cautela, nonostante questo vi taglierete comunque.
Non posso dirlo in modo più gentile o indorando la pillola, con questo rasoio di sicurezza è normale rischiare di tagliarsi ad ogni passata. A me succede sempre: per quanto cerchi di fare attenzione, se voglio estirpare queste erbacce che mi trovo in viso, o uso il Roundup che però è difficile da trovare (e arricchirebbe quei diavoli della Monsanto, nota di Dorothy), oppure accetto il fatto che per ottenere il risultato che desidero potrei tagliarmi.
Questo per me non è assolutamente un problema, soprattutto considerando che il risultato che ottengo dopo ogni rasatura è quantomeno incredibile. Al tatto ogni pelo del viso sembra annichilito e la pelle si presenta regolare e assolutamente non irritata.
Vorrei che questo fosse chiaro: seguendo il metodo di rasatura classico lascerete magari qualche goccia di sangue, ma non avrete irritazioni.

Tutto considerato il Mühle R41 deve essere per forza il mio rasoio di sicurezza preferito, in quanto mi consente di avere l’aspetto che desidero ottenendo il massimo dalla mia rasatura. Gli unici appunti che posso fare a questo rasoio ve li ho già detti (la finitura del manico, il peso e i dentini), tuttavia vorrei elargirvi altri consigli d’uso che ritengo utilissimi:

Non lesinate sulla preparazione alla rasatura: vi parlerò in un articolo dedicato delle possibili routine pre-rasatura, tuttavia ritengo importante che prima di utilizzare questo rasoio vi prepariate nel migliore dei modi. Cercate di rasarvi dopo una doccia, cercate un olio/sapone/crema/scrub prebarba che funzioni per voi; soprattutto mantenete il viso sempre idratato.
Scegliete di usare il miglior sapone/crema che avete: in questo caso è meglio abbinare a questo rasoio solo i prodotti che diano un lather sia scorrevole per il rasoio che protettivo per la pelle.
Non premete: non premete, non premete, non premete e ancora non premete. Lasciate che il peso dello stesso (ecco da dove viene il mio appunto) faccia il suo lavoro. La sua aggressività farà già il suo lavoro, schiacciare il rasoio sul viso non farà che procurarvi guai.
Tenete le mani asciutte: la finitura del manico non è di grandissimo aiuto, quindi vi consiglio di tenere le mani il più possibile asciutte prima di ogni passata e di limitare il contatto con il lather.
Andate per gradi: non è infatti necessario fare subito rasature in tre passaggi, anche due vi saranno molto più che sufficienti, credetemi.
Non abbinate lamette troppo taglienti: il rasoio vi aiuta già in quel senso, non avete ragione di utilizzare lamette con un filo particolarmente tagliente, concentratevi invece su quelle un pochino più flessibili.

Penso che questi consigli possano essere un ottimo sommario di tutto quello che ho imparato da, e grazie a, questo rasoio.
L’ultima cosa che vorrei aggiungere è che non sarò io a sconsigliarlo a chi non ha grandissima esperienza. Io stesso mi presi fin da subito un rasoio più efficace di quanto avrei dovuto, eppure non me ne pento. Volevo avere i risultati migliori senza dover scendere a compromessi e credo che nemmeno voi dovreste farlo. Se utilizzerete questo rasoio con la giusta dose di umiltà e attenzione sono sicuro che otterrete risultati incredibili; rimane il fatto che, come ho già detto, il Mühle R41 non è un rasoio per tutti.
Per quanto questo rasoio sia e rimanga il mio preferito, non credo che potrò utilizzarlo ogni giorno con continuità, poiché la sua azione profonda ne sconsiglia un uso quotidiano, a mio parere.
Come vi ho accennato, sto considerando di trovare un rasoio mediamente più docile da utilizzare ogni giorno, mentre il mio Mühle R41 rimarrebbe la mia arma segreta ogniqualvolta desiderassi la rasatura più profonda che posso ottenere.

Mi piacerebbe che chi di voi già lo utilizza condividesse la sua esperienza con un commento; chi avesse invece domande o curiosità non sia timido e mi scriva pure.
Fino al nostro prossimo incontro vi auguro magnifiche rasature.
Sir Alex the Dandy

Cincischiando-valutazione-analisi-inci-cosmetici

Un pensiero su “Rasoio di sicurezza Mühle R41: recensione e consigli

  1. Luca Boccaccio says:

    Sono passato al Muhle R41 con soddisfazione, aumentata dal cambio di manico (ne ho preso uno in acciaio inox e molto più pesante). Lasciandomi guidare solo dal peso e radendo con due passate a 45/90 gradi rispetto al verso di crescita, dopo massaggio con acqua calda e applicazione di solo sapone da barba Proraso rosso con pennello, sollevando -nella seconda passata- i peli con le dita immediatamente prima di far scorrere la lama, mi trovo ora molto bene. In questo modo posso perfino usare un dopobarba alcolico, cioè il tipo che preferisco. I dentini non mi danno fastidio, anche se effettivamente ho notato la loro “presenza”. Uso soprattutto le lame Astra ma devo dire che le tanto bistrattate Derby si sono comportate bene. Ovviamente, la sperimentazione non finirà qui…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *