Come-lavare-i-capelli-senza-rovinarli-guida

Come lavare i capelli senza rovinarli – la guida definitiva

Shampoo, pettini, spazzole e frizioni possono rovinare i capelli? Si.
Il lavaggio è un momento delicatissimo per mantenere in buono stato la nostra chioma, perchè l’acqua indebolisce la struttura dei capelli.

Hai capito benissimo. L’acqua allunga, ammorbidisce e rende più vulnerabili i legami che formano i capelli. I capelli “assorbono” acqua e si rompono / spezzano molto più facilmente, perché i loro legami lipidici risultano indeboliti.Ecco dunque la guida definitiva per

lavarsi i capelli senza rovinarli

Pettina i capelli da asciutti, districando ogni nodo.
I capelli vanno pettinati PRIMA di fare impacchi e shampoo.
Parti dalle punte e pian piano risali, pettinando una lunghezza sempre maggiore.
È sempre preferibile un pettine a denti larghi: impiegherai più tempo ma ti dedicherai ad un nodo alla volta strappando molti meno capelli.
Io li pettino a testa in giù perchè lavo i capelli nella vasca.

Prepara una boccetta spargishampoo.
Diluire lo shampoo è fondamentale: si riesce a pulire alla perfezione la cute e i capelli con una sola passata.
Io uso un bottiglino da 50 ml. Metto una nocetta di shampoo e aggiungo acqua poco sopra la metà, poi agito.

QUANTO SHAMPOO UTILIZZARE?

Quanto-shampoo-usare-utilizzare-laversi-i-capelli-senza-rovinarli-guida

Se ho in testa un impacco d’olio, per i miei capelli molto (troppo) lunghi la quantità di shampoo consigliabile è a occhio 3 mandorle.
Se invece sono normalmente sporchi, una sola mandorla di shampoo (vedi foto spargishampoo): solo le radici vanno sgrassate, le lunghezze hanno solo bisogno di una rinfrescata e fidatevi, riuscirete a lavare tutto.

Bagna bene i capelli senza toccarli.
Sono già pettinati, bagnali e basta.
L’obiettivo è annodarli il meno possibile!

Svuota in testa la boccetta di shampoo diluito.
Adesso metti le mani a pettine e entra a contatto con la cute infilando le dita tra le radici dei capelli.
Non arruffarli! Inserisciti gentilmente sollevando le radici.
Quando ci sei, pulisci la cute con dei piccoli movimenti “avanti-indietro”.
Non fare movimenti circolari!
E soprattutto non dimenticarti nessuna zona: nuca, dietro le orecchie, attaccatura della fronte…

Guarda le lunghezze. Non le hai neppure sollevate nè toccate eppure sono piene di schiuma di shampoo.
Questo è il momento in cui io ne prendo un po’ (di schiuma) e lavo pettine e mollette varie. È indispensabile? No, io mi organizzo così per non sprecare sapone. 😉
Se sulle lunghezze c’era dell’olio passo le mani dalle radici alle punte, per spargere meglio lo shampoo.

Mai sollevare e arruffare lughezze e radici

sciacqua bene.
Sotto il getto della vasca si riesce, semplicemente spostando la testa, a togliere lo shampoo molto velocemente senza toccare granchè i capelli, al massimo accarezzandoli un pochino.
A testa in giù ti consiglio di fare attenzione a risciacquare bene anche all’attaccatura della fronte.

Balsamo o no?
Come ti dicevo nell’articolo su come lavare e prendersi cura dei capelli grassi, io uso molto poco il balsamo.
Di solito ne metto un pochino quando non ho fatto impacchi preshampoo e quando lavo i capelli col rhassoul, l’argilla saponifera purificante.
Se tu hai i capelli secchi o le lunghezze particolarmente aride, è questo il momento giusto.

Posso pettinare i capelli?
Sarebbe meglio di no. D’altronde sono praticamente senza nodi e potrai sempre pettinarli da asciutti in un secondo momento. Districa eventuali garbugli con le dita.

il segreto bonus per capelli ricci e capelli comunque annodati

Lo so bene, chi ha i capelli ricci NON può pettinarli da asciutti.
I ricci non si pettinano, per tenerli definiti non vanno toccati con un pettine nè prima nè (tantomento) dopo l’asciugatura.
Allora come fare se ci accorgiamo che durante lo shampoo si sono comunque creati dei nodi?
Diventa purtroppo indispensabile districarli da bagnati.
Ecco come farlo arginando i danni.

✅ Dopo aver risciacquato anche il balsamo, prendi un pettine a denti larghi e passalo con delicatezza assoluta su ogni signola ciocca mentre ci scorre l’acqua.
Il trucco sta proprio qui: l’acqua deve scorrere sulla ciocca che stai pettinando.
Il flusso rende più facile il passaggio del pettine, perchè separa i capelli e diminuisce l’attrito.

Ti assicuro che se metterai in pratica questi consigli vedrai la percentuale di capelli spezzati diminuire sensibilmente.
Sembra un processo lungo e laborioso, ma nella pratica sono abitudini meccaniche che non ti portano via più tempo del tuo solito shampoo.
Anzi, con un po’ di mano vedrai che alla fine risparmierai un mucchio di tempo che prima avresti dovuto dedicare a sbrogliare i capelli arruffati.

Fa che lo shampoo non sia più una tortura e fammi sapere come va!

Dorothy 🌸

Newsletter-iloveremunni

Cincischiando-valutazione-analisi-inci-cosmetici

8 pensieri su “Come lavare i capelli senza rovinarli – la guida definitiva

  1. Nancy says:

    Ciao! Ho appena finito di leggere la tua guida e non vedo l’ora di mettere in pratica i tuoi consigli anche se i miei capelli super riccissimi si annodano anche solo con uno sguardo. Comunque spero di riuscire a metterli in pratica perché vorrei tanto che diventassero più lunghi!
    Grazie per gli spunti utili 🙂
    Nancy

  2. Serena says:

    Bene, non li pettinerò più da bagnati. E non farò più movimenti circolari, cosa che mi ha sempre aiutato a dare un tocco di “massaggio relax” al lavaggio. Lo faccio spesso e quindi mi annoia, ho sempre pensato di farmi una coccola in più xD come mai è sbagliato però?
    Grazie, come sempre molto utile 😉

    • Dorothy says:

      Ciao Serena! È sbagliato perchè col movimento circolare li stai arruffando e si annodano, poi ti tocca pettinarli… Ti assicuro che anche piccoli movimenti unidirezionali sono super rilassanti, io sento di coccolarmi molto di più ora che anni fa, quando li lavavo alla maniera classica e poi dovevo imprecare due ore per sbrogliarli 😀

  3. roxy says:

    Fantastico post, Dorothy…grazie mille. Potrà sembrar banale leggere un post su come lavare i capelli, e invece non lo è!mi sono ritrovata, leggendoti, in tutto ciò che di sbagliato si fa durante questa “semplice” operazione, con tutti i risultati negativi conseguenti soprattutto su dei capelli mossi. Il prossimo shampoo…sarà tutta un’altra storia :-).
    Ciao….
    Roxy

  4. Francesca says:

    Ciao, io ho capelli lunghi lisci, che pettino sempre prima di lavarli, e ank io come te li lavo nella vasca. Di solito dopo lo shampoo faccio maschera e poi balsamo ( quest ultimo x me è d obbligo xkè altrimenti dopo è impossibile pettinarli). Dopo l’ applicazione di questi pettino sempre i capelli, e vedo che li perdo, quindi proverò a non pettinarli, però li perdo anke durante il lavaggio, dici che potrebbe essere dovuto ai movimenti circolari? E poi vorrei chiederti gli impacchi pre shampoo meglio farli a capelli lavati e bagnati o solo bagnati ma da lavare? Comunque mai a capelli sporchi, giusto? Grazie Francesca

    • Dorothy says:

      Buonasera Francesca,
      La perdita di capelli in fase di lavaggio potrebbe essere dovuta a tantissimi fattori, a partire dallo stress stagionale, passando per trattamenti cosmetici che rovinano i legami di cheratina, per arrivare a stress meccanici come mollette e brushing disattento che possono spezzare i fusti
      Sicuramente arruffare i capelli durante il lavaggio e procedere a pettinarli da bagnati provoca dei danni.
      Un impacco preshampoo deve essere fatto su capello umido o asciutto a seconda della tipologia di impacco e della tipologia di capello, non c’è una regola generale che va bene per tutto e per tutti. Ovviamente, chiamandosi PREshampoo, va fatto sui capelli ancora da lavare.
      Buon proseguimento,
      Dorothy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *