Caudalie-resveratrol-lift-serum-fermete-siero-opinione-inci-recensione

Caudalie – Resveratrol Lift Serum Fermeté – opinione e INCI

SIero rassodante resveratrol lift di caudalie – caratteristiche

  • Cos’è – siero rassodante per il viso, da applicare quotidianamente sotto la crema
  • Cosa promette – Pelle più soda e tonica, ovale del viso ridisegnato
  • Prezzo / quantità – la boccetta contiene 30 ml di prodotto e viene venduta al prezzo di 48,70 €
  • Descrizione – siero oil- free dalla consistenza e dal colore lattiginosi (leggermente opaco, texture ricca per essere un siero).
    A mio avviso si tratta di una fortunata combinazione tra un siero e un fluido.
    Profumazione fruttata molto lussuosa.

Per la linea Resveratrol Lift di cui questo siero fa parte, Caudalie ha ottenuto un brevetto esclusivo per la combinazione di resveratrolo di vite e acidi ialuronici micro.

Caudalie-resveratrol-lift-serum-fermete-siero-opinione-inci-recensione

valutazione

💚 Molto Buono – in questo prodotto Caudalie trovi tecnologia cosmetica di altissimo livello e formulazione magistrale di tipo tradizionale, con diverse concessioni al sintetico.

a chi lo consiglio?

Il Serum Fermetè di Caudalie è un prodotto adatto a tutti i tipi di pelle, comprese quelle sensibili.
D’inverno è perfetto per chi non ha più particolari problemi di impurità dovute ai cosmetici di sintesi e non ha ancora grosse necessità antiage. Indicativamente lo vedo bene come siero rassodante per la fascia 25-40 anni.

Durante la stagione calda è un ottimo trattamento lifting anche per le pelli più mature, che invece d’inverno dovrebbero rivolgersi a qualcosa di più marcatamente attivo (vitamina A e derivati del retinolo, non mi stancherò mai di ripetertelo, sappilo).

dove si compra?

Nelle farmacie e parafarmacie rivenditrici di Caudalie, ma anche online.  Qui sul sito ufficiale, oppure qui scontato a 43,90 € cercando Resveratrol Caudalie.

recensione d’uso

Caudalie-siero-reveratrol-lift-serum-opinione-inci-recensione

Nella foto, la zona lucida sulla mia mano, alla tua destra, è dove ho spalmato una goccia di siero. Come vedi, la pelle appare immediatamente più sana.

Non lascia la pelle del viso unta, eppure non svanisce nel nulla come fanno molti sieri quasi evanescenti. Pur asciugandosi molto rapidamente (avrai proprio poco tempo per spalmarlo bene senza doverne prelevare altro dalla boccetta), dona come un leggero nutrimento percepibile sul viso.
La pelle appare fin da subito più liscia e idratata, e con l’uso regolare e costante i tratti si distendono.

    • Funziona?

Si, effettivamente agisce sui tratti del viso rassodandoli e liftandoli. Ovviamente non aspettarti miracoli dall’oggi al domani, ma di certo con l’uso del siero Resveratrol Lift di Caudalie otterrai luminosità al viso e pelle tonica

    • Cosa mi è piaciuto

Adoro il fatto che non abbiano reclamizzato promesse assurde e fuori portata, cosa che quando si parla di brevetti ogni tanto accade. Come sai ultimamente ho assistito all’azione di prodotti terrificanti con promesse fuori luogo e ingredienti raccapriccianti. Un po’ di sana onestà intellettuale fa sempre piacere.

    • Cosa NON mi è piaciuto

Qualche concessione di troppo al sintetico nella formulazione.

analisi inci – ingredients list

Il siero rassodante (suona meglio col francese Serum Fermeté) della linea Resveratrol Lift di Caudalie presenta una classica formulazione con acqua, poca glicerina umettante e sostanza solvente solubilizzante (butylene glycol) che serve sia a far penetrare più in profondità gli attivi, sia a rendere il prodotto molto leggero ed evanescente.

La presenza di questo tipo di solventi rischia comunque di indebolire un po’ le difese della pelle, andando appunto ad aggredirne la barriera esterna per far penetrare il prodotto. Per questo motivo ti consiglio sempre di applicare sopra il siero la tua crema viso abituale.

L’emollienza percepita sul viso ad ogni applicazione è dovuta all’azione dell’hexyldecanol (alcol grasso dermocompatibile), dell’hexyldecyl laurate (acido grasso esterificato, un olio sintetico), e dello squalane, sostanza estremamente affine alla nostra pelle, in quanto presenta caratteristiche simili al nostro sebo.

Troviamo poi l’estratto d’uva dalle proprietà antiossidanti (palmitoyl grapevine shoot extract) e una goccia di vitamina E, per poi lasciare spazio a riempitivi sintetici vari, nulla di rilevante nè positivamente nè negativamente.

In fondo, dopo il profumo, troviamo l’acido ialuronico nella sua forma pura (hyaluronic acid, molto raro da trovare nelle formulazioni cosmetiche, di solito si preferisce usare il suo sale sodico) e idrolizzato.

Un ottimo prodotto per chi non bada particolarmente alla derivazione naturale o sintetica degli ingredienti, consigliato per gli attivi brevettati davvero funzionali (idratazione, turgore, attività antiossidante).

Inci-caudalie-serum-resveratrol-lift-opinioni-recensioni

  • Bioecocompatibile? No, contiene ingredienti di sintesi potenzialmente inquinanti e non dermoaffini.
  • Certificato ecobio? No.
  • Vegan? Si.
  • Halal? Non è certificato idoneo per consumatori di fede islamica

Dorothy 🌸

Newsletter-iloveremunni

Cincischiando-valutazione-analisi-inci-cosmetici

4 pensieri su “Caudalie – Resveratrol Lift Serum Fermeté – opinione e INCI

  1. lidia says:

    Buongiorno Dorothy, ieri passando dal negozio Bottega verde ho visto una nuova crema “Straordinaria” anti-age dicono formulata tutta “verde” mah! Io non so, Lei cosa ne dice? Altra domanda: cosa ne pensa della Yves Rocher “Sensitive Vegetal – Concentrato alta tollerabilità”? E’ formulata un po’ meglio della Tolérance di Avène (che è piena di petrolio e io non ne posso più?) Tra l’altro queste 2 creme sono entrambe con flaconcini che inibiscono il contatto con l’esterno (Tipo Tolèrance di Avène) La ringrazio tanto per le risposte e Le invio cordiali saluti.
    Lidia
    P.S. quando può mi comunica anche il nome della “sostituta” che ha trovato per la Crème de la Mer?

    • Dorothy says:

      Buongiorno Lidia!
      Ho visto il claim della nuova crema di Bottega Verde ma non ho ancora avuto modo di provarla. A giudicare da tutti i “senza” con cui l’hanno caratterizzata, non resta molto che possano averci messo… Spero di reperirne presto l’inci e parlarne, ma non credo che la acquisterò per provarla: 60 euro scontati 40 sono decisamente ridicoli. Qual è il valore effettivo del prodotto? Ci siamo capite.

      Il concentrato di Yves Rocher è un prodotto talmente diverso rispetto alla Tolerance di Avene, che mi risulta impossibile farne un parallelo. Formulato meglio per quale fine?
      L’inci del Concentrè ha diverse cose che ad esempio su pelle grassa andrebbero evitate come la peste, ed è preservato con BHT (ne ho parlato qua), per me non lo acquisterei.
      Il Tolerance è pensato per pelle ultra reattiva e sensibile, l’Yves Rocher in teoria anche, ma con criteri da me incomprensibili (perchè inserire PEG, Solventi e Oli sintetici comedogeni?).
      Probabilmente però la gradevolezza d’uso e la consistenza potrebbero farle preferire l’Yves Rocher se non ha ipersensibilizzazioni in corso o è in convalescenza.

      Per la crema anti age ecobio di cui ho parlato, pubblicherò la review appena l’azienda mi comunicherà la lista dei loro rivenditori oppure si deciderà ad avere uno shop online… Se non posso dirvi dove potete acquistarla non ha neppure senso che ne parli per esteso. 😉

      Dorothy

  2. Maria Iannaccone says:

    Cara Dorothy, buon pomeriggio. Sono alla ricerca di un prodotto idratante per il viso contenente una buona percentuale di resveratrolo. Diciamo, un’alta percentuale, visti gli ottimi risultati che avevo ottenuto con una crema al resveratrolo 100% Pure. Il motivo del cambiamento non è tanto nel prezzo, non mi pongo questo problema se la crema e’ performante. Piuttosto, 100% Pure afferma di non usare conservanti classici, piuttosto di basarsi su una sinergia di estratti di piante con azione antimicrobica e conservante ( timo, origano, caprifoglio giapponese). Tutto bene all’acquisto della prima crema: pelle molto più luminosa ed omogenea, tratti più distesi. Il secondo tubetto, appena aperto, presenta odore e colore un po’ diversi. Il colore da bianco latte tende alla bianco sporco e l’odore è decisamente sgradevole, come di olio andato a male… o di quegli oli senza profumi aggiunti, che trasmetto nel senso di un legno trattato. Mi puoi dare una tua opinione? Come faccio a stabilire che l’olio non sia realmente andato a male, c’è qualche modo per stabilirlo?

    • Dorothy says:

      Ciao Maria, se gli oli contenuti nella tua crema sono andati a male dovrebbe esserci una gran puzza di rancido, ma essendo prodotti basati su ingredienti vegetali potrebbe esserci differenza tra un lotto e l’altro e io non posso purtroppo sentire l’odore di cui parli.
      Nel caso ti consiglio comunque di contattare l’azienda e chiedere a loro se è normale che la crema si presenti cosí. Visto che è nuova, dovrebbero venirti incontro.
      Dorothy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *