Skincare-routine-autunno-2015-prodotti-preferiti

My Skincare Routine – preferiti by Dorothy – Autunno 2015

Alcune lettrici ogni tanto mi chiedono quali sono i prodotti che uso, per potersi ispirare liberamente alla mia skincare routine.
Ed eccomi qui a raccontarti i fatti miei: in questa rubrica stagionale (ne usciranno 4 all’anno) troverai un sistema di cura della pelle completo. Si tratta di una routine che parte dalla pulizia per arrivare al trattamento intensivo, compilata in modo specifico per la stagione di riferimento.

La mia skincare routine è adatta a te? Scoprilo leggendo questo semplicissimo schema, in base al tuo tipo di pelle.

  • Hai la pelle grassa? Se odi sentire i prodotti sul viso, usi fondotinta liquido, hai meno di 20 anni… è molto probabile che la mia skincare routine sia troppo pesante per te. Soprattutto i trattamenti. Scegli soprattutto i prodotti che segnalo come oil free, prova i miei prodotti per la pulizia. Cambia fondotinta.
    Poi scrivimi per ringraziarmi, donna di poca fede.
    Se hai la pelle grassa/impura, usi fondotinta minerale e hai capito che idratare la pelle è meglio che seccarla, iniziamo a capirci di più. Evita solo i trattamenti viso che ti segnalo come troppo pesanti.
  • Hai la pelle normale/mista? Probabilmente la mia skincare routine ti piacerà.
  • Hai la pelle secca? Evita i prodotti che segnalo come “asciutti”, “gel”, “oil free”. Il resto va bene anche per te, soprattutto i miei trattamenti notte, e la pulizia. Amo la delicatezza e il nutrimento profondo, fidati.

In questo relativamente caldo autunno 2015, la mia skincare routine è priva di prodotti burrosi e dalla texture troppo ricca e pesante. Non fa ancora abbastanza freddo. È novembre e ci sono 20 gradi. Mah.

Pulizia del viso

  • FIRST CLEANSER (da usare solo la sera, toglie “il grosso”)

Olio di mandorle. Imbattibile, economico, toglie qualsiasi traccia di makeup.

  • SECOND CLEANSER (delicato, per il mattino e per rifinire la pulizia serale)

Sono letteralmente impazzita per il nuovo latte detergente Retinolo BV Plus di Bottega Verde. Pelle pulita e morbida, inci tanto buono da farmi dispiacere di doverlo usare per la pulizia. Adatto a qualsiasi età, e qualsiasi tipo di pelle.
Review qui.

  • TONICO

Idrolato ai fiori d’arancio, certificato biologico e artigianale, prodotto dalla Laboratoires du Haut Sègala.
Non è economico, ma fa una pelle meravigliosa. Sono in dirittura d’arrivo col secondo flacone, lo adoro. Pelle irritata? Ecco la soluzione. Detergente aggressivo?  Ecco la soluzione. Devo pubblicarne la review, stay tuned.

  • MASCHERE ED ESFOLIANTI

Masque Purifiant di Caudalie. La perfezione per pulire e addolcire la pelle del viso di CHIUNQUE. Letteralmente, va benissimo per tutte e lascia la pelle iper vellutata. Review qui.

Trattamenti

  • SIERO

Mi scoccia dare un secondo premio a Bottega Verde, ma quei 20 prodotti di alta qualità (su 2000 così così) meritano davvero.  Ho adorato il siero Ialuron Plus, semplice gel di acido ialuronico adatto praticamente a chiunque. Senza fronzoli, super idratante, ottimo sotto qualsiasi crema. Review qui.

  • CONTORNO OCCHI

Fitocose batte tutti con il contorno occhi all’Eufrasia. Un gel oil free per pelli giovani e/o grasse. Non fa per te se hai la zona perioculare secca o asciutta, nè se hai superato i 30. Per me, ottimo: addio occhiaie. Review qui.

  • CREMA VISO GIORNO

Antos vince a mani basse con la sua crema viso dermopurificante che tante bocciano o non sanno come usare.
Sotto il makeup minerale tiene la pelle idratata e protetta contro l’insorgenza di imperfezioni. Iper lavorabile, ne basta pochissima.
Probabilmente rende ancora meglio su una pelle mista e non untissima come la mia. AdoVo.
Ovviamente se usi un fondo liquido e hai la pelle mista/grassa, questa non fa per te. Fermati al siero.

  • CREMA VISO NOTTE

Potrei usarla mattino e sera, ma per ottimizzarne la durata ho scelto di coccolarmi con questo prodotto quando la pelle è più ricettiva. Sto parlando della crema  Solar Aging  GP4G dell’azienda ecobio artigianale Bio Lalou (totalmente italiana, a scapito del nome)
Non smetterò mai di ringraziare Sir Alex per avermi regalato un tale gioiellino.
Ecobio, ma bomba atomica contro segni di età, stanchezza, macchiette da acne e da sole, rughe e rughette.
All’estratto di plankton, non so se considerarla vegan oppure no.
So invece che non dovrei avvicinarmi a questa tipologia di creme per almeno un’altra decina d’anni, ma prevenire è meglio che curare (e i segni d’espressione sono in agguato a qualsiasi età, considerando che passiamo 7 ore al giorno con mezzo viso spiegazzato contro il cuscino).

Fammi sapere in un commento qui sotto qual è la tua skincare routine preferita per questo autunno 2015, se usi meno prodotti o ancora di più… Sarò felicissima di leggere e prendere spunto! 😉

Dorothy 🌸
Newsletter-iloveremunni

Cincischiando-valutazione-analisi-inci-cosmetici

10 pensieri su “My Skincare Routine – preferiti by Dorothy – Autunno 2015

  1. Giusi says:

    Grazie Dorothy, è un post davvero utilissimo per chi, come me, muove i primi passi in questo campo. Per ora uso un latte detergente della Garnier (ma lo trovo pessimo, devo urgentemente cambiarlo), facendo poi un risciacquo, e Jalus C di Fitocose per idratare. Ho abbandonato Normaderm, e tutte le altre creme da farmacia, e la mia pelle è davvero migliorata! Per una pulizia più profonda faccio una maschera all’argilla. Secondo te, è possibile fare a casa una pulizia professionale come quella dell’estestista? E poi vorrei chiederti, qual è il momento migliore della routine per il trattamento antiage?

    • Dorothy says:

      Ciao Giusi, prego cara!
      Tra la pulizia e lo Jalus, ricordati sempre di passare un tonico.
      Purtroppo le creme da farmacia non hanno granchè senso su pelli giavani, specie se grasse, miste o impure. Vanno bene per rimediare ad altre situazioni, ma paradossalmente la nostra è la pelle che più di tutte va d’accordo con il mondo dell’ecobio e del “naturale”.
      Assolutamente si, una pulizia professionale come quella dell’estetista è fattibile a casa, anche se non sarà ugualmente rilassante. Anzi, visto come lavorano alcune estetiste, puoi fare a casa un trattamento anche migliore e più mirato per le tue esigenze.

      All’ultima domanda… Non so risponderti. 😉 Volendo, tutta la routine può diventare antiage scegliendo i prodotti giusti. Che trattamento antiage vorresti utilizzare?

      • Giusi says:

        Non so, sono un po’ confusa… Vorrei un prodotto da poter abbinare allo Jalus C. Credo di aver capito che il fluido antiage alla vitamina C sempre di Fitocose vada usato da solo, giusto?
        Ho visto altrimenti sul sito di Bio Lalou un olio e una crema della linea pre age. Potrebbero fare al caso mio, considerando che ho la pelle tendente al grasso? Quale mi consiglieresti?
        Grazie mille, e scusa per il ritardo nella risposta. Continuo a seguirti con piacere

        • Dorothy says:

          Ciao Giusi, non posso consigliarti un prodotto senza un’analisi della pelle e delle tue abitudini.
          La pelle grassa è una variante estremamente marginale nella scelta dei prodotti, in ogni consulenza valuto diverse decine di fattori prima di stilare una skincare routine per chi si rivolge a me.
          Consigliarti un prodotto così, a naso, sarebbe perlomeno azzardato e poco professionale.

          Provo ad aiutarti con alcune indicazioni generali sulle quali puoi valutare tu:
          – il fluido antiage alla vitamina C può essere usato nella routine sia come siero (prima della crema), sia come crema (con sotto un siero ancora più leggero) oppure anche da solo.
          – la linea pre age Bio Lalou è ottima sia per prevenire che per far regredire segni e rughette, in quanto a base di Mosqueta e Argan. L’olio può essere usato come siero sulla pelle umida, oppure al posto della crema sopra un siero in gel.

          Dipende soprattutto da quali sono le tue necessità e i risultati che vuoi ottenere.

  2. Ari says:

    Attualmente la mia skincare routine è questa: jalus equilibrante su tutto il viso e crema Fitocose aloe e azulene solo su guance e contorno occhi per l’idratazione mattino e sera, bifasico “a caso” per gli occhi e latte alla mandorla Fitocose sul resto del viso come struccanti, infine detergente leggermente schiumogeno shiseido per la pulizia. Non sono del tutto soddisfatta perché ho qualche problema di lucidità, inoltre vorrei iniziare a prevenire i segni del tempo con qualche attivo specifico, perciò pensavo di acquistare lo Jalus C da usare come unico trattamento per il giorno e continuare con la crema soltanto la sera.
    Domanda: secondo te esistono prodotti cosmetici in grado di contrastare i capillari evidenti? Ne ho molti su naso e contorno occhi, che manifestano così un colore rosso/violaceo molto evidente sul mio viso pallido, la qual cosa mi spinge ad acquistare correttori e fondotinta liquidi che preferirei evitare, non avendo per il resto alcuna imperfezione! Da un lato coprono i rossori, dall’altro probabilmente causano lucidità e dilatazione dei pori…quale soluzione potrei adottare? Grazie! Ari.

    • Dorothy says:

      Ciao Ari, hai già una routine molto buona, vedrai che pian piano riuscirai a perfezionarla!
      Esistono cosmetici in grado di contrastare i capillari evidenti? Si, esistono, soprattutto in ottica di protezione del microcircolo e pian piano con azione attenuante dei capillari irritati che già si vedono.
      Nel panorama ecobio ti consiglio di cercare soprattutto prodotti con olio essenziale di Cipresso, pensati proprio per i capillari fragili.
      Nel frattempo ti consiglierei di ripiegare su correttori ecobiologici che, in quell’area, idratano possono sostituire la crema idratante per il giorno. In sostanza stendi il siero su tutto il viso (il tuo jalus) il correttore sui rossori e la crema viso sulle altre zone 😉
      Ti consiglio inoltre di non mettere la crema viso sul contorno occhi, basta lo jalus. Paradossalmente su quella zona prodotti troppo pesanti possono gonfiare, ne ho parlato qui.
      Dorothy

      • Ari says:

        Grazie per i consigli! So che nel tuo blog hai scelto di non parlare di trucchi, ma visto che hai citato i correttori ecobiologici ti chiedo solo un altro chiarimento: si dice che questo tipo di prodotti tenda ad accumularsi intorno ai pori dilatati (anziché “riempirli”, come fanno inveve i fondotinta e correttori a base sintetica), rendendoli estremamente evidenti. Io ho qualche poro dilatato proprio nella zona nel naso, niente di drammatico ma una simile immagine orrorifica mi ha sempre indotta ad evitare i correttori bio! Secondo te è un timore ingiustificato?
        Grazie! Ari

        • Dorothy says:

          Timore totalmente ingiustificato 🙂
          La cosa peraltro mi suscita un benevolo sorriso… leggi giusto il primo punto di questo articolo e capirai il perchè. 😉
          Non so chi abbia messo in giro queste nozioni poco scientifiche sui correttori, ma se potessi prenderlo con le mie manine vorrei fargli un discorsetto a quattr’occhi.
          Tutto dipende sempre dalla formulazione del correttore, se è troppo pastoso basta scaldarlo tra le dita, vedrai che non segna! Inevitabilmente le pelli miste e grasse avranno bisogno di ritoccare più spesso delle altre, è matematico purtroppo.
          Prima di acquistare pretendi di testare tutto, questo è sottinteso.
          Dorothy

  3. Claudia says:

    Ciao Dorothy, mi sono appena avvicinata al mondo dell’ecobio e della skincare completa grazie al tuo blog. Ho 24 anni e ho acquistato il contorno occhi all’eufrasia e il siero alla viamina C di Fitocose. Vorrei chiederti se quando stendo il siero posso applicarlo anche sul contorno occhi, insieme all’altro. Ho l’impressione che il contorno occhi all’eufrasia da solo sia un po’ troppo leggero: da piccola ho sofferto di dermatite e mi sono rimaste delle pieghette sotto gli occhi (dette pieghette atopiche) che diventano evidenti sia quando uso prodotti troppo leggeri sia quando eccedo con creme varie. Grazie

    • Dorothy says:

      Ciao Chiara,
      Quale siero alla vitamina C hai preso? Sopra il contorno occhi all’Eufrasia, che è praticamente un gel oil free, hai bisogno di una cremina fluida o comunque un prodotto con fase grassa da picchiettare sulla pelle umida. Quantità lillipuziane, ovviamente.
      Buon pomeriggio, a presto,
      Dorothy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *