The-organic-pharmacy-herbal-toner-opinione-recensione-inci

The Organic Pharmacy – Herbal Toner tonico – opinione e INCI

Herbal Toner The Organic Pharmacy – caratteristiche

    • Cos’è – tonico idratante alle erbe senza alcool
    • Cosa promette – prepara la pelle ai trattamenti successivi e aiuta a minimizzare i pori dilatati
    • Prezzo / quantità – confezione 100 ml, prezzo 43 euro circa
    • Descrizione – flacone spray trasparente, tonico acquoso di colore invisibile o leggermente giallino, profumazione leggermente agrumata

The-organic-pharmacy-herbal-toner-opinione-recensione-inci

valutazione

💛 Sufficiente – formulazione non entusiasmante, utilizzo gradevole ed efficace. È il primo prodotto di The Organic Pharmacy che ritengo abbia un prezzo spropositato rispetto all’effettiva utilità e valore del prodotto, considerando vari fattori.

a chi lo consiglio?

Se hai un buon budget e sei una fan sfegatata dei cosmetici The Organic Pharmacy, no problem, questo Herbal Toner è comunque promosso (ovviamente non è un must have come il collega Carrot Butter o l’Antioxidant Serum, credo tu l’abbia capito)
Per tutti gli altri: si trova di molto meglio, sia allo stesso prezzo che per meno.

dove si compra?

– io come sempre mi rifornisco dai ragazzi di Colette a Sarzana (qui la loro pagina facebook )
– Tu puoi trovarlo anche online qui o qui

recensione d’uso

Classico tonico che metterei a metà tra la categoria degli idrolati e quella degli idratanti (se hai letto la rubrica di MItologia Cosmetica dedicata al tonico sai di cosa sto parlando).
Non contiene granchè che lo mantenga sulla pelle e l’effetto è molto simile a un’acqua termale: bisogna tamponarlo dopo l’uso o muoversi ad applicare i trattamenti successivi sulla pelle umida per mantenere l’idratazione sulla pelle.

Utilizzandolo nelle solite quantità (dopo la detersione e tra un trattamento e l’altro) dura pochissimo rispetto agli altri prodotti della stessa marca.
In generale, se il travel size da 10 ml dura circa 4-5 giorni, con 100 ml ci fai giusto un mese e mezzo. Per un tonico da 43 euro a mio avviso è davvero troppo poco.

I risultati sono ottimi, ci mancherebbe: non irrita la pelle, lenisce i rossori, aiuta i trattamenti successivi a fondersi con l’epidermide potenziandone le qualità… Ma nulla che lo distingua particolarmente da altri prodotti.

La formulazione ha diversi aspetti che non mi entusiasmano, ma te ne parlo più avanti.

    • Funziona?

Si, come tonico fa perfettamente il suo lavoro: idrata la pelle e prepara il campo ai trattamenti successivi. Sui pori fa ben poco, ma è normale che sia così.

    • Cosa mi è piaciuto

La profumazione agrumata molto leggera.

    • Cosa NON mi è piaciuto

Leggi l’analisi inci 😉

analisi inci – ingredients list

Inci-the-organic-pharmacy-herbal-toner-opinione-recensione

La formulazione del tonico Herbal Toner è semplicissima: acqua (bio), acqua di Amamelide (bio), e una sfilza di ben 15 estratti vegetali da erbe, tutte da agricoltura biologica:
Calendula, lenitiva
Ortica, purificante
Centocchio (Stellaria media), dermopurificante e lenitiva
Consolida maggiore (Sympthyum officinale), antinfiammatoria
Iperico, disarrossante
Eucalipto, lenitivo e tonico sul microcircolo
Menta piperita, antinfiammatorio
The verde (camelia sinensis), astringente e dermopurificante
Lavanda, lenitiva
Camomilla, lenitiva
Altea, lenitiva
Sambuco, illuminante
Rosa damascena
Equiseto, rigenerante
Tussilago, dermopurificante ed emolliente

Sulla confezione c’è scritto 18 erbe, vero? Infatti non abbiamo concluso.
Si aggiungono:
– olio essenziale di limone biologico, per la profumazione. Gli oli essenziali di agrumi sono peraltro fotosensibili e fototossici, cosa che pone dei dubbi sull’opportunità di utilizzare questo prodotto quando ci si espone al sole, o si fanno lampade (sconsigliate, manco a dirlo). Se chiedi a me, meglio di no.
Polvere di succo d’aloe biologico, praticamente aloe liofilizzato, che contribuisce alle proprietà idratanti del tonico.
– Estratto di resina di benzoino, con proprietà antisettiche e fissative del profumo, che tecnicamente non metterei tra le erbe.

Ma non è ancora finita!
Dov’è il conservante?
Toh, eccolo: citrus grandis seed extract.
“No, aspetta, quello è estratto di semi di pompelmo”.
E invece ti dico che è il conservante. La diciottesima erba, se escludiamo il benzoino o l’aloe.
I semi di pompelmo hanno in natura proprietà antiossidanti, e basta, poco altro.
Il problema è che i semi di pompelmo vengono ormai trattati in modo da far acquisire loro proprietà conservanti dovute a sostanze terze, praticamente delle impurità.
Questi contaminanti ovviamente non vanno dichiarati in inci, e possono essere di vario genere: il famigerato triclosan, banali parabeni, oppure benzethonium chloride. Personalmente non amo il triclosan per quel piccolo difetto che ha di accumularsi per via sistemica, ma il vero problema qui è sostanzialmente non sapere quale sostanza conserva il prodotto.
È irrilevante se il pompelmo viene coltivato biologicamente o no (e in questo caso, non è biologico), perchè il trattamento dei semi viene fatto a monte.

Altra cosa che non mi fa impazzire: 18 erbe.
Sapendo che ogni estratto vegetale contiene decine di sostanze (es. tannini, flavonoidi, saponine… ecc), è praticamente impossibile prevedere l’interazione tra queste 18 erbe sulla pelle.
I casi sono due:
– O c’è un rischio allergico non indifferente
– O ogni estratto è stato inserito in formula in quantità talmente infinitesimali da rendere praticamente inefficaci le qualsivoglia proprietà della maggior parte delle erbette.
Propendo per la seconda soluzione confermando la mia valutazione per un prodotto certamente di qualità e funzionale, ma dal costo spropositato e dalla formulazione un po’ pretenziosa.

  • Bioecocompatibile? Assolutamente si.
  • Certificato ecobio? Si, il 99,8% degli ingredienti proviene da agricoltura biologica
  • Vegan? Si
  • Halal? Non è certificato idoneo per consumatori di fede islamica, ma certamente risponde allo standard halal

Dorothy 🌸

Newsletter-iloveremunni

Cincischiando-valutazione-analisi-inci-cosmetici

4 pensieri su “The Organic Pharmacy – Herbal Toner tonico – opinione e INCI

  1. bianca says:

    Ciao Dorothy, ho avuto modo di provare per la prima volta i prodotti di the organic pharmacy dopo la tua rewiew sul carrot butter. Che dire? Il carrot butter e il siero mi sono davvero piaciuti. Il tonico non sono riuscita a giudicarlo, pur avendolo usato nella taglia mini size che si trova nel cofanetto non vedo risultati eclatanti sulla mia pelle. Quindi mi fido della tua recensione. Sarei invece curiosa di sapere cosa ne pensi del gel antiossidante, quello che si trova nel cofanetto. Loro consigliano di utillizarlo sulla pelle prima dell’applicazione del siero. E così ho fatto, ma mi piacerebbe sapere se tu lo consigli o lo giudichi un prodotto che, tutto sommato, non ha un rapporto qualità prezzo che ti fa dire: OK, spendo 75 euro ma per una cosa magnifica!! Grazie e scusa il papiro!!

    • Dorothy says:

      Ciao Bianca! Nessun papiro, non preoccuparti 🙂
      Arriverà la review anche del Gel Antiossidante, ma posso anticiparti che non ritengo sia all’altezza del Serum e del Carrot Butter (la valutazione sarà probabilmente un Molto Buono).
      La cosa che non mi fa impazzire del gel è che è molto leggero, quindi teoricamente adatto alla stagione calda, ma al contempo contiene oli essenziali di agrumi (fotosensibili e fototossici) da non utilizzare assolutamente quando ci si espone al sole…
      Sotto il siero oleoso lo trovo un po’ rindondante.
      Dorothy

  2. Maria Iannaccone says:

    Ti ringrazio per l’obiettività che dimostri. Virtù molto rara… in giro sul web leggo molto le opinioni di altri blogger. Però per la maggior parte, sembrano tutte tese in qualche modo a promuovere la maggior parte dei prodotti oggetto del loro uso. Una promuove prodotti a prescindere purché siano ecobio: alcuni li ho acquistati e su di me non hanno funzionato affatto o hanno funzionato male. Altre sembrano interessate alla diplomazia, forse per non crearsi antipatie dalle aziende o negozi che inviano prodotti probabilmente regalati o scontati. E tutto questo non va bene! W LE PERSONE SINCERE ED AL DIAVOLO gli interessi aziendali dietro.

    • Dorothy says:

      La sincerità è utile anche all’azienda per eventualmente migliorare i propri prodotti sotto qualche aspetto. Se esistono aziende che pretendono solo review positive, sono decisamente molto miopi, perchè il consumatore può essere fregato una volta, ma alla seconda non riacquista più i tuoi prodotti.
      Identicamente una blogger che approvi tutto ciò che è semplicemente ecobio svolge un lavoro a mio avviso abbastanza superfluo, visto che per valutare passivamente se un prodotto è “verde” o no abbiamo tutti accesso al biodizionario. Personalmente ritengo necessario valutare anche altri aspetti
      Dorothy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *