Alchimia-natura-crema-viso-divina-sotto-al-sole-solare-opinione-recensione-inci

Alchimia Natura – Divina sotto al Sole crema viso – opinione e inci

alchimia natura crema viso divina sotto al sole – caratteristiche

    • Cos’è – crema viso antiage e dermoprotettiva
    • Cosa promette – protezione solare media e incredibile azione antiage
    • Prezzo / quantità – vasetto da 50 ml, prezzo circa 33 euro
    • Descrizione – vasetto in vetro pesante semiopaco con tappo a vite in plastica, crema pastosa di colore bianco opaco e profumazione neutra

Alchimia-natura-crema-viso-divina-sotto-al-sole-solare-opinione-recensione-inci

valutazione

💖 Eccellente – formulazione magistrale, risultati d’uso ottimi

a chi lo consiglio?

La crema viso Divina Sotto al Sole è perfetta per te se hai la pelle secca e/o matura e passi tante ore all’aperto, sia in estate che d’inverno.
Per una passeggiata estiva o una camminata in montagna, la sua texture e i suoi ingredienti sono tuoi alleati per proteggere la pelle da sbalzi di temperatura, raggi UV (esposizione moderata), vento e disidratazione.

È consigliata a tutti gli altri tipi di pelle per mantenere il viso idratato e protetto durante periodi particolarmente freddi (dipende da dove vivi, dove vai in vacanza…), perchè d’estate risulta davvero troppo pesante se hai la pelle normale, mista, o grassa.

dove si compra?

  • online sul sito Alchimia Natura qui
  • io l’ho acquistata da Bioutique, a Chiavari (pagina FB qui)

recensione d’uso

Alchimia-natura-recensione-opinione-crema-viso-divina-sotto-al-sole-inci

Più che una crema viso, all’apertura del vasetto ti trovi davanti una pasta viso imperturbabile.
Giri il vasetto? Non viene giù. La sfiori? Non affonda.
E poi pensi “cosa diavolo ho comprato?”
Ma Alchimia Natura la sa lunga e da questa pasta crema viso tira fuori parecchi assi nella manica.

Ovviamente con la fortuna che mi ritrovo ho acquistato questa crema proprio quando stava per arrivare l’inverno più caldo della storia.
Così, siccome non sono andata in montagna, non ho la pelle matura nè tantomeno secca, e d’estate per me questo prodotto vuol dire sudore, la crema viso Divina sotto al Sole è diventata la mia fida crema notte per l’inverno 2016 (come avrai letto nella mia Skincare Routine stagionale). Insomma, Divina sotto la Luna. O sotto al Piumone, come preferisci.

La crema si preleva con comodità, specialmente all’inizio, solo con una spatolina. Tuttavia, la pastosità della formulazione non resta all’applicazione, in quanto la crema, scaldandosi, si spalma bene e non fa effetto bianco (se non leggerissimo e solo sulla pelle già scura). Ovviamente si tratta di un prodotto corposo, quindi inevitabilmente unge un pochino, almeno finchè la pelle non se la beve tutta.

Ho comunque fatto una prova di giorno sotto il makeup minerale e regge, per qualche ora, senza lucidare troppo, ma ripeto: sarebbero necessarie temperature più fredde per renderla adeguata a una pelle grassa come la mia.

Ad ogni modo, di notte ha fatto il suo lavoro alla perfezione, mantenendo il viso morbido, nutrito, e senza causarmi sfoghi di imperfezioni o brufoletti.
Inoltre, i filtri fisici non hanno alcuna controindicazione ad essere utilizzati sulla pelle quotidianamente (al contrario dei filtri sintetici, ne ho parlato qui), e anzi svolgono attività lenitiva, protettiva e disarrossante.
Non per niente, la pasta all’ossido di zinco è utilizzata per gli eritemi da pannolino.

Al risveglio la pelle è decisamente morbida, turgida, nutrita e…unta. Ovviamente il viso al mattino va lavato, com’è giusto che sia.

    • Funziona?

Si, decisamente. Ovviamente non è fatta per starci sotto al sole in spiaggia, ma è una crema viso con tutte le carte in regola per proteggerti dal fotoinvecchiamento e dagli agenti atmosferici che possono danneggiare la pelle.

    • Cosa mi è piaciuto

La formulazione! Tipo che… Wow!

    • Cosa NON mi è piaciuto

L’odore, appena l’ho annusata ho pensato ci fosse qualcosa che non andava. In realtà credo che non mi abituerò mai all’odore degli ingredienti grezzi o di alcuni oli essenziali, ma pian piano me ne faccio una ragione.

analisi inci – ingredients list

Inci-alchimia-natura-divina-sotto-al-sole-crema-viso-recensione-opinione-solare

La base della formula è diversa dalle solite creme: acqua, olio di mandorle dolci, gel di aloe vera bio, buccia d’uva idrolizzata bio (antiossidante, ingrediente tipico di aziende come Caudalie), alcool vegetale bio, burro di karitè (bio anche lui).
E solo dopo tutte queste cose si arriva agli emulsionanti.
Questo denota una crema ricchissima, con alte percentuali di ingredienti molto nutrienti e protettivi, nonochè potenzialmente comedogenici su una pelle non pulita bene o particolarmente incline a sviluppare impurità, specialmente per quanto riguarda mandorle e karitè.

Subito dopo gli emulsionanti riprende la cascata di attivi, di cui questa crema è un vero e proprio concentrato: olio di oliva bio, glicerina (non bio) e miele (bio, che con la cera d’api rende questo prodotto non adatto ai vegani), per donare ancora più idratazione ed emollienza alla pelle.

Pur non avendo un SPF, la crema Divina sotto al Sole di Alchimia Natura fornisce un sistema di protezione (idicata come protezione media dall’azienda) dal fotoinvecchiamento completamente naturale:

  • Gamma Orizanolo (oryzanol), sostanza naturale estratta dalla crusca di riso, che assorbe una parte di raggi UVA
  • Biossido di titanio (titanium dioxide), filtro solare fisico
  • Ossido di zinco (zinc oxide), filtro solare fisico
  • Estratto di calendula bio, lenitiva e disarrossante
  • Estratto di carota bio, fonte di beta carotene e vitamina A, antiage e protettiva
  • Vitamina E (tocopherol), antiossidante
  • Vitamina C (in una delle sue forme stabili, ascorbyl palmitate), antiossidante

La crema resta comunque trasparente sulla pelle perchè i filtri fisici sono probabilmente micronizzati o in forma nano (Alchimia Natura non lo specifica in etichetta), rivestiti da aluminium hydroxyde, opacizzante.

L’inci continua con altri eccipienti, qualche estere (olio di sintesi) biodegradabile di origine naturale e gli allergeni del profumo presenti nell’olio essenziale di ylang ylang ed estratto di vaniglia. Detto così sembra un profumo paradisiaco ma confermo che non profuma, odora di impasto per il pane.

  • Bioecocompatibile? perfettamente si.
  • Certificato ecobio? Si, gran parte degli ingredienti proviene da agricoltura biologica.
  • Vegan? No, contiene miele e cera d’api
  • Halal? Non è certificato idoneo per consumatori di fede islamica

Dorothy 🌸

Newsletter-iloveremunni

Cincischiando-valutazione-analisi-inci-cosmetici

4 pensieri su “Alchimia Natura – Divina sotto al Sole crema viso – opinione e inci

  1. Maria Iannaccone says:

    Cara Dorothy… sto appunto usando una crema contenente olio di mandorle dolci dopo l’acqua cioè in seconda posizione. Siccome sono nuova del tuo blog, vorrei sapere se posso inviarti la lista inci per avere una tua valutazione. In realtà la sto usando mattina e sera sul collo con risultati per me ottimi. Sul viso non posso usarla con la stessa costanza vista la mia pelle post acneica.

    • Dorothy says:

      Inviami pure l’inci della tua crema o qui nei commenti, o via mail, come preferisci 🙂
      Scrivimi anche di che prodotto si tratta ed eventualmente che problemi ti sta dando
      Dorothy

  2. sandra says:

    Ciao Dorothy, complimenti per la tua professionalità, avrei un dubbio su questa crema di Alchimia Natura “Divina sotto al sole” che dovrebbe avere i filtri fisici micronizzati o nano in quanto resta trasparente. Mi chiedevo se effettivamente sono presenti in forma micron o nano non dovrebbero rilasciare sulla pelle radicali liberi? Grazie per un tuo chiarimento. Sandra

    • Dorothy says:

      Buongiorno Sandra, ti ringrazio.
      Con l’entrata in vigore dell’ultima modifica alla normativa europea in tema di filtri solari nei cosmetici è stata vietata con effetto immediato la commercializzazione di prodotti contenenti la forma chimica più instabile del biossido di titanio, per cui qualsiasi cosa tu possa comprare a partire da aprile 2016 sarà infinitamente più sicura dal punto di vista filtri nano e radicali liberi.
      Ricordo infine che un’eventuale attivazione delle molecole avviene solo se fotoesposte, per cui nell’uso quotidiano (non come solare da spiaggia, per intenderci) il problema è irrilevante.
      Buona giornata, a presto,

      Dorothy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *