Giveaway-2016-italia-cosmetici-make-up-blog

Giveaway skincare Febbraio-Marzo 2016

Come promesso, arriva il mio primo Giveaway di cosmetici per la skincare viso (e cos’altro potevi aspettarti da me?). Due dati velocissimi:

  • il Giveaway sarà aperto da oggi, 22 febbraio 2016, fino al 22 marzo 2016, per tutte le residenti in Italia.
  • In questo periodo potrai lasciare un commento al giorno qui sotto, moltiplicando le tue possibilità di portarti a casa il bottino.
  • Ogni commento lasciato dopo la mezzanotte del 22 marzo non sarà valido. L’estrazione del giveaway avverrà numerando i commenti, attraverso random.org. Eventuali mie risposte ai vostri commenti verranno ovviamente saltate.
  • Per poter vincere devi essere iscritta alla newsletter settimanale di ILoveRemunni. Se non sei ancor iscritta puoi farlo immediatamente inserendo la tua mail qui sotto!

Ti ringrazio se sei una delle gentilissime lettrici che su facebook hanno appoggiato questa iniziativa un po’ particolare e ti consiglio di saltare l’introduzione perchè molto probabilmente la conosci già.

Se invece non conosci ancora l’impostazione di questo Giveaway, ti consiglio di leggere ATTENTAMENTE quanto segue e di NON partecipare in caso le condizioni non ti stiano bene.

PREMESSE al giveaway

1) Come già sai, per la mia attività di consulente acquisto ogni anno decine e decine di prodotti cosmetici da provare, ben più di quelli che, tempo permettendo, riesco a recensire qui sul blog.

2) Di solito mi oriento sui mini-size, ma non sempre è possibile. Così molti prodotti acquistati in full size durano ben più del necessario e rischiano di diventare un vero e proprio spreco. E io non tollero gli sprechi.

3) Di solito regalo questi piccoli gioielli ad amiche, mamma, parenti ecc…, che sono sempre contente di ricevere cosmetici nuovi da provare, ma visto che i prodotti sono parecchi e sul blog arrivano più di 20.000 persone ogni mese, ho pensato che forse qualche regalo potrebbe far piacere anche a te e tutte le altre lettrici.

4) I prodotti che ti regalo non sono quindi intonsi e sigillati, MA ne ho prelevato metà (o anche meno) con una spatolina pulita, travasando il prodotto in una volta sola in un vasetto a parte, e ho richiuso la confezione originale applicandovi un’etichetta con la data in cui l’ho aperta (utile per il PAO, la durata del prodotto dopo l’apertura).

5) La confezione originale resta quindi pulita e come nuova, aperta una sola volta e semplicemente con metà (o più) prodotto. A te, ovviamente, spedisco la confezione originale.

6) Si tratta quindi di prodotti che io ho appena aperto, e che non troverai recensiti su ILoveRemunni se non tra diversi mesi (forse). Quello che posso garantirti è che in un mio Giveaway non troverai mai prodotti la cui formulazione merita la valutazione Bocciato. Potrai trovare anche delle eccellenze, sia certificazioni ecobio che prodotti di cosmesi classica, ma di sicuro niente schifezze.

Se sei arrivata fin qui e sei d’accordo con il mio proposito antispreco, BENVENUTA!

Ecco a te il regalo che può essere tuo per questo giveaway:

Giveaway-2016-italia-cosmetici-make-up-blog-bottega-verde-fitocose

Nella foto puoi vedere:
crema viso Pre Age di BioLalou (PAO 6 mesi, aperta 20/02/2016)
crema viso solare oil-free spf 13 di Fitocose (PAO 4 mesi, aperta 20/02/2016)
olio siero Idravita di Bottega Verde (PAO 12 mesi, aperto 18/02/2016)

Siccome questi tre prodotti costituiscono un buon trattamento, ma non completano un sistema di cura della pelle ottimale, ho deciso di aggiungere come bonus personale due prodotti indispensabili per la corretta pulizia del viso:
a destra puoi vedere un vasetto da 30 ml colmo di un prodotto misterioso e un oggetto (nuovo, sia chiaro) da utilizzare insieme.
Non ti dirò cosa sono, perchè mi piacerebbe che qualcuna di voi lo indovinasse.
Questo ovviamente non influenza il risultato del giveaway, è giusto per divertimento ed è anche una risposta piuttosto banale.

Se posso darti un’ulteriore indicazione, visto che chi vincerà utilizzerà i prodotti questa primavera (i prodotti ecobio non sono eterni, vorrei sottolinearlo), ritengo che questa routine sia adatta per una pelle mista per prevenire o combattere i primi segni durante la mezza stagione.

Non mi resta che augurarti buona fortuna e dare il via ai commenti! 🙂

Dorothy 🌸

Newsletter-iloveremunni

Cincischiando-valutazione-analisi-inci-cosmetici

326 pensieri su “Giveaway skincare Febbraio-Marzo 2016

  1. Giusi says:

    1 Ciao Dorothy! Che bella novità, sono davvero contenta di questo giveaway. Mi piacerebbe vincerlo per provare la crema BioLalou, che ho adocchiato insieme all’olio. In generale mi piacerebbe potenziare la mia skincare nella prevenzione antiage. In questo periodo sto finendo il discovery kit di Organic Pharmacy, acquistato d’impulso dopo la tua entusiastica recensione del Carrot Butter. Mi trovo bene, ma non lo ricomprerei per l’estate, anche perché il siero ha ingredienti fotosensibili, giusto? Quindi penso che gli oggetti misteriosi siano un burro per la pulizia del viso e un panno di cotone per rimuoverlo.
    Concludo facendoti i complimenti per il blog, ogni settimana più interessante. Ti seguo sempre, anche se spesso la mancanza di tempo mi impedisce di commentare.
    Giusi

    • Dorothy says:

      Ciao Giusi, prima di tutto buona fortuna! 🙂
      Tutto preciso, l’Antioxidant Face Serum di The Organic Pharmacy contene una vasta gamma di oli essenziali fotosensibili che lo rendono adatto a un uso esclusivamente notturno durante la bella stagione (su pelli secche o mature, considerato che è un olio bello denso), in modo che al mattino sia assorbito ed eventualmente i residui vengano rimossi con la pulizia.
      Visto che non tutte usano due sieri (giorno-notte), viste le infinite accortezze necessarie, di norma lo consiglio per le altre stagioni. 😉
      Sul bonus, ci sei vicina!
      Dorothy

  2. Laura says:

    2 Che meraviglia di giveaway! E i prodotti sarebbero perfetti per me. Io di te mi fido e quindi ok a prodotti aperti…
    I prodotti misteriosi forse sono una crema/burro per la pulizia viso e panno da abbinare…sono un po’ banale? Sarebbe bello scoprirlo di persona

    • Dorothy says:

      Ciao Laura, grazie mille e buona fortuna! Sul bonus, anche tu ci sei quasi, chissà se qualcuna scopre in anticipo di che burro/crema/olio detergente si tratta … 😀
      Dorothy

  3. Mary Nefasta says:

    3 Ciao Dorothy =) Voglio partecipare al tuo give away. Mi piace giocare. Ho partecipato a tanti give away ma non ho mai vinto. xD Però visto che sono una tua lettrice voglio probare.

  4. Giulia says:

    4 Ehilà! 🙂 commento anche io nella speranza di vincere la crema viso Fitocose!
    Ottima idea quella del giveaway, incentiva a una partecipazione più attiva 🙂

  5. Giulia says:

    5 Grazie della nell iniziativa! Praticamente sto provando ogni cosa che consigli! Ho preso il discovery kit della organic e mi trovo bene col siero. Il tonico hai ragione è piuttosto neutro.

    • Dorothy says:

      Ciao Giulia e buona fortuna! Grazie a te per la partecipazione e il sostegno, sono contenta che il Travel Kit The Organic Pharmacy ti piaccia 🙂
      Dorothy

  6. valeria says:

    6 Ciao! Ho scoperto il tuo sito leggendo dell’hennè… bella iniziativa! Non ho mai vinto , chissà che non sia la volta buona 😉 Conosco la crema fitocose, è una buona protezione
    Graizie

    • Dorothy says:

      Ciao Valeria, la mini guida sull’hennè è una cosa di cui vado particolarmente fiera, anche se dovrei un attimo aggiustarla da quando ho cambiato la grafica al sito (si parla di ere geologiche fa); quindi ti ringrazio tantissimo e ti auguro buona fortuna!
      Dorothy

  7. valentina says:

    7 Bella idea! Ho scoperto il tuo blog da poco ma potresti benissimo denunciarmi per stalking 🙂 ho letto quasi tutti i tuoi articoli a partire dal 2014. Non ho mai provato prodotti “verdi”, giusto qualcosina di bottega verde ma niente di cui valga la pena parlarne. Quindi partecipo più che volentieri, sperando di essere fortunata.

    • Dorothy says:

      Benvenuta Valentina, il tuo tipo di stalking è perfettamente gradito da parte mia, non preoccuparti!
      Ti ringrazio tantissimo e non mi resta che augurarti buona fortuna
      Dorothy

  8. Serena says:

    8 Bellissimo giveaway! Il tuo blog è praticamente il mio unico punto di riferimento per quanto riguarda la skincare ecobio e tutti i consigli che hai dato mi hanno sempre aiutata a risolvere i problemi di pelle o capelli che ho. Ad esempio, l’uso dell’olio come detergente e, non da ultimo, lo shampoo alla camomilla di Antica Erboristeria che mi sta dando molte soddisfazioni (a parte una leggerissima e sporadica forfora il giorno dopo il lavaggio).
    Incrocio le dita! <3

    • Dorothy says:

      Ciao Serena, sei sempre gentilissima, grazie mille!
      Ti auguro tanta buona fortuna e… se lo shampoo ti causa forfora forse è da cambiare, oppure hai provato a massaggiare qualche goccia di olio sullo scalpo subito prima del lavaggio?
      Un abbraccio,
      Dorothy

      • Serena says:

        No, ma proverò! Qualsiasi olio va bene? Comunque si tratta di un paio di “pallini” di forfora, non so come chiamarli xD e non sempre.

        • Dorothy says:

          I più indicati per i capelli, senza appesantire troppo, sono cocco e semi di lino, a volte con aggiunta di oli essenziali specifici per la risoluzione del problema…
          Se sono episodi contenuti e sporadici non è proprio forfora e va bene anche solo ammorbidire la cute con un po’ di olio neutro. Oltre allo shampoo potrebbe essere una piccola irritazione dovuta a sbalzi di temperatura o berretti.

          • Serena says:

            15 Proverò e ti farò sapere. Comunque probabilmente è per via dei cappelli che ho dovuto mettere necessariamente. Avendo una storia di dermatite probabilmente si tratta di quello.

  9. Bianca says:

    9 Eccomi, che bello leggere così tanti commenti oggi! Aggiungo anche il mio… Quoto il detergente con annesso panno, che sia olio di cocco? Oppure burro di karitè…. Dal colore mi viene in mente questo… Noto che dopo la tua recensioni in tante hanno provato il kit della the organic pharmacy, per me è stata la scoperta della detersione con gli oli!

  10. Marusca says:

    11 Però….niente male .Sei generosa a voler regalare queste belle “cosucce”.Secondo me dentro quel barattolino c’è una maschera viso abbinata ad una fascia per capelli…

  11. Antonella says:

    12 Ciao!!! Fantastici i prodotti di questo giveaway, sarebbero proprio adatti alla mia pelle mista!! Grazie per tutte le tue recensioni e consigli sempre molto utili!!!

  12. Ludovica says:

    13 Io sono nuova nel forum e da poco mi interesso a questi prodottini senza schifezze..
    Peccato che costicchino un po’ troppo per una studentessa che (ahimè) dipende economicamente dai genitori..
    Bella opportunità questa, grazie tante

    • Dorothy says:

      Benvenuta Ludovica e tanta buona fortuna! Tieni duro, se stai studiando ciò che ami poi le soddisfazioni, anche economiche, arrivano
      Dorothy

  13. Tamara says:

    18 Ciao, ho appena scoperto il tuo blog e ti faccio i miei complimenti, è davvero molto interessante!!! Vorrei partecipare al tuo giveaway, perchè questi prodotti mi attirano molto. Grazie!

  14. Giusi says:

    19 Dato che il giveaway parte da un proposito antispreco, ci sono dei modi alternativi di usare i prodotti che abbiamo comprato ma non sono adatti alle nostre esigenze? Per esempio: è possibile usare uno di quei detergenti viso super schiumogeni come lavamani? Grazie 🙂

    • Dorothy says:

      Ciao Giusi, certo che si, ogni prodotto spesso può avere un uso alternativo: i detergenti viso super schiumogeni vanno bene per le mani, come bagnoschiuma, e anche per lavare i pennelli del trucco 😉
      Dorothy

  15. Laura says:

    20 L’altro giorno volevo scriverti una mail, ma visto il giveaway ti tedierò giorno per giorno… Oggi ne approfitto per ringraziarti perché eliminando detergenti schiumogeni e passando al latte detergente la mia pelle è migliorata tantissimo.

  16. elisa says:

    21 Ciao Dorothy, partecipo volentieri a qs tuo concorso! Per i prodotti aperti nessun problema, ti seguo ormai da mesi e seguo alla lettera ogni tua indicazione!

  17. giuLia says:

    22 secondo giorno! un consiglio, pera stagione invernale sto alternando una sera olio organic più crema notte biolalou e una sera crema al glicolico 12% fitocose. può andare?fino a quando?

    • Dorothy says:

      -Il siero Organic puoi continuarlo finchè ne hai, purchè sia solo di sera (per la questione degli oli essenziali fotosensibili) e purchè al mattino lavi il viso rimuovendo eventuali residui;
      -la crema al glicolico è da interromoere due settimane prima dell’inizio dell’esposizione al sole per permettere la rigenerazione dello spessore della cute;
      -mentre la crema notte BioLalou (presumo la Blue Age / Solar Aging GP4G) non ha controindicazioni di sorta se non al momento in cui senti tutto troppo pesante
      Dorothy

  18. Francesca says:

    23 Ciao Dorothy, partecipo con piacere, nessun problema da parte mia per prodotti aperti (da poco) e poi è un occasione di provare prodotti che non potrei permettermi di comprare! Grazie mille per questa bellissima iniziativa, baciiiii :*

    • Dorothy says:

      Ciao Francesca! Benvenuta e buona fortuna, grazie a te per la partecipazione!
      I prodotti sono stati aperti da pochissimo, proprio in questi giorni, e ovviamente “preparati” per la partenza come descritto; invece per le prossime volte pensavo di organizzarmi con un po’ di anticipo in modo da far partire prima i giveaway e preparare i prodotti gli ultimi giorni, riuscendo così a recuperare qualche settimana di PAO.
      Dorothy

  19. Giulia says:

    24 Buongiorno 🙂
    lascio un commento anche oggi!
    Inoltre ne approfitto per chiederti se hai mai provato l’hennè Zarqa
    Grazie 🙂

    • Dorothy says:

      Buongiorno Giulia, mai provato personalmente, ma visto il mio passato da utilizzatrice compulsiva di hennè (un giorno potrei anche raccontarvi perchè ho smesso), l’ho provato su un’amica che mi chiedeva consiglio e il risultato è stato un magnifico ciliegia su base castana chiara già hennata in precedenza.
      Per di più, è anche economico 🙂

      • giulia says:

        ma se hai smesso di utilizzare l’hennè come fai a mantenere il rosso? sei passata ad una tinta chimica?
        sinceramente apprezzerei molto un post su come mantenere il colore senza dover fare sempre l’hennè 🙂 (a volte non ho proprio voglia di tenerlo in testa per più di 3 ore… e già lo faccio solo una volta al mese)
        Io utilizzo sempre l’hennè Zarqa ma ho notato che scarica sempre ad ogni lavaggio, anche dopo un mese. Inoltre mi lascia solo dei riflessi, non riesco a farli diventare completamente mogano (parto da una base castana media)

        • Dorothy says:

          Semplicemente… Sono tornata al mio colore naturale, dopo anni di hennè ho avuto proprio bisogno di non farci nulla per un bel po’. Ho dato una tagliata abbondante, il rosso sulle punte c’è ancora, ma lo stacco non è mai stato cosí netto da rendermi necessaria una tinta per uniformare il colore. Anche quando erano metà castani (sopra) e metà mogano (sotto), il passaggio risultava comunque più naturale e sfumato di uno shatush chimico.
          Il rosso comunque dovrebbe restare lì anche se non fai più impacchi, perchè l’hennè si lega alla cheratina e finchè non li tagli non se ne dovrebbe andare.
          Una volta raggiunto un buon colore, basta riprenderlo una volta ogni due mesi e tenerlo anche solo un paio d’ore.

          Se vedi che scarica troppo, nonostante tutto il procedimento ossidazione/freezer, gli accorgimenti sono questi:
          – Controlla prima di tutto che i tuoi shampoo/balsamo non contengano siliconi
          – non fare impacchi d’olio una settimana prima dell’hennè
          – controlla bene il tempo di ossidazione, calcolando i tempi di scongelamento
          – prova senza farlo ossidare (mischi, metti in testa)
          – se ancora scarica, cambia hennè

  20. Giusi says:

    25 Ciao Dorothy, ne approfitto anch’io per farti qualche domanda, maturata in questi mesi di silenzio. Hai una buona alternativa al Carrot Butter da consiliare? Conosci il Cleanse and Smooth Face Balm di Balance Me?

    • Dorothy says:

      Ciao Giusi, il burro/olio della Balance Me è un bel prodottino e costituisce una discreta alternativa economica a al carrot butter. L’unica cosa che non mi fa impazzire di quel burro è la farina d’avena che dovrebbe esfoliare, visto che comunque va rimosso con la mussola e non c’è bisogno di corpuscoli esterni, soprattutto in zona occhi.
      Ne esistono parecchi comunque, a partire dal fantastico Chamomile Cleansing balm della Lulu&Boo, per passare dal TaketheDayOff di Clinque, fino agli oli base.
      Se non hai la pelle particolarmente esigente, l’olio di cocco è perfetto da solo. 😉
      Dorothy

  21. Bea says:

    28 Ciao Dorothy, complimenti per l’iniziativa, anch’io non sopporto gli sprechi. Ti rinnovo i complimenti per il blog, mi sono iscritta volentieri alla tua newsletter perché adoro leggere le tue recensioni.

  22. Florinda says:

    29 Ciao Dorothy! Grazie per la bellissima opportunità!
    Sono completamente d’accordo con te sulla questione “sprechi”, anch’io evito sempre di avere cose accantonate lì o peggio ancora di gettarle via, perciò hai tutta la mia stima. 🙂

  23. Laura says:

    31 Torno a scrivere per dirti che il latte detergente fitocose alle mandorle che mi hai consigliato è molto piacevole e lo riacquisterò sicuramente. Ottimo anche per la mia pelle un po’ grassoccia. Ora devo smaltire un latte detergente che mi ha regalato mamma ( mamma – lo spazio infinito – inci). Non guardo troppo l’inci in questo caso: non mi sta creando problemi, odio sprecare, tanto lo risciacquo e soprattutto me lo ha dato mamma con tanto love

    • Dorothy says:

      Sono davvero contenta che i miei suggerimenti vengano apprezzati e che ti siano tornati utili! ☺️ E poi, va beh, la mamma è sempre la mamma , fai benissimo

    • Dorothy says:

      Ciao Tamara, grazie a te! 🙂 Ho appena iniziato ad utilizzarlo (la mia boccettina travasata, ovviamente)… è estremamente diffondibile, leggero, dal tocco che definirei secco. Non credo che sarà un’eccellenza ma per ora sarei propensa a definirlo un buon prodotto non certificato ecobio ma con una formulazione pulita, adatto a pelli normali/miste/grasse in base alla stagione.

      • Tamara says:

        Grazie Dorothy, allora credo che per me potrebbe andare bene d’estate con una crema leggera idratante in più sulle guance. Ho quasi 43 anni, la mia pelle è mista , si lucida un po’ sulla zona T,con qualche impurità ogni tanto, ma il resto del visto è molto secco e mooooolto sensibile(arrossisco per nulla come una ragazzina 🙂 ).
        A presto! 😉

  24. elisa says:

    33 Anche oggi presente!
    Questa volta con una domanda, il mio ragazzino si sta affacciano alla preadolescenza e già sul suo viso sono presenti punti neri e brufoletti(ho notato però che a lui non diventano gialli, rimangono rossi fino a scomparire)cosa mi consigli, un buon detergente mattina e sera? Ti ringrazio e buon pomeriggio! ELisa

    • Dorothy says:

      Ciao Elisa, ti consiglio di scegliere un prodotto in latte o balsamo vegetale, secondo il tuo gusto e le tue tasche, che sia pensato per pelli sensibili e irritate.
      In secondo luogo è importante come si lava la faccia, ne ho parlato approfonditamente qui.
      Buon pomeriggio anche a te!

  25. Laura says:

    34 Oggi ti stalkero chidendoti una info o meglio suggerendo un argomento: deodoranti. Non ho trovato nulla sul tuo sito, se c’è e l’ho perso perdonami, sono un po’ tonta. Leggo e ho letto di tutto soprattutto sull’aluminum chloride e chlorohydrate e altri ingredienti: solo confusione, fonti poco attendibili e allarmismi. Mi piacerebbe molto leggere un tuo articolo sull’argomento. E magari anche cosa pensi del caso Johnson & Johnson. Lo so l’argomento deve essere molto complesso, ma io ci provo…

    • Dorothy says:

      Sull’argomento Johnson & Johnson, visti i miei trascorsi accademici in ambito legislativo legato alla cosmetica, temo che partirei con un pippone giuridico-comparativo noioso per il 99% di tutte voi
      Se interessa, posso recuperare la sentenza ed entrare un po’ nei dettagli della storia, sempre tenendo presente che la legge statunitense è diversa da quella europea e che mai, mai, a prescindere da ciò che è successo, mettere il talco sui genitali femminili.
      L’argomento deodoranti non c’è, in sostanza perchè ho deciso di specializzarmi e focalizzarmi sulla skincare viso, oltre a qualche spin off corpo e capelli che mi appassiona e su cui ho qualcosa da dire. Non è una questione particolarmente complessa a dire il vero (nè entusiasmante ), ma dato che non sei la prima a chiedermelo, mi segno l’argomento per un futuro articolo di Mitologia Cosmetica

  26. Bea says:

    35 Buongiorno Dorothy, ho letto in qualche commento precedente che stavate parlando di henné, io ho iniziato a usarlo un paio di anni fa e mi sono trovata benissimo, sia perché dà dei bei riflessi sui miei capelli molto scuri sia perché, fino a qualche settimana dopo l’applicazione, mi aiuta coi miei capelli tendezialmente grassi. Inoltre, ispessendoli, mi dona anche un po’ più volume (ho tanti capelli ma sottili e liscissimi). Adesso peró temo di doverlo mio malgrado abbandonare, i primi capelli bianchi iniziano a divenire sempre più evidenti… e ho pure la sfiga di averli concentrati davanti, nell’angolo più alto a sinistra (caratteristica ereditata da mia nonna, credo), quindi in un punto critico. L’henné rosso (forsan) non riesce a coprirli, li colora un po’ ma avendo le radici molto scure, la differenza si nota. Quello che chiamano henné nero (sempre forsan) non riesce neppure a tingerli, é stato un vero flop. Temo di dovermi affidare ad una tinta chimica, anche se non vorrei proprio. Tu, o magari qualche tua lettrice, avete un suggerimento? Un prodotto naturale efficace anche sui capelli bianchi (su base piuttosto scura)? Altra domanda: mi era venuta la balzana idea di usare la tinta chimica del mio colore naturale solo sulle radici, aspettare un paio di settimane e fare l’henné solo sulle lunghezze, per mantenere l’effetto shatush delicato che ho già usando il solo henné. Che dici? Rischio un errore clamoroso che mi costringerà a tosarmi come una merinos?

    • Dorothy says:

      Buongiorno Bea! Si parlava di hennè perchè qualche anno fa ho pubblicato una giuda piuttosto completa per utilizzare l’hennè rosso e, nello specifico, come farlo virare al mogano.
      La trovi qui
      Ti anticipo due cose:
      – il Forsan è un hennè molto blando, colora relativamente meno degli altri, e l’impasto è un po’ sabbioso… Va bene per chi è alle prime armi e non è sicura di voler continuare a farlo, poi bisogna passare ad altro 😉 la cosa migliore che puoi fare è cambiare hennè.
      Considera che l’indigo, hennè nero, sopra il rosso dovrebbe prendere ancora meglio che da solo… Questo è indicativo della potenza del colore Forsan.
      – non è consigliato alternare tinte chimiche ed hennè, di solito si aspetta almeno un mese dall’ultima tinta chimica e poi si parte con l’hennè. Tieni conto che legandosi alla cheratina l’hennè non può essere decolorato e può reagire nei modi più assurdi… Rischi di ritrovarti il colore a chiazze. Ora, non metto in dubbio che tu sia precisissima a mettere la tinta solo sulle radici e poi l’hennè solo sulle lunghezze, ma i capelli crescono e rischi comunque un pasticcio, ad esempio se la tinta deve scaricare e l’hennè sulla tinta non prende (o prende male).

      • Bea says:

        41 Ciao Dorothy, grazie per la risposta. Il tuo mitico articolo lo conoscevo già, é stato molto utile per mettere a punto alcune cosine, ad esempio ho capito di dover allungare il tempo di ossidazione. Comunque compro il forsan per il solo fatto che lo trovo comodamente al supermercato e mi manca proprio il tempo di sbattermi in giro a cercare altro. I miei capelli sono troppo scuri (praticamente quasi nero corvino) per cui, anche a detta di vari parrucchieri, é impossibile cambiare colore senza decolorare. Ma a prescindere, anche per gusto personale, l’henné mi piace per avere dei riflessi più che un colore pieno. Quindi mi sa che per risolvere il disagio dei primi capelli bianchi (già solo nominandoli mi sento male!) rapidamente e senza impazzire, conviene che mi rassegni alle tinte chimiche. Grazie ancora per le tue dritte, sei sempre gentilissima. Buon fine settimana

        • Dorothy says:

          Buon fine settimana anche a te Bea, grazie mille!
          Anche io non sono un amante del dover girare, dove posso ordino online e aggiro il problema
          L’unica alternativa su capelli del tuo colore è fare solo indigo, l’hennè nero, prendendolo di buona qualità, altrimenti non rimane davvero che rassegnarsi alle tinte chimiche… Da un po’ di tempo anche le aziende bioecologiche si sono lanciate nel settore delle colorazioni, ma proprio siamo lontani anni luce dal mio settore e ammetto senza indugi di non avere la più pallida idea di che resa abbiano in pratica

  27. Giusi says:

    36 Ciao Dorothy! Con il commento di oggi vorrei chiederti cosa ne pensi del fenomneo “Korean skincare”, che sta spopolando sul web. Cosa ne pensi? Hai mai provato qualche prodotto di brand coreani?
    Ormai anche per me i tuoi consigli sono insostituibili. Grazie!
    Un abbraccio,
    Giusi

    • Dorothy says:

      Ciao Giusi! Prima di tutto grazie mille, sei gentilissima
      In Corea (del Sud, s’intende) hanno un’industria cosmetica di stampo occidentale, che spesso fa le scarpe alla nostra. Impossibile darne un giudizio generale ma come al solito ho delle considerazioni da poter fare.
      Quello che mi piace dell’approccio coreano è la grande importanza data alla skincare più che al make up, cosa che qui trovo spesso illogicamente stravolta: nella nostra cultura spesso si preferisce nascondere un problema piuttosto che curarlo alla radice. Paradossalmente molte ragazze spenderebbero molto di più in make up che in trattamenti, meno che mai per la pulizia.
      Una bella pelle è fondamentale per un make up improntato a valorizzare più che a nascondere, e in Corea lo sanno
      In secondo luogo, la cosmesi coreana va incontro a esigenze di una popolazione con una pelle e una cultura un po’ diversa dalla nostra: antiage a 20 anni, totale rifiuto dell’abbronzatura, ampio uso di schiarenti ecc… Tuttavia, è anche una delle industrie con la ricerca più avanzata, attenta al naturale e al suo connubio tecnologico, con un’offerta adeguata a tutte le esigenze.
      Scoccia ovviamente doversi rapportare con flaconi in lingue illeggibili, ma se importati regolarmente questi cosmetici devono sottostare alle norme europee in tema cosmetico, che sono piuttosto stringenti. Insomma, diventano affidabili tanto quanto i nostri cosmetici, nel bene e nel male.
      Se non diventa una fissazione, sicuramente è bello aprirsi a nuovi orizzonti, quando si tratta di prodotti di qualità.

      Io ho provato una crema della Whamisa (buona, bella nutriente) e poco altro che ora non riesco a ricordare nè a reperire… Non mi dispiacerebbe provare altro, poichè si tratta di cosmetici promettenti e a costi contenuti, ma la loro diffusione è estremamente limitata e per esigenze lavorative ho necessità di conoscere una gamma più vasta possibile di prodotti facilmente reperibili, quindi per ora preferisco dedicare tempo e faccia al test di prodotti europei. In futuro, chissà, la loro economia è in espansione e non mi stupirebbe se il nostro mercato venisse “invaso”.

      • Giusi says:

        43 Bellissima panoramica, grazie mille! Ha colpito anche me la loro cura molto attenta della pelle, cosa che trovo giustissima. Infatti anch’io, non usando molto i trucchi, sto cercando di migliorare lo stato di salute e bellezza della pelle del viso.
        In effetti, molte marche coreane si trovano su Amazon.com, ma tra spese di spedizione e dazi doganali (per non parlare dei tempi di attesa) non mi sembra conveniente acquistare così. Per ora aspetto… chissà in futuro!

  28. Laura says:

    39 Sul filo di lana, ma anche oggi sono qua a commentare. Vista l’ora e la mia poca lucidità ti lascio solo un saluto e i complimenti per l’attenzione con cui rispondi a tutti i commenti.

    • Dorothy says:

      Buonasera Giulia! conosco il prodotto, non è esattamente la tipologia di tonico che a mio avviso andrebbe utilizzata, in quanto non contiene idratanti che si leghino alla pelle. Per di più sono decisamente allergica alla parola “astringente” … In compenso non è male a livello di seboregolazione e difesa batterica 🙂 non va fatto asciugare all’aria, ma da utilizzare come base umida per la routine successiva va benissimo
      Dorothy

      • Maria Iannaccone says:

        Se posso permettermi di inserirmi nel nostro scambio, vorrei solo dire che io questo toNico astringente Antos l’ho utilizzato. Nel mio caso è stato utile e rinfrescante, non ha seccato la pelle ma l’ ha riequilibrata. Ovviamente ho pelle grassa, post-acne

  29. Laura says:

    45 Ciao Dorothy, in attesa del prossimo acquisto online (voglio provare il tonico alla rosa di fitocose, almeno per ora) mi sto trovando bene con il tonico addolcente dei provenzali bio (trovato al super): è idratante, funziona bene come base per la crema, insomma non mi sembra male.

  30. Maria Iannaccone says:

    46 Molto carina l’iniziativa… ancor più simpatico l’indovinello. A me la crema nel barattolino anonimo, sembra una crema detergente detossinante di G.E.O. PS anche a me piacerebbe vincere… visto che non vinco mai niente sarebbe divertente!!

  31. Maria Iannaccone says:

    Tentativo numero 2 cara Dorothy… e se l’oggetto misterioso fosse una maschera con relativo guantino o pezzolina per rimuoverla? Magari proprio la maschera all’argilla bianca!!

  32. Carla says:

    48 Ciao Dorothy, sono nuova…ho trovato il tuo blog per puro caso cercando su internet qualche recensione per una crema/siero per il viso per pelle mista, con un inci buono, che funzioni davvero su una pelle over 30 e magari non troppo costoso.. Praticamente il Santo Graal… Ti faccio i complimenti per il blog e anche per questa iniziativa contro lo spreco dei prodotti!

    • Dorothy says:

      Ciao Carla, prima di tutto grazie mille per i complimenti graditissimi, sei molto gentile! 🙂
      In secondo luogo ti auguro buona fortuna e ovviamente sono curiosa di chiederti se hai individuato quello che stavi cercando 🙂
      Dorothy

      • Carla says:

        Diciamo che sono ancora in una fase di studio… purtroppo negli anni l’utilizzo di prodotti sbagliati per la mia pelle mi ha portato ad avere molti punti neri e pori dilatati nella zona t…negli ultimi mesi ho cercato di disintossicare la pelle togliendo praticamente tutto (il clima mite di questo inverno mi ha molto aiutato in questo senso)… Ora ovviamente voglio ricominciare reintegrando nella routine tutto ciò che manca…ma l’impresa è ardua…mi attira la crema antos dermopurificante ma ho paura che sia un po’ “troppo”… Però seguo già la routine per una corretta pulizia del viso… Scusa il papiro!

  33. elisa says:

    49 Ciao Dorothy, anche oggi eccomi qui, non mi farò scappare un giorno! Povera te, non ne potrai più! Ne approfitto. …ero convinta di lavarmi bene la faccia ma dopo aver letto nuovamente il tuo articolo (che mi avevi consigliato x mio figlio, grazie!)mi sono accorta di un errore, io l olio di cocco o di vinaccioli, lo passavo su viso bagnato! Convinta di far bene! Ho introdotto l uso di un panno in microfibra e devo dire che la sensazione di pulizia è ottima, poi però io mi do anche una lavata con un detergente bio, più precisamente quello di Ekos…..cosa dici, va bene? Ho deciso di puntare molto sulla skincare, come dici tu invece di coprire i difetti è meglio prendersi cura dalla base….chissà che riesca ad ottenere una pelle senza più brufoli e brufoletti, gli unici momenti in cui avevo una bella pelle era durante le gravidanze…..ma due bastano! Scusa mi sono dilungata un po troppo, buon pomeriggio!

    • Dorothy says:

      Ciao Elisa, non hai idea di quanto mi faccia piacere rispondere a domande e commenti in questi giorni, tempo lavorativo permettendo 🙂 nessun disturbo!
      Ti direi davvero di provare a massaggiare l’olio sulla pelle asciutta, e poi di rimuoverlo col tuo panno bagnato caldo.
      La microfibra è meglio al mattino per rimuovere il latte detergente, per l’olio preferisco il cotone, mussola o tessuto normale è indifferente, perchè pulisce meglio, ma noterai comunque una gran differenza e la detersione si conclude così, non serve altro
      Il detergente di Ekos è sicuramente biodegradabile e “green”, ma tutt’altro che delicato, lo sconsiglio sul viso, soprattutto a tuo figlio, rischia di peggiorare la situazione perchè i tensioattivi sono sempre troppo sgrassanti e compromettono la naturale barriera di difesa cutanea.
      Per qualsiasi altra cosa, sono qui 🙂
      Dorothy

  34. Maria Iannaccone says:

    51 Tentativo numero 3… cara Dorothy questa volta penso di saperlo!!! il prodotto misterioso è latte detergente Giardino Cosmetico!! Scherzo però penso che sia quello. Buonanotte a te ea tutte le persone qui presenti sul tuo blog

    • Dorothy says:

      Ti stai avvicinando, perchè è un prodotto per la pulizia, ma non un latte detergente 🙂
      Buonanotte anche a te Maria!

  35. elisa says:

    52 Buongiorno Dorothy, oggi ho pensato di farti ridere….o forse piangere!
    se ti dicessi che a volte come tonico uso il the verde della colazione? ovviamente prima dello zucchero e delle fette biscottate! !!
    Buona giornata!

    • Dorothy says:

      Ciao Elisa
      non preoccuparti, sei in buona compagnia! A me è capitato diverse volte di utilizzare il filtro del the verde (o di tisane varie) per fare un po’ di massaggio alla pelle prima dell’utilimo risciacquo? Se al mattino sono di fretta e non trovo salviette pulite per la pulizia del viso col latte detergente mi arrangio come posso
      Dorothy

  36. Laura says:

    55 Ciao Dorothy, ti chiedo una cosa, sto utilizzando la crema all’acido glicolico di fitocose e fin’ora ho evitato di applicare il tonico prima per evitare interazioni. È corretto o posso comunque utilizzarlo? Buona serata e grazie in anticipo!

    • Dorothy says:

      Ciao Laura, dipende dal tonico che utilizzi: vanno ovviamente evitati quelli con alte percentuali di alcool, solventi e allergeni del profumo; se invece hai un buon tonico idratante e lenitivo, lo puoi utilizzare tranquillamente prima della crema
      Dorothy

  37. Maria Iannaccone says:

    56 …. si sente la tua mancanza… non vedo l’ora di leggere le tue nuove recensioni!! Così utili e così istruttive…bnotte

    • Dorothy says:

      Domani torno sicuramente con un nuovo articolo, purtroppo (o per fortuna) in questo periodo le consulenza sono tante, e quindi pubblico con un po’ di irregolarità
      Buonanotte Maria!

  38. elisa says:

    57 Buon pomeriggio Dorothy, anche oggi ti assillo con una domanda! Dopo la pulizia viso e prima della crema idratante spalmo una goccia di olio essenziale di tea tree mischiata a due di jojoba per cercare di debellare le impurità, cosa ne pensi? Grazie mille!

    • Dorothy says:

      Ciao Elisa, se ti ci trovi bene è una buona combinazione antisettica da utilizzare come siero sulla pelle umida, evitando le aree delicate come il contorno occhi!
      Dorothy

  39. tiziana puccetti says:

    59 Ciao Dorothy,
    la tua iniziativa mi sembra bellissima!!!!
    Sicuramente non sei una di quelle blogger o youtubers guru che ostentano la cestinatura dei prodotti…se poi pensiamo che molti li acquisti di tasca tua…fai benissimo ad evitare lo spreco e partecipo volentieri!

    • Dorothy says:

      Ciao Tiziana, ti ringrazio tantissimo e ti auguro buona fortuna! 🙂
      Purtroppo quando devo cestinare un prodotto (di solito makeup) perchè ormai troppo vecchio mi piange il cuore e lo faccio anche con una punta di senso di colpa, altro che ostentazione… Per fortuna con la skincare mi è successo solo raramente, con prodotti davvero inutilizzabili che mi sarei vergognata più a regalare che a buttare via (ma preferisco finirli su gomiti, ginocchia, mani e piedi).
      Dorothy

  40. Maria Iannaccone says:

    60 Cara Dorothy ti auguro semplicemente la buonanotte ed una buona giornata per domani. Di osservazioni e domande ne ho già disseminate parecchie sulle tue recensioni… quindi non ti secco ulteriormente!

  41. Giulia Amelia says:

    61 Ciao Dorothy,
    Ho scoperto il tuo blog mentre cercavo informazioni riguardo all’hennè (ho usato tre volte i panetti Lush e a Natale mi hanno regalato il Tazarine in polvere e non avevo idea su come si usasse ahah). Grazie ai tuoi articoli ho imparato molte cose a riguardo! Credo proprio che diventerò una frequentatrice del tuo blog 🙂
    P.s. sono un’ammiratrice dei tuoi lunghissimi capelli

    • Dorothy says:

      Ciao Giulia e benvenuta! 🙂 ti ringrazio, sei gentilissima davvero, fammi sapere come va l’hennè e non mi resta che augurarti buona permanenza in questo piccolo spazio di frivolezze
      A presto
      Dorothy

      • Giulia Amelia says:

        Avevo proprio intenzione di preparare il gel di semi di lino domani mattina, amalgamare il tutto e lasciare ad ossidare 😉

          • Giulia Amelia says:

            68 Oh Dorothy, non so bene cosa ho combinato. Sembra così tanto denso! Forse ho fatto bollire troppo i semi o è evaporata troppa acqua? Ho dovuto aggiungere un po’ di cucchiai d’acqua perché non riuscivo a sciogliere tutti i 100 g di polvere. Secondo te quanta acqua si può aggiungere per non perdere le proprietà “non colanti” del gel?

          • Dorothy says:

            Un paio di cucchiai dovrebbe reggerli senza problemi, se hai messo a bollire 250 ml di acqua (pensando di ottenere 250 ml di gel) è probabile che ne sia evaporata troppa, e molta sia stata assorbita dai semi, che si gonfiano e si agglomerano
            Bisogna farne di più e utilizzare 250 ml di gel dopo averlo fatto… Comunque non preoccuparti, un po’ di gel c’è, se l’hai tenuto di consistenza pastosa come indicato colerà comunque meno che se fosse stata solo acqua
            Dorothy

  42. Laura says:

    63 Mi spiace non scrivere nulla di interessante, ma in questi giorni, quando trovo del tempo libero ho già il cervello fuso!

  43. Bea says:

    65 Buongiorno a te, cara Dorothy, e a tutte le tue lettrici. Sono qui per una domanda: come ti dicevo nel post, ho comprato il siero ialuron plus di BV e ti diró… mi sto trovando bene, mi piace la sensazione che mi lascia sulla pelle dopo l’applicazione. Mi é venuto peró un dubbio, in parte confermato da una breve ricerca, ovvero che l’effetto é visivo/estetico piuttosto che “curativo”. Cioé, a quanto ho capito, il potere del sodio ialuronato di richiamare acqua é solo un effetto temporaneo che si limita allo strato più superficiale della pelle e al solo utilizzo, cioé non va a “lavorare” e migliorare effettivamente la pelle, idratandola e stimolando la formazione di collagene (come fa il “vero” acido ialuronico, cioé in forma di acido, non di sale). Sono informazioni corrette oppure ho capito male? Scusami se mi dilungo e ti faccio troppe domande, non vorrei rubarti troppo tempo. Ti auguro una buona giornata e grazie ancora per i tuoi preziosi consigli.

    • Dorothy says:

      Buongiorno Bea, eccomi a risponderti!
      Prima di tutto mi verrebbe da chiederti dove hai letto queste informazioni, ma forse è meglio non saperlo

      Facciamo un pochino di ordine: l’acido ialuronico nella sua forma acida non viene praticamente mai utilizzato in cosmesi (se noti, tutti o quasi tutti i prodotti che dichiarano di contenere acido ialuronico hanno in realtà in inci sodium hyaluronate).
      Anche la Connettivina, che è un farmaco molto utilizzato per la cicatrizzazione e la rigenerazione della pelle, è a base di acido ialuronico ma contiene in realtà sodium hyaluronate.
      Perchè questo? Perchè nella sua forma acida semplicemente non ci serve. Chi formula con l’acido ialuronico tal quale (hyaluronic acid), lo tampona rendendo il pH generale del prodotto finito molto più alto, generalmente neutro (tra 6,5 e 7,5).
      Quello che metti sulla pelle non è mai un acido in senso stretto, quando si parla di ialuronico.
      Il sodium hyaluronate non è altro che acido ialuronico il cui pH è stato alzato, ad esempio con alcune gocce di soda caustica (sodium hydroxide), quindi anzichè regolare DOPO il pH del prodotto finito, si regola PRIMA il pH del singolo ingrediente.
      Insomma, ai nostri fini è la stessa sostanza.

      Riguardo le sue proprietà, andrebbe fatta una leggera distinzione tra acido ialuronico a basso ed alto peso molecolare, ma non se ne esce più…
      È un ingrediente realmente idratante, decisamente curativo in caso di pelle disidratata, aggredita o stressata, il suo effetto ovviamente non è permanente (come nessun ingrediente) poichè la pelle va curata sempre, in base alle esigenze di ognuno.

      Essendo altamente igroscopico, penetra negli strati superficiali e trattiene acqua nella cute.

      Come tutti i cosmetici, ogni prodotto non può e non deve andare a interagire con gli strati profondi della pelle, altrimenti sarebbe un farmaco… quindi si, resta negli strati superficiali dell’epidermide, rendendola sicuramente più sana, turgida e luminosa proprio perchè idratata.
      Non è un antiage, è semplicemente un ottimo idratante (il che è già una gran cosa che migliora davvero la pelle), così per diretta conseguenza il viso risulta più disteso, si attenuano eventualmente segni e segnetti, che sulla pelle disidratata sono molto più evidenti.

      Qualunque azienda venda gel di ialuronico spacciandolo per antirughe sta mentendo sul reale scopo di questo utilissimo ingrediente, come peraltro ho sottolineato nella review del siero di Bottega Verde.
      Spero di non aver fatto ancora più confusione e di essere stata esaustiva,
      Buona giornata anche a te,
      Dorothy

      • Bea says:

        79 Ciao Dorothy, grazie mille per la risposta, sei stata come sempre gentilissima, con le tue risposte tempestive e molto chiare. Anzi scusami se non ho commentato prima ma é stato un fine settimana da impazzire! Avevo intuito che l’acido ialuronico non venisse usato tale e quale… nonostante abbia conoscenze approfondite di chimica/chimica organica/biochimica, quando si parla di cosmesi mi sento sempre un po’ sperduta, un pesce fuor d’acqua. Forse perché ho sempre considerato i cosmetici come qualcosa di superfluo e ho sempre diffidato del business che gira intorno a questo mondo (cioé ho spesso paura di comprare “aria fritta”). Comunque piano piano sto cercando di colmare le mie lacune, anche perché lo spauracchio dei segni del tempo sulla pelle é dietro l’angolo per me! Purtroppo in giro c’é molta disinformazione… sono pochi i siti e i blogger competenti come te. Grazie ancora, buona giornata.

        • Dorothy says:

          Ciao Bea, grazie a te e non preoccuparti assolutamente per le tempistiche, anche io purtroppo rispondo quando gli impegni lavorativi e personali lo permettono.
          Capisco benissimo la tua diffidenza verso il mondo cosmetico perchè soprattutto fino a qualche anno fa, ma anche oggi, alcune aziende vendono “sogni”. La cosa positiva è che si sta diffondendo anche una cultura in merito, volta ad un approccio realistico ed efficace.
          Grazie mille per il gentilissimo complimento, spero sempre di riuscire a mantenere questo spazio informativo con il giusto mix di tencicità e comprensibilità… per qualsiasi cosa sono a disposizione!
          Dorothy

  44. elisa says:

    66 Buongiorno Dorothy ed anche a te Bea, interessa molto anche a me il dubbio che hai sollevato, sto aspettando di trovare il siero in offra per acquistarlo…..

  45. Giulia says:

    69 Ciao Dorothy 🙂
    Oggi ne approfitto per chiederti una cosa
    L’olio ai semi di lino come impacco pre shampoo lo utilizzi su capelli umidi o asciutti? Perchè ho letto che lo tieni in posa anche tutta la notte allora mi è sorto il dubbio
    Grazie in anticipo 🙂

    • Dorothy says:

      Ciao Giulia, tutto dipende dalla tua tipologia di capelli:
      – se sottili e fragili, impacco su capelli asciutti per rinforzarli
      – se robusti, crespi e spessi, impacco su capelli umidi per ammorbidirli

      Dorothy

  46. elisa says:

    73 Ciao Dorothy! Buona giornata dalla piovosa periferia di Milano. ….io gli impacchi a base di olio li ho sempre messi sui capelli umidi/bagnati…..avevo letto da qualche parte che fosse controproducente sui capelli asciutti….ora proverò da asciutti visto che i miei capelli sono molto secchi! Grazie mille dei tuoi preziosi consigli!

    • Dorothy says:

      Dipende da quello che si vuole ottenere in realtà…
      L’olio va a rinforzare i legami di cheratina, impregna il capello e lo rende più impermeabile e robusto, quindi meno soggetto a rotture da stress meccanici.
      Se prima dell’olio metti invece dell’acqua, vai a intrappolare dell’umido sul capello; umido che allunga i legami di cheratina, li indebolisce un po’, ma rende i capelli molto più morbidi al tatto e disciplinati. Il che lo rende l’impacco perfetto per capelli duri, grossi, crespi e ruvidi.

      Alla fine della fiera si tratta quasi di scegliere tra morbidi e delicati oppure crespi e resistenti… Un mezzo disastro.
      Siccome i miei sono molto molto fini, di solito uso solamente olio.
      Ma ad esempio possono anche essere alternati, provare coi diversi oli che effetti si ottengono, e insomma sperimentare.

      Dorothy

  47. Giulia Amelia says:

    74 Buon sabato a tutte! 🙂 L’hennè sta per essere messo al fresco nel freezer, la vitamina D sta per arrivare in farmacia: sono molto contenta di tutto questo! 🙂 Grazie Dorothy per rispondere ad ogni dubbio 🙂

  48. Laura says:

    75 Ciao Dorothy, leggo con piacere anche le risposte a dubbi di altre lettrici. Grazie perché sei attenta e chiara nelle spiegazioni… insomma è bello vedere un tale impegno, soprattutto perché il “qualunquismo” soprattutto su Internet è veramente tanto.

    • Dorothy says:

      Grazie a te Laura, sei gentilissima! 🙂
      Il tuo supporto e quello delle altre lettrici sono per me una grande soddisfazione
      Dorothy

    • Dorothy says:

      Ciao Tamara, giusto per restare in tema di ritardo, ormai posso solo dire… Buonanotte e buon inizio settimana per domani!
      Dorothy

  49. Maria Iannaccone says:

    77 Cara Dorothy buonanotte perdonami ma avevo una curiosità. Oggi sono entrata in un negozio tipo ‘acqua e sapone’. Avevo adocchiato una boccetta dei Provenzali: cristalli liquidi ai semi di lino. Al primo posto contenevano olio di ricino, se non ricordo male poi glicerina, coco-caprylate e c’era anche olio di semi di lino. Gli altri ingredienti non me li ricordo. Non mi pare ne avessi già parlato, ma vorrei sapere se li ritieni adatti per capelli grassi alle radici e secchi e sfibrati sulle punte. I miei capelli toccano le spalle, e qualunque unguento metto sulle punte… mi fa ritrovare con le radici un po’ unte. Grazie per l’attenzione

    • Dorothy says:

      Ciao Maria, considerando che su capelli con cute grassa conviene utilizzare gli oli solo come impacco preshampoo, direi che qualsiasi olio o mix di oli va benissimo, prima di tutto perchè i capelli sono materia morta, e poi perchè l’olio viene lavato con la detersione e permette, nel caso, anche di non utilizzare il balsamo.

      Non conosco il prodotto di cui mi parli, gli ingredienti che citi mi sembrano un po’ strani perchè la glicerina non è liposolubile e non capisco cosa ci faccia in un olio per capelli senza emulsionante e senza acqua.
      Dorothy

  50. Maria Iannaccone says:

    78 Ciao Dorothy spero che oggi non ti abbia fatto arrabbiare… volevo solo esprimere dei dubbi non certo mettere in discussione il tuo sapere!! Quindi perdonami se ti farò una domanda forse stupida: esiste un modo per evitare nei cosmetici imidazolidinyl urea e tetrasodium EDTA? Quando leggo soprattutto la prima, è più forte di me, lascio il prodotto dove si trova… forse sarà un mio personale allarmismo.

    • Dorothy says:

      Ci vuole ben altro per farmi arrabbiare, non preoccuparti. Ci tengo ovviamente a mantenere un certo ordine e razionalità su questo spazio, per me è fondamentale, pertanto non amo allarmismi, tifoserie ed giudizi estremi non adeguatamente motivati.
      Certo che è possibile evitare le sostanze che citi: basta acquistare solo cosmetici ecobiologici, ormai in Italia ne abbiamo migliaia, per tutte le tasche.
      Dorothy

      • Maria Iannaccone says:

        No, no, non sono qui per fare allarmismi o tifoserie di parte, sono una semplice ospite sul tuo spazio e cerco di porre i miei dubbi per trovare risposte. Per esempio, da una parte leggo che i siliconi sono inerti; dall’altra parte invece leggo che sono dannosi… su una stessa sostanza, insomma, ci sono pareri discordanti. Una persona preparata come te può mantenere la calma, e saper scegliere. Ma una persona non preparata, puo’ entrare in confusione e può spaventarsi non credi? 🙂 Bnotte… mi dispiace, perché leggo sempre con molto piacere sia le cose che scrivi sia le risposte che mi dai. Apprezzo molto il modo in cui ti metti a disposizione qui. Semplicemente GRAZIE.

  51. Tamara says:

    83 Buongiorno, beh, oggi non potevo non commentare, lasciando i miei migliori auguri a te Dorothy e a tutte le donne che leggono il tuo bellissimo blog! Auguri!!!

  52. giulia says:

    84 Buongiorno Dorothy 🙂
    Oggi ti chiedo un consiglio!
    Sono passata da pochissimo (3 giorni) al fondotinta minerale.. Ti vorrei chiedere se c’è una qualche crema giorno (magari per pelli miste) che rende più facile la stesura del fondo
    Grazie in anticipo 🙂

    • Dorothy says:

      Ciao Giulia, prova anche solo semplicemente ad aumentare la “pesantezza” della tua skincare con prodotti contenenti più oli (es. siero oleoso o crema un pochino più unta, non necessariamente più grassa, ma proprio più scorrevole), in modo che la polvere si amalgami diventando crema.
      Altro trucchetto è quello di vaporizzare un pochino di acqua sul kabuki pieno di fondotinta per avere una stesura sia più coprente che più semplice.
      Personalmente mi trovo meglio con il primo metodo
      Dorothy

  53. elisa says:

    85 Ciao Dorothy anche oggi qui ad augurarti una buona serata! Questa sera provo l olio sui capelli asciutti e poi ti farò sapere!

  54. marta says:

    86 Ciao Dorothy, mi decido a partecipare anch’io a questo giveaway 🙂 (anche se non ho mai fortuna).
    Proprio adesso stavo cercando sul sito di fitocose un solare adatto al mio fototipo e consigliava proprio quello che regali tu, mi sembra un ottimo segno 😀
    Complimenti ancora per il tuo blog pieno di spunti interessanti, io intanto sto cercando di seguire qualche tuo consiglio, infatti stasera per la prima volta basta detergente classico e provo finalmente il carrot butter 🙂

    • Dorothy says:

      Ciao Marta! Prima di tutto buona fortuna per il giveaway, ora però sono curiosissima di conoscere la tua prima impressione al passaggio da un classico detergente al carrot butter, di solito è un piccolo shock
      Dorothy

      • Marta says:

        90 Ammetto di dovermici ancora abituare, tendo ad associare la pulizia alla sovrabbondanza di schiuma e non mi sentivo propriamente “lavata”, però la pelle era poi effettivamente più pulita e soprattutto, cosa che non mi aspettavo, di una morbidezza incredibile :):)

        • Dorothy says:

          Continua così, l’inizio mi pare ottimo 🙂
          Tra qualche tempo non vorrai più vedere altro… Pelle più pulita e morbida per tutti!
          Dorothy

  55. roseduster says:

    87 Ciao,partecipo con piacere!Credo che questi prodotti siano il top per il mio tipo di pelle perciò incrocio le dita perchè mi piacerebbe provarli!

  56. Maria Iannaccone says:

    88 Buonanotte… spero tu abbia avuto un buon 8 marzo, per quanto io, a: regali, mimose e bacetti della festa, preferisca per tutte, atti quotidiani concreti di amore e rispetto…

  57. roseduster says:

    89 Dopo una lunga degenza torno al lavoro..spero il tuo ultimo weekend e la tua festa della donna siano trascorsi in maniera più serena e tranquilla 🙂

    • Dorothy says:

      Ciao Rose, ti ringrazio, non festeggio l’8 marzo ma in generale tutto bene, tu piuttosto ti sei ripresa bene? Niente di grave spero!
      Dorothy

  58. Maria Iannaccone says:

    92 …mi immergo nel mio inebriante profumo solido Vaniglia di Antos, oggi arrivato col Siero (♡), e ti do’ la buonanotte ☆☆☆
    Ps Tu ami i profumi?

  59. Tamara says:

    93 Ciao Dorothy, avrei una domanda: Il mineral make-up tu lo applichi col classico kabuki?
    Ho usato le poveri per un periodo, prima ancora che uscissero in Italia(compravo da siti inglesi e americani, seguendo un sito di mineral make-up))ma poi li ho accantonati, perchè adesso che la mia pelle è un po’ più matura e disidratata, soprattutto in inverno, trovo che tendano ad invecchiarmi, nonostante sotto usi una crema corposa e a darmi un’ aria un po’ innaturale. Mi piacerebbe un effetto più leggero, hai suggerimenti? Grazie in anticipo

    • Dorothy says:

      Ciao Tamara, purtroppo i consigli che posso dare in ambito di makeup sono parziali e molto molto limitati, non è decisamente il mio campo, ma posso provare a darti la mia esperienza.
      – applico il fondo minerale col kabuki classico o con un pennello fitto, sul viso un po’ sovraccarico di skincare: viene fuori un effetto molto naturale e si fonde con la pelle.
      – Per una pelle secca/matura consiglio o solo una semplice spolverata di polvere, oppure i classici fondi liquidi, senza preoccuparsi troppo per siliconi e affini.
      Se la skincare è buona, il fondotinta può essere quello che si preferisce, soprattutto quando si arriva più in là con gli anni e il rischio impurità è minore (anzi bisognerebbe nutrire di più il viso). Questo perchè il fondotinta è un decorativo, e il suo compito è starci bene addosso, non deve fare altro nè essere in alcun modo “efficace” per la pelle.
      – il fondo minerale va bene su pelle giovane / pelle grassa o mista / pelle impura.
      Ti consiglio comunque di chiedere a un buon Makeup Artist qualche dritta più specifica
      Dorothy

      • Tamara says:

        97 Effettivamente, ora che ho una certa età 😉 la mia pelle sembra più artefatta quando uso fondotinta minerali. Visto che alla fine non mi trucco tutti i giorni, credo quindi che mi convenga restare sui fondo liquidi, dato che come dici tu, ho notato che le imperfezioni non tendono ad aumentare di molto con i siliconi ormai e cercherò di stare attenta alla skincare, come ho letto molto bene sul tuo blog 🙂 .Le polveri che mi rimangono le userò magari quando farà più caldo in modo leggero. Grazie come sempre

        • Dorothy says:

          Mi sembra un ottimo piano di attacco, e poi le polveri vengono sempre bene come cipria o appunto col caldo 😉
          Buon finesettimana anche a te!
          Dorothy

  60. Laura says:

    94 Ciao Dorothy, una curiosità: come mai l’indicazione nelle recensioni se un prodotto è Halal oppure no? E ne hai mai trovato uno?
    Te lo chiedo perché faccio spesso caso ai cambiamenti dell’offerta commerciale in base alle differenti culture che influenzano la domanda (per ora, più all’estero che in Italia)

    • Dorothy says:

      Ciao Laura, esistono diverse linee di prodotti cosmetici certificati Halal, soprattutto all’estero come notavi tu stessa. In realtà si prevede per quest’anno l’inizio di una tendenza sempre maggiore di prodotti destinati alla clientela musulmana (dovrebbe essere uno dei temi dell’imminente Cosmoprof, se non ricordo male) quindi piú attenzione alle loro necessità rigorose.
      Considera che approssimativamente un musulmano della classe media spende dieci volte quello che spendiamo noi europei in cura del corpo: impossibile che il mercato non si rivolga anche a loro.
      Per ora quella voce nelle review è abbastanza inutile, ma confido in un futuro sempre più variegato (per farti un esempio, sono Halal il makeup Inika e i prodotti PHB Ethical Beauty).
      Dorothy

  61. elisa says:

    95 Ciao Dorothy, il primo tentativo con olio a secco nn è andato molto bene….ma come dici tu sperimentero’ nuove combinazioni di olio! Ti auguro una buona serata!

    • Dorothy says:

      Ciao Elisa, che olio hai utilizzato?
      Tieni conto che se l’olio “a secco” sui capelli li rinforza e li rende meno fragili, dall’altro lato li indurisce. Se vuoi capelli morbidissimi l’impacco va fatto sui capelli umidi.
      Purtroppo bisogna scegliere tra apparenza e sostanza

  62. Maria Iannaccone says:

    96 Bnotte cara Dorothy…mi piacerebbe se tu sezionassi per me ( per noi?) inci e funzionalità di qualke prodotto ‘toothcare’… ho pensato fuori tema?

  63. Maria Iannaccone says:

    99 Stavo finendo di controllare i dati del mio lavoro ed ora posso andare a dormire… quando i conti non si trovano non riesco a chiudere occhio!!

  64. Giulia Amelia says:

    101 Con l’inizio del nuovo semestre di lezioni mi è molto più difficile trovare tempo per esplorare il blog e commentare! Ahimè, è sempre così, ma immagino che con il lavoro non ci siano sostanziali miglioramenti, vero? 😛
    Buona serata a tutte voi! :*
    P.S.: sono molto soddisfatta del risultato ottenuto con l’hennè Tazarine. Zero colamenti, rosso acceso (nonostante abbia seguito tutte le indicazioni per il rosso freddo la mia base è un castano troppo chiaro per ottenere il mogano). Lo riutilizzerò! Grazie ancora per tutte le dritte 🙂

    • Dorothy says:

      Felicissima di esserti stata di aiuto, vedrai che stratificando l’hennè arriverai almeno a un bel ciliegia 😉
      Per la mancanza di tempo, mi piace molto pensare che sia vero quello che diceva Confucio: scegli il lavoro che ami e non lavorerai mai, nemmeno per un giorno in tutta la vita.
      Quindi conformo che col lavoro non ci sono sostanziali miglioramenti in termini di tempo libero, ma è anche vero che se hai la fortuna, la forza e l’impegno di arrivare a fare ciò che ami, lavorare diventa un piacevole passatempo.
      Buona serata anche a te!
      Dorothy

  65. elisa says:

    103 Anche qui pioggia! Buona domenica a tutte voi e a te Doroty!
    P.s. I miei capelli hanno gradito molto di più il solo olio di mandorle a secco!!

    • Dorothy says:

      Buona domenica Elisa! Sono molto contenta per i tuoi capelli… Qui in Liguria c’è solo qualche nuvoletta ma il vento è atroce, giornata da mal di testa cronico.
      Dorothy

  66. Maria Iannaccone says:

    Mal di testa dici?? Provato 2 gocce olio 31 o olio relax Just? (gli Originali… Non le copie, che non hanno funzionato!!)

    • Dorothy says:

      Ciao Maria, è semplicemente mal di testa da vento forte… Finchè non passa il vento, non se ne va, ma non è particolarmente fastidioso (se non perchè secca la pelle).

    • Dorothy says:

      Ciao Tamara, anche io adoro la primavera e non vedo l’ora di vedere fiori ovunque! Tra l’altro la mia azalea sta facendo un mare di fiori e la cosa mi mette allegria
      Dorothy

  67. elisa says:

    106 Ufficiale io ho piantato l azalee già tre anni fa e ancora si rifiuta di fiorire…..eh si che ogni giorno quando chiudo il cancello la saluto sempre! A parte ciò Buon pomeriggio cara Dorothy!

    • Dorothy says:

      Le mie si stanno comportando in maniera quasi tracotante, se non ricordo male le presi diversi anni fa ai banchetti dell’Airc: mai saltato un anno (se le avessi piantate io non so cosa sarebbe successo però…)!

      Buon pomeriggio Elisa! 🙂
      Dorothy

  68. Maria Iannaccone says:

    108 Cara Dorothy… buonanotte, la vitamina D è in arrivo come il burro di cocco… i tuoi post non vanno mai sprecati. ***

  69. Serena says:

    110 Pensavo a qualche idea per i futuri post! Sarebbe interessante se parlassi di deodoranti, specialmente ora che si avvicina la bella stagione e, per lo stesso motivo, dell’SPF nei cosmetici (del tipo, ha senso comprare un fondotinta liquido con spf, tutto ecobio e compagnia bella?).
    Altro argomento sarebbe quello degli odiosi grani di miglio. Non ne ho mai sofferto, ora che finalmente uso correttori occhiaie ecobio (ho occhiaie molto pesanti e ancora non trovo il prodotto giusto, ma va bene) mi stanno pian piano uscendo 🙁

    • Dorothy says:

      Ciao Serena! Ti ringrazio molto, sui prodotti non strettamente solari con spf c’è già un articolo, ma va decisamente ampliato e approfondito (dice troppe cose in troppo poco spazio), distinguendo i vari casi.
      Sui grani di miglio decisamente si può fare, mentre sui deodoranti ci provo, qui il discorso è relativamente semplice ma alla fine non se ne viene a capo con una soluzione che accontenti tutti.
      Dorothy

      • Serena says:

        Allora aspetto i tuoi articoli! Per ora, c’è qualcosa, almeno nell’immediato, che posso fare per questi grani neonati? Magari riesco ad arginare il problema ora che è alle sue origini. Se può esserti utile sapere, applico due volte al giorno il contorno occhi dei Provenzali alla rosa mosqueta. Prima applicato quello di Omnia, sempre alla rosa. Grazie eventualmente! 🙂

        • Dorothy says:

          È probabile che i contorno occhi che utilizzi (ammesso che tu abbia bisogno di un contorno occhi ) siano un pochino troppo “nutrienti” per la tua pelle.
          Di solito fino ai 30-35, se la skincare è buona, per il contorno occhi basta e avanza il siero e la crema viso abituale.
          Per vedere se se ne vanno da soli, prima di rivolgerti a un’estetista che sappia rimuoverli manualmente (chiedi prima, e se ti sembra che non siano sicuri al 100% di quello che ti dicono cambia centro), applica a sere alterne una lozione leggera al glicolico, e ogni tanto una maschera all’argilla delicata.
          Guarda bene come reagisce la pelle, modera le quantità, e almeno quelli più piccoli così facendo dovrebbero andarsene da soli.
          Mi raccomando di pulire la pelle col panno di mussola, e di evitare sinteticume vario.
          Purtroppo i grani di miglio sono tappi di cheratina, difficili da rimuovere in autonomia.

          • Serena says:

            Io credo di averne bisogno perché è una zona particolarmente secca (si vede da come reagiscono i correttori che poi metto, ecobio o no). Mi suona strano l’argilla verde sul contorno occhi, dicono sempre di evitare quella zona! 🙁

          • Dorothy says:

            Anche il glicolico in quella zona infatti va usato con molta attenzione, l’argilla poi può essere di qualsiasi tipo, non necessariamente verde… Ad esempio puoi aiutarti ad applicare piccole quantità di lozione acida o di maschera con un cotton fioc solo sulle micro cisti.
            Purtroppo sono le uniche cose fattibili prima di rivolgersi a chi li sappia estrarre (da non fare mai da sole, si rischia un buco niente male).
            Dopo averci passato tonico, siero, ancora tonico, e crema, il contorno occhi ti resta secco? Bel problema!
            Dorothy

          • Serena says:

            119 Ti dico sinceramente che non passo il tonico sul contorno occhi e neanche il siero perché, almeno dalla confezione, non mi pareva specifico. Non so, la vedo come una zona ultradelicata e ci passo meno prodotti possibile xD sbaglio alla grande, scommetto.

          • Dorothy says:

            Mettiamola così: dipende dal tonico e dal siero 😉
            Che prodotti usi? (Se me l’hai gia detto perdonami)
            Dorothy

          • Serena says:

            126 Ma figurati cara! 🙂
            Uso il tonico viso addolcente alla rosa mosqueta dei Provenzali (te ne parlai per mail e mi dicesti che ti piaceva la formulazione). Come siero uso quello Jojoba e Amla intensivo e addolcente di Dr. Scheller (e crema associata). Puoi vederlo qui 😉 https://goo.gl/tPOFRQ

          • Dorothy says:

            Cosa ti ha fatto di male quel povero contorno occhi per non meritare tutte queste coccole? 😀
            Ripeti con me: detersione, tonico, siero, un altro pochino di tonico (spray, ad occhi chiusi, no batuffolo che altrimenti mi togli il siero), crema. Tutto ciò ANCHE sul contorno occhi 😉
            Hai scelto tutto molto lenitivo, mi piace la tua skincare!
            Dorothy

      • Serena says:

        Wow che bello sentirlo dire proprio da te! Mi sento più che mai vittoriosa. Tutti i tuoi post hanno completamente cambiato il modo che ho di intendere la skincare. Grazie!

  70. elisa says:

    111 Buon pomeriggio Dorothy! In una tua risposta ad un commento hai scritto che ti servi di un negozio di Chiavari, ma sei di quelle parti? Io ho passato l infanzia estiva a lavagna ed ora porto i miei figli a sestri levante!

    • Dorothy says:

      Ciao Elisa! Si, hai individuato la zona…
      Sestri Levante tra l’altro è proprio bellina, Lavagna in gran declino invece.
      Fammi indovinare, tu sei di Milano, vero?
      Dorothy

  71. Maria Iannaccone says:

    113 Cara Dorothy…mi sono innamorata delle creme Cien Nature, rosa/melograno! Credi ke quelle giorno possano andare bene x una pelle grassa post acneica? Non so dire se quei grassi vegetali le si attaglino o meno…delle diciture (per pelle secca/matura) resto spesso dubbiosa…

  72. Tamara says:

    114 Ciao Dorothy, collegandomi ad un commento precedente, anch’io ho passato molte vacanze a Sestri Levante e lì ho conosciuto mio marito, quindi la tua splendida regione mi è molto cara(anche per il pesto! 😉 ). E non sono milanese…(piemontese) 🙂
    Pensare all’estate oggi che qui nevica, mi rende un po’ nostalgica però…

    • Dorothy says:

      Ciao Tamara! Ma dai che bello, di solito i turisti piemontesi vanno nella riviera di ponente e da noi la maggioranza è di Milano, sei l’accezione che conferma la regola e ormai sei anche di casa 😉
      Salutami la neve che qui non la vedo da tanto, è così bella *.*
      Dorothy

  73. elisa says:

    116 Ciao Dorothy, indovinato! Sono della nebbiosa e grigia ed oggi anche ventosissima provinCia di milano…che tristezza! Qui è tt veramente grigio! Per rallegrare un po il giardino ho fatto l albero di pasqua ma i vicini mi guardano come se fossi una pazza!! Ti stesso con una domanda, tempo fa ho acquistato il sapone di Aleppo, presa dalla entusiasmo di quello che avevo letto, ma la mia pelle si arrossata molto, sembrava quasi come dopo una scottature solare! Cosa ne pensi tu di questo prodotto.? Ne avevo tagliato un pezzo ed ora ne ho più di metà che giace nel casetto… ti segno gli ingredienti, sapone di Aleppo con olio di alloro 16%- olea europea, laurea nobili, acqua, sodium hydroxide, sodium cloride. Grazie mille sempre per la tua disponi ilita e simpatia!

    • Dorothy says:

      L’idea dell’albero di Pasqua mi mette allegria solo a pensarci, è la prima volta che lo sento! 🙂 lo riempirei di uova colorate e coniglietti di cioccolato XD
      È un vero peccato che quella zona sia tanto grigia, perchè a livello di umore e di salute fa bene avere ogni tanto un bel cielo blu limpido e aria pulita.

      Il sapone di Aleppo… Dunque, se non ti ci trovi, usalo per le mani: in teoria dovrebbe essere ottimo anche per il corpo al posto del bagnoschiuma. Sul viso, meglio di no. 😉
      Io non lo acquisto per due motivi:
      – è una delle lavorazioni cosmetiche più tossiche per i lavoratori, che utilizzano l’olio di alloro. La produzione di questo sapone è infatti vietata in Europa e può essere solo importato. A mio avviso il gioco non vale la candela.
      – Aleppo è praticamente distrutta dalla guerra da ormai molti mesi se non anni, non si sa bene quali siano le condizioni dei saponifici superstiti e l’effettiva reperibilità di materie prime (ricordiamoci che qui in tempo di guerra si mangiavano i gatti facendoli passare per conigli).
      Cosa ne penso? Da finire e non ricomprare
      Dorothy

  74. Laura says:

    117 Ciao Dorothy, oggi qua nel mezzo della pianura padana c’era un vento che ti portava via. Chissà da te!! Buona serata.
    PS mi sento un po’ il vicino di casa che in ascensore parla del tempo.

    • Dorothy says:

      😀 ciao Laura, da me oggi nuvole, quindi meno vento (di solito quando soffia per il verso giusto spazza via tutto e porta delle belle giornate di sole)… Della Pianura Padana ricordo di una grandissima umidità, ma anche dei migliori salumi che abbia mai mangiato 😉
      Ma magari avere dei vicini di casa come te! 🙂
      Dorothy

  75. Maria Iannaccone says:

    118 Buonanotte Dorothy e buonanotte a tutte le ragazze su questo sito. Dorothy vorrei chiederti una opinione sull’ impiego dell’ (estratto di) pappa reale nei cosmetici. Avevo adocchiato una crema alla Conad della linea naturaline, contenente olio di macadamia e pappa reale appunto.

  76. Bianca says:

    120 Ciao Dorothy e ciao ragazze! Sono al mio secondo commento. Lo so, è pochissimo! Ma ogni volta che entro qui mi perdo via nel leggere recensioni e commenti e tralascio di scrivere… Vedo che sono stata l’unica ad indovinare il contenuto del magico vasetto!! 🙂 a parte questo… Una domanda: mi piace molto, come prodotto, il burro cacao. Sia per la consistenza a burro sia perché mi piace l’idea di prendermi cura delle labbra, così delicate! Solo che ogni volta che lo uso, e ne ho provati parecchi e diversi, ho proprio l’impressione che le labbra mi si screpolino di più.. Succede solo a me? Buona serata a tutte

    • Dorothy says:

      Ciao Bianca!
      Decisamente si, sei stata l’unica ad indovinare a colpo sicuro, qualcuno ci si è avvicinato e qualcun altro avrebbe potuto leggere il tuo commento per svelare l’arcano… 😉
      Col burro cacao, abbiamo lo stesso problema: posso dirti di cercarli opachi, e dalla texture cerosa, ma è un’impresa trovarne di davvero buoni.
      Tu cosa stai usando adesso? 🙂
      Dorothy

      • Bianca says:

        Ora sto usando quello al cocco de i provenzali, semplice e senza pretese. L’ho trovato in offerta a 2 euro al supermercato e non ho resistito. Il prossimo sarà invece il “burro coccola” di Alchimia Natura, ho sbirciato l’inci sul sito e mi ispira tantissimo.

        • Dorothy says:

          Come formulazione sono entrambi ottimi, resta indubbiamente il problema della scarsa attività idratante di moltissimi stick bioecologici… Fammi sapere come ti trovi con quello di Alchimia Natura, mai provato! 😉
          Dorothy

  77. Mora says:

    122 Buona sera Dorothy, vorrei farti sapere che grazie ai tuoi consigli ho adottato diverse nuove buone abitudini al momento della pulizia viso… Ogni sera sei nei miei pensieri

  78. Tina says:

    123 Ciao Dorothy,
    tento anch’io la sorte un po’ all’ultimo a questo giveaway. 🙂
    Il tuo blog di recente è la mia bibbia personale in quanto a consigli di bellezza :D, non riesco ancora a districarmi bene fra tutto questo e i tuoi consigli ispirano fiducia e competenza.
    Mi chiedevo, se non sono indiscreta, se fai anche servizio di consulenza dal vivo (anche se anche lo facessi poi magari vivi a Cagliari e io non potrei comunque usufruirne, però avevo questa curiosità).

    • Dorothy says:

      Ciao Tina, ti ringrazio!
      Assolutamente non sei indiscreta, ti rispondo volentieri: si, fino a poco tempo fa facevo soprattutto e quasi esclusivamente consulenza dal vivo, collaborando da libera professionista con centri estetici e SPA. Il problema in questi casi è la scarsa libertà, perchè ovviamente ogni centro vuole che vengano spinti i suoi brand.
      Ad un’estetista non cambia molto, perchè una volta fatto il suo trattamento ha finito, io ho invece il compito di migliorare a lungo termine abitudini di skincare e condizioni della pelle della cliente, quindi esigo ampia libertà d’azione, che mal si concilia con l’ambiente commerciale di un centro/SPA.
      Ad oggi sto spostando quindi gran parte della mia attività online ed entro fine 2016 vorrei inaugurare ufficialmente un sito dove poter acquistare la mia consulenza con un bel servizio di contorno.
      Lavorare in autonomia mi permette di seguire per diversi mesi la cliente, avere un filo diretto con lei per qualsiasi problema, e soprattutto di inserire nel protocollo di skincare tutti i prodotti perfetti per lei, di qualsiasi brand essi siano (oddio, non sono così onniscente, ma in archivio ne ho schedati parecchi) 😉
      Dorothy

      • Tina says:

        125 Grazie per la risposta rapidissima ☺, nell’attesa che apra lo spazio di consulenza continuerò a leggere attentamente il blog ;). Visto che nei commenti precedenti ho notato che qualcuna ha suggerito argomenti per futuri post mi permetterei di dire che mi piacerebbe leggere qualcosa su fondotinta minerale: quali usare/come. È ingiustificata la mia angoscia per l’utilizzo del fondotinta? Perché nella mia mente fondotinta= male Idealmente vorrei arrivare ad avere una pelle talmente curata da non doverlo mettere, ma è un obiettivo un po’ utopistico☺.

        • Dorothy says:

          Buongiorno Tina,
          (Mi scuso anticipatamente per il pippone memorabile che ho scritto qui sotto)

          Le consulenze sono già disponibili contattandomi privatamente, anche solo per qualche informazione in più, ovviamente in versione beta (quindi anche più accessibile) perchè mi sto organizzando, ma i servizi di base ci sono tutti.

          Riguardo agli argomenti per futuri post, mi fa davvero piacere leggere i vostri suggerimenti, vedo cosa posso fare 😉
          Tuttavia avrai notato che col tempo la mia specializzazione è diventata sempre più la sola skincare viso (e per quanto ne avrei da dire anche su corpo e capelli, sto pian piano eliminando anche quella tipologia di articoli).
          Il makeup, invece, è proprio un ramo della cosmesi di cui non mi occupo se non da comunissima consumatrice. Sicuramente so dirti se una certa formulazione per la pelle può crearti problemi, ma su applicazione, colori, finish e durata lascio parlare i makeup artist che ne sanno decisamente più di me.
          La grande differenza tra questi rami, che mi porta a sostenere di non poter fare i “tuttologhi” in cosmesi, l’hai colta alla perfezione tu stessa quando dici (e condivido!) che vorresti arrivare ad avere una pelle talmente curata da non dover utilizzare più il fondotinta:
          – il makeup è affascinante, ma fa solo SEMBRARE la nostra pelle migliore di quel che è (e rimane)
          – la skincare deve prevenire e migliorare le condizioni della pelle, facendola diventare davvero più bella
          Capisci che il metro di giudizio risulta completamente differente e purtroppo se mi mettessi a parlare di makeup sicuramente andrei a consigliarvi dei prodotti con formulazioni ottime, ma va a finire che poi fanno pena a livello di performance, perchè non ho la comoetenza per giudicare questi aspetti.
          Considera poi che da anni io uso solo il fondo minerale di Buff’d versione original o concealing a seconda della stagione (per poter valutare bene i prodotti di skincare, il makeup non può essere cambiato spesso) quindi non ho proprio la più pallida idea di cosa ci sia sul mercato del trucco.
          Come lo applico? Abbondo con la skincare e il kabuki scivola bene rendendo la polvere cremosa (perchè va a unirsi con la crema viso).

          Dorothy

  79. Maria Iannaccone says:

    124 ….strucco al cocco, fatto. Vita.d3…la assumo a colazione o a pranzo? Infine…mi aiuti a sostituire Airol con un retinolo più ‘pulito’, con cui trattare la sera la pelle Prima di aprile/maggio? Grazie Dorothy…

    • Dorothy says:

      Ciao Maria, a parte il discorso per cui non posso consigliare prodotti senza conoscere bene la pelle di chi mi chiede consiglio, essendo Airol un farmaco non è sostituibile con nessun cosmetico. In cosmesi non si usa quella forma di vitamina A, non otterresti comunque gli stessi risultati…
      Mi spiace,
      Dorothy

      • Maria Iannaccone says:

        Ciao Dorothy buongiorno e grazie per la pazienza, con me ce ne vuole tanta!! Vorrei chiederti dunque una cosa. Siccome avevo adocchiato una crema al retinolo e q10 della 100% Pure, vuoi dire che non potrà mai funzionare con gli stessi effetti di Airol o per esempio di triacneal? Quindi in generale una qualunque crema cosmetica contenente una forma di vitamina A…è poco funzionale, se non è un farmaco?

        • Dorothy says:

          Sono forme di vitamina A diverse, nei farmaci si usa l’acido retinoico (che è un derivato della vitamina A), e ha il potere di arrivare negli strati più profondi riprogrammando la rigenerazione cellulare (la sto facendo molto semplice).
          Nei cosmetici non si possono usare attivi che penetrino fino al derma: pensa alla persona più stupida che conosci e pensa a cosa potrebbe succedere se avesse libero accesso a prodotti così potenti e pericolosi potendoli acquistare come cosmetici.
          Fossero la stessa cosa, non avrebbe senso la prescrizione per i farmaci 😉
          Nei cosmetici si usa il retinolo e alcuni suoi derivati o precursori, si tratta di attivi ben efficaci in cosmesi, ma ovviamente e giustamente non paragonabili a un farmaco.
          Dorothy

          • Maria Iannaccone says:

            Grazie infinite…epperò…in farmacia Airol l’ ho sempre comprato SENZA ricetta medica! Dipende forse dalla %? Ti credo al 110%, sia chiaro ma è per capire…forse sono stupida io…

          • Dorothy says:

            Malcostume di tante farmacie, lo fanno tantissimi esercenti… In realtà è necessaria ricetta bianca ripetibile. 😉

    • Dorothy says:

      Per quanto riguarda la vitmpamina D, va benissimo in qualsiasi momento della giornata ti venga comodo prenderla 😉
      Io ad esempio prendo tutto prima di andare a dormire
      Dorothy

  80. Maria Iannaccone says:

    I commenti qui sono diventati tanti da subito, impossibile riuscire a leggerli tutti!! … ma, mi cade l’ occhio sul tema burrocacao. Provato mai quello Eubiona al miele? L’ ho trovato ceroso e SI…opaco.

    • Dorothy says:

      Si, ottimo!
      Peccato solo sia praticamente introvabile nella maggior parte delle regioni, davvero un gran bel prodotto 🙂
      Dorothy

      • Maria Iannaccone says:

        Ciao Dorothy…ti dirò, a me non è piaciuto, per me il burrocacao o è Logona calendula o Alverde ciliegia. Però per chi, come te, ama gli opachi, mi ha ispirato Eubiona. Lo puoi trovare su rosadellanatura, lì l’ ho preso. (Ho sbagliato a dirlo? Spero di no…correggimi nel caso).

        • Dorothy says:

          Ciao Maria, non preoccuparti, nessun problema nel fare nomi, si tratta di uno shop che non conosco ma gli darò un’occhiata.
          Gli opachi di norma “filmano” di più dando una migliore idratazione, e durano più a lungo, ecco perchè personalmente li preferisco.
          Dorothy

  81. valentina says:

    127 Ciao Dorothy! Spero di non essere ot… ho iniziato a usare vaniqa da circa un mese e vedo già dei piccoli risultati. L’estetista mi ha proposto il laser. Pensi che posso continuare ad usarla (contemporaneamente)? Non vorrei che interferisse con l’efficienza del laser in quanto inibisce la crescita del pelo. Chiedo a te perché ho visto che la usi e sicuramente ne saprai più di me.

    • Dorothy says:

      Ciao Valentina, con Vaniqua i peli non crescono proprio dal bulbo, quindi faresti il laser a vuoto.
      Se vuoi fare il laser, ti tocca interrompere Vaniqa e aspettare qualche settimana che rispuntino i peletti. 😉
      Dorothy

  82. Tamara says:

    128 Finalmente venerdì! :-)Dorothy ho notato che hai cambiato la data della fine del giweaway (effettivamente erano due prima!), così abbiamo due giorni in più per commentare e stressarti…;-) avevo memorizzato il 20 marzo, giusto perchè è il mio compleanno 🙂 speriamo porti bene! Ciao

    • Dorothy says:

      Ti dico cos’è successo: praticamente avevo sbagliato a scrivere la data nel banner in alto, ho scritto 22 anzichè 20. Siccome l’idea di rifare il banner da capo mi affliggeva l’esistenza, mi son detta “va beh, meglio due giorni in più che in meno”, e alla fine ho portato tutto al 22. 😉
      Dorothy

  83. giulia says:

    129 Ciao Dorothy 🙂
    Oggi ti chiedo se utilizzi gli oli essenziali
    Io sto utilizzando da poco più di un mese qualche goccia nella dose di crema corpo / viso che applico alla sera
    Sto utilizzando le minitaglie della Khadì, nello specifico lavanda, ibisco e pink lotus
    Tu li utilizzi spesso? Se si, ne utilizzi uno in particolare?
    Grazie 🙂

    • Dorothy says:

      Ciao Giulia, adoro il mondo erboristico e gli oli essenziali certamente sono una delle sue espressività curative più affascinanti.
      Non posso mixarli ai prodotti che uso, perchè altrimenti non potrei valutarli per quello che sono realmente, ma mi capita di usarne per la cura delle unghie (limone) e quando faccio qualche maschera di tessuto da bagnare. In quel caso aggiungo al mio mix due gocce di palmarosa, seboregolatore e antiage al tempo stesso, che però puzza troppo di erba Luisa (agrumato erbaceo).
      In compenso apprezzo molto le case cosmetiche che li utilizzano come attivi (es. Biolalou, Khadì ecc) e permettono di averli in prodotti pronti da usare, anche perchè bisogna ammettere che gli oli essenziali puri sono pericolosi nelle mani sbagliate. 😉
      Dorothy

      • Tina says:

        Mi intrometto perché si parla di oli essenziali ed io ero incuriosita da una maschera gel aloe e olio jojoba, teoricamente purificante ma anche anti-rughe sia per viso che per capelli (così ho letto, di mio non so molto). A casa il gel d’aloe l’ho già, ma devo ancora capire bene come usarlo :D. Avevo letto di una ragazza qui nei commenti che univa invece il jojoba al teatreeoil, ma non è un po’ aggressivo quest’ultimo (su pelli non grassissime)?. In ogni caso volevo ringraziarti per la lunga risposta alla questione make-up, avevo risposto a mia volta ma mi è saltata la connessione del cell prima di inviarlo e si è cancellato tutto. 🙁 Volevo solo dire che in effetti la mia domanda era comunque più che altro relativa all’ambito skincare, cioè all’effetto che i prodotti con cui il fondotinta è formulato possono avere sulla pelle, a quali elementi costituiscano un buon inci, ma mi rendo conto che il make-up, come dici tu, ha anche una componente di puro “abbellimento” che è molto soggettiva e non va necessariamente a braccetto con un buon inci, quindi la mia domanda era in effetti un po’ mal posta. Insomma, visto che non me la sento per ora di abbandonare del tutto il make-up mi orientero” su qualcosa mi minerale ecobio… grazie mille, scusa per l’infinita logorrea e buona serata :).

        • Dorothy says:

          Ciao Tina, provo a risponderti per ordine:
          – l’olio di jojoba non è un olio essenziale, anzi in realtà non sarebbe nemmeno un olio ma una cera liquida 😉 … Una maschera aloe e jojoba sicuramente sarà idratante ed amolliente, magari lenitiva, ma antiage direi di no (a meno che non contenga anche altro).

          – il tea tree è un olio essenziale antibatterico, alla fine su qualsiasi pelle abbia necessità di “disinfettare” va bene. Il problema è che spesso viene utilizzato anche da chi ha impurità non batteriche, senza risultati. In base all’olio in cui viene sciolto (non si usa puro) può adeguarsi alle diverse tipologie di pelle. 😉

          – il makeup ovviamente va scelto in base al proprio tipo di pelle, tuttavia le formulazioni dei fondotinta non possono essere giudicate con gli stessi criteri della skincare, semplicemente perchè hanno altre funzionalità e devono avere caratteristiche diverse sulla pelle…
          Buona serata anche a te!
          Dorothy

    • Dorothy says:

      Ciao Giulia, si, un gran bel prodotto, se usata con costanza dà soddisfazione, purtroppo non si spalma tanto a lungo come i prodotti analoghi sintetici, ma utilizzandone un po’ di più qualche minuto si riesce a fare 😉
      Dorothy

  84. Maria Iannaccone says:

    133 Cara Dorothy buonanotte. Mi è venuta in mente una domanda sui filtri impiegati nei profumi. Sarà che stavo pensando al posto sui filtri solari nei cosmetici. Condivido in toto la tua opinione riguardo l’Impiego di filtri solari anche in inverno. Ma perché impiegare dei filtri anche nei profumi? È corretto dire che questo impiego è dovuto al fatto che nelle profumerie ci sono luci e calore così forti da dover proteggere il profumo?

    • Dorothy says:

      Ciao Maria, hai centrato in pieno: i filtri solari nei profumi non servono tanto a noi quanto a mantenere inalterato il prodotto nonostante l’esposizione alla luce. Sono utilizzati soprattutto quando la boccetta è trasparente e la luce potrebbe alterare colore o qualità del profumo (considerando che nessuno li tiene nella scatola). 😉
      Dorothy

      • Maria Iannaccone says:

        Cara Dorothy secondo te un profumo che contiene questi filtri… come conviene usarlo? Spruzzarlo solo sui vestiti o anche sulla pelle, ma non tutti i giorni? Dipende comunque dai filtri?

        • Dorothy says:

          Dipende da tante cose 😉
          Ci si collega al discorso della fotostabilità dei filtri solari (già affrontato ma ne riparleremo) e insomma ne dovrei scrivere davvero un articolo a parte.
          Tenendo conto che i profumi comunemente intesi non sono adatti alle pelli sensibili, i filtri solari possono avere un’ulteriore carica sensibilizzante se non fotostabili (mi viene in mente il celeberrimo La Vie Est Belle di Lancome: filtri solari non fotostabili).

          Che fare? Prima di tutto non utilizzarli di giorno quando si passa del tempo alla luce del sole, viste le reazioni imprevedibili che possono scatenarsi. Ma questa è una regola valida per tutti i profumi a base di alcool, anche senza filtri.
          In secondo luogo spruzzarli (se non macchiano) solo sui vestiti, se si ha timore di eventuali reazioni ossidative dei filtri a lungo sulla pelle.

          Infine, direi di evitare il più possibile l’acquisto di profumi con filtri solari non fotostabili 😉
          Dorothy

  85. marta says:

    134 Scopro ora che invitavi a fare più commenti per questo giveaway, la prendo come una scusa per tediarti ancora un po’ 😉

    Mi chiedevo cosa ne pensi del latte detergente alle mandorle di saponaria – non so se tu possa analizzare anche prodotti di cui non hai parlato, se citare marche sia buona prassi o meno, nel caso non fosse molto adeguato mi scuso-
    sono un po’ un’asina nella lettura dell’inci, di solito mi affido a fitocose e ai suoi bollini verdi-gialli-rossi, il che però mi limita un po’ quando provo a cercare prodotti di altri marchi, anche solo per espandere un po’ i miei orizzonti. In generale mi chiedevo se è un’idea sensata o del tutto inutile quella di alternare più latti durante la settimana (es mattino di lunedì latte detergente x, martedì y…). La pelle potrebbe beneficiarne al contrario finirebbe col non godere appieno di nessuno dei trattamenti? mi piace molto quello di bottega verde al retinolo plus , ha pure l’antiage e un profumino delicatissimo (che non guasta), ma probabilmente a livello inconscio penso che usare di più sia meglio :/ e da qualche parte penso proprio di aver letto/sentito che è meglio ruotare i prodotti per evitare che la pelle vi si abitui, non so però se la persona in questione fosse una grande esperta in materia o meno.
    Ultima domanda: d’estate posso evitare la crema mani o un minimo di idratazione gliela si deve garantire sempre? di per sé stanno abbastanza bene e potrebbero farne a meno a me sembra, però non vorrei che non idratarle ora me le farà incartapecorire con gli anni.
    E niente, qui è una bella domenica di primavera, ti auguro buona giornata 🙂

    • Dorothy says:

      Tieni conto che quello che trovi sul blog è un centesimo dei prodotti che ho provato, è che purtroppo non ho materialmente il tempo di parlare di tutti (specialmente se provati tempo fa, magari quando il blog non esisteva ancora).

      Il latte detergente alla mandorla La Saponaria è un bellissimo prodotto formulato bene, con la giusta dose di naturale e di sintetico (biodegradabile), senza schifezze e con una puntina minuscola di tensioattivo delicato (probabilmente usato come emulsionante) che aiuta in fase di risciacquo rendendo questo latte particolarmente indicato per chi passa dai detergenti schiumogeni a una detersione più dermoaffine.

      Va benissimo utilizzare diversi prodotti, così come utilizzare sempre gli stessi con cui ci si trova bene e che hanno una formulazione perfetta per noi: dipende da te. Tieni comunque conto che i prodotti per la pulizia stanno poco tempo a contatto con la pelle, quindi devono pulire delicatamente, lasciando la pelle morbida e luminosa, ma non ci si può asoettare altra “efficacia” da loro.
      Capisco forse di più il discorso se legato alla skincare, nel senso di ruotare gli attivi e la tipologia di prodotto in base all’età e alla stagione. 😉
      Non tanto perchè la pelle si abitua, ma perchè ha bisogno di parecchie cose che non possiamo darle contemporaneamente nè in ogni stagione.

      D’estate basta che ti ricordi di proteggere le mani con la crema solare quando la spalmi sul resto del corpo, e poi se usi un buon doposole con antiossidanti danne un goccino anche a loro: aiuterai a prevenire rugosità e macchie 😉
      Dorothy

  86. marta says:

    aggiungo che sarebbe interessante un articolo sulla prevenzione antiage quandi si è ancora giovincelli (ventenni circa). Ho visto che avevi scritto qualcosa a riguardo ma il link rimanda ad una pagina inesistente 🙁
    Grazie ancora!

    • Dorothy says:

      Ciao Marta, come dicevo a una ragazza su Facebook purtroppo qualche settimana fa mi sono spariti un bel po’ di articoli che sto pian piano recuperando dalle mie bozze e sto ripubblicando, tornerà online anche quello e sicuramente verrà affrontato il tema della prevenzione antiage. 🙂
      Dorothy

      • Marta says:

        137 Grazie per aver risposto a tutti i miei dubbi ieri ;). Allora attendo con piacere che tornano i vecchi post… ti leggo da poco, chissà quanti spunti mi sono persa. Oggi è l’ultimo giorno del give away, anche se so già che non lo vincerò :(, sono stata poco attiva nel commentare, mannaggia a me. Poco male, ti auguro buona giornata 🙂

        • Dorothy says:

          Da un giorno all’altro mi sono saltati almeno 10 articoli, solo rubriche tra l’altro (la cosa mi puzza abbastanza, ma visto che di natura non sono complottista e che la mia password è abbastanza complicata, confido in un guasto tecnico)… Per fortuna ho delle bozze da cui ricostruirli, pian piano 😉

          P.s. Hai ancora tutto domani per lasciare un altro commento per il giveaway!
          Dorothy

    • Dorothy says:

      Buonanotte Giulia! Si, io devo inizare a organizzarmi per capire come conteggiare un commento al giorno a testa visti i 300 commenti (di cui metà miei)… Li controllerò uno per uno XD
      Dorothy

  87. Maria Iannaccone says:

    136 Buonanotte Dorothy ma questa settimana non ho ricevuto la tua newsletter… ti chiedo, giusto per capire se casomai abbia avuto problemi io con le mail. Da me oggi è stata una splendida giornata di sole, anticipo di primavera! … e da te?

    • Dorothy says:

      Da me bello gli scorsi giorni… ma ora piove. Poco male, mi rilassa il ticchettìo sui vetri.
      La newsletter arriva domani in giornata se tutto va come deve andare (sperando in una buona dose di componente fortunata). 😉
      Dorothy

  88. elisa says:

    140 Ormai qs appuntamento quotidiano è diventato per me una piacevole abitudine, come bere un caffè con un’amica ! Ti ringRazio per la risposta sul sapone di Aleppo, ti ringrazio di avermi aperto gli occhi sul risvolto umanitario di qs prodotto, non ci avevo proprio pensato, in genere qs discorso lo faccio sui cibi e sugli alimenti che compro ma ora ci penserò anche sui cosmetici!
    Ti volevò inviare una foto del nostro albero pasquale (di nome e di fatto!) Lo posso fare al tuo indirizzo mail? Ti auguro buon pomeriggio……anzi ci andiamo a bere un caffè?

    • Dorothy says:

      Ciao Elisa, grazie a te, sei davvero tanto gentile!
      Mi farebbe piacere vedere il tuo albero pasquale, certo che puoi usare la mia mail 🙂
      Ti auguro buona serata e… Tutti i caffè che vuoi (anche se ormai è ora di cena, sono arrivata tardi: buon appetito!).
      Dorothy

  89. Stefania says:

    141 Che bello questo giveaway! Ti leggo sempre ma non ho mai commentato, ecco arrivato il momento per il primo commento! 🙂

  90. Maria Paola says:

    142 Ciao Dorothy!! Buon inizio della Primavera!
    Oggi sto facendo il mio secondo Hennè. Siccome ho i capelli molto lunghi e a mia madre viene un pò male mettermeli nella pellicola perché “scappano” e cadono. Avevo pensato di comprare una cuffietta di plastica morbida, ci sarebbero altri rimedi per raccogliere i capelli lasciandoli in posa? (scusa se ho scritto male qualcosa, sono senza occhiali xD )

  91. Maria Iannaccone says:

    143 29 presenze per 143 commenti, ovviamente escludendo i tuoi. 5 nomi in “pole position”. Abbiamo parlato del give away innanzitutto, poi di henne’, cosmesi asiatica, acido ialuronico, corretta detergenza viso, impacchi per capelli a base di olii, retinolo; del tempo e anche di vicinanze geografiche. Grazie per averci tenuto insieme per un mese… buona fortuna a tutte!! Buonanotte carissima Dorothy…

    • Dorothy says:

      Ciao Maria, grazie a te: ottimo riassunto! Dovrò poi non conteggiare i commenti doppi nella stessa giornata, ma posso farcela 🙂
      Dorothy

  92. Tamara says:

    144 Ciao Dorothy, eccomi all’ultimo commento del tuo fantastico giweway. Grazie per la bella opportunità che ci offri e soprattutto di nuovo grazie per tutti i consigli e le informazioni che ci offri gratuitamente e con puntualità ogni giorno. Buona fortuna a tutte le ragazze partecipanti!!!

  93. elisa says:

    146 Buongiorno Dorothy, molto interessante il tuo articolo su antos, avevo già addocchiato qualcosa sul loro sito, vorrei provare i loro solari questo anno ma prima devo studiare meglio la tua lezione sul rapporto sole-pelle!

    • Dorothy says:

      Ciao Elisa, ti ringrazio!
      Come hai visto ho giusto preso un loro solare da provare, di solito per l’esposizione prolungata al sole preferisco prodotti più stabili e inerti rispetto alla cosmesi ecobiologica, orientandomi sul sintetico, ma anche nel naturale ci sono ottimi prodotti. 😉
      Staremo a vedere..
      Dorothy

  94. alessandra says:

    147 Approvo l idea di fare minisize di prodotti
    Ti conosco.da poco ma mi Sembri la “più orientata ” nel vasto mare di blogger che si occupano di skin care e cosmetici
    Alessandra

    • Dorothy says:

      Ciao Alessandra, ti ringrazio, lavorando nel settore provo semplicemente a condividere un po’ di esperienza senza grosse pretese (su tanti blog vedo foto meravigliose, qui indubbiamente ve le sognate 😉 ).
      Dorothy

  95. marta says:

    148 Ultimo giorno – ultimo commento 🙂
    Mi limito ad augurarti buona giornata, grazie per tutti i tuoi consigli, ho ancora un bel po’ da fare per arrivare a risultati soddisfacenti ma da quando ho trovato il tuo blog mi sento un po’ meno allo sbaraglio, sarà che sembra di avere quasi una consulente personale 😉
    Marta

    • Dorothy says:

      Ciao Marta, buona serata a te, sei gentilissima 🙂
      Mi fa davvero tanto piacere esserti anche solo minimamente d’aiuto, e per qualsiasi cosa… Sono qui! 😉
      Dorothy

  96. Maria Iannaccone says:

    Sei tanto carina, cara Dorothy!! Buon lavoro… sarà un po’ faticoso sicuramente. Ma ce la farai… a me personalmente piacciono le statistiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *