Skincare-routine-inverno-dorothy-danielle

Inverno 2017 – My Skincare Routine by Dorothy Danielle

Bentornata alla mia Skincare Routine!
La rubrica trimestrale in cui ti accompagno alla scoperta della routine completa per cura della pelle del viso che più spesso ho adoperato e sto usando in questo freddo inverno.
Come sempre, si tratta di una selezione tra i prodotti di skincare che ho utilizzato di più (magari prodotti già conosciuti che avevo BISOGNO di usare) e ciò che mi è piaciuto di più tra le cose che ho provato per la prima volta.

Ogni inverno la fanno da padroni gli oli e i prodotti contenenti attivi potenti, spesso inadatti alle stagioni più soleggiate. L’impronta generale è sostanzialmente antiage, con delle belle sorprese da parte di aziende da supermercato che, a costi molto contenuti, hanno lanciato dei prodotti dalle formulazioni almeno promosse quando non completamente dermocompatibili!

Le solite istruzioni per l’uso.
Se vuoi trarre ispirazione dai prodotti che uso, c’è una domanda fondamentale che dobbiamo farci: la mia skincare routine è adatta a te? Scoprilo leggendo questo semplicissimo schema, in base al tuo tipo di pelle.

  • Hai la pelle grassa o impura?– Se odi sentire i prodotti sul viso, usi fondotinta liquido oppure hai meno di 20 anni… è molto probabile che la mia skincare routine sia troppo pesante per te. Soprattutto i trattamenti (oli e creme). Scegli soprattutto i prodotti che segnalo come oil free o leggeri, prova i miei prodotti per la pulizia. Cambia fondotinta se usi roba compatta o liquidi coprenti. Poi scrivimi per ringraziarmi, donna di poca fede.- Se invece hai la pelle grassa e usi fondotinta minerale, ma soprattutto se hai capito che idratare la pelle è meglio che seccarla, iniziamo a capirci di più. Evita solo i trattamenti viso che ti segnalo come troppo pesanti.
  • Hai la pelle normale/mista? Probabilmente la mia skincare routine ti piacerà.
  • Hai la pelle secca? Evita i prodotti che segnalo come “asciutti”, “gel”, “oil free”. Il resto va bene anche per te, soprattutto i miei trattamenti notte, e la pulizia. Amo la delicatezza e il nutrimento profondo, fidati.

MY SKINCARE ROUTINE – prodotti preferiti INVERNO 2017

SERA

  • STRUCCANTE (il prodotto da combattimento per sgrossare la pulizia togliendo il trucco e la protezione solare)

Sante-olio-struccante-ecobio-recensione-opinione-inci-naturkosmetik

Olio struccante Sante Naturkosmetikquesto
Un dischetto di cotone bagnato e strizzato, diviso in due, qualche goccia di olio struccante inodore e vegetale su entrambe le parti, mezzo minuto di posa sugli occhi e addio mascara.
Non miracoloso ma certamente efficace e rispettoso della pelle e delle ciglia.

  • DETERGENTE DA MASSAGGIO (la coccola serale che rimuove residui di trucco e di struccante, pulisce i pori tirando fuori le schifezze e nutre la pelle ripristinando l’equilibrio cutaneo)

Burro di Karitèquesto
Sono passati moltissimi mesi da quando ho ricevuto almeno tre richieste da alcune lettrici sulla possibilità di utilizzare il burro di karitè come detergente da massaggio per la sera.
Inizialmente l’idea mi è parsa assurda, vista la consistenza di questo grasso vegetale, poi ho notato che alcuni burri detergenti di nicchia lo usano in grosse quantità, così in poco tempo ho iniziato ad avere un piccolo tarlo che mi suggeriva di provare, ed ora posso confermare che non solo il karitè è un ottimo burro detergente, ma lascia anche la pelle di una morbidezza inaudita. Per pelli secche o disidratate.

  • PEELING (tonico o gel esfoliante)

Acido glicolico e kojico Fitocosequesto
Ormai abbonata da anni a questo prodotto, lo alterno ad altri peeling ma alla fine resta sul podio per rapporto qualità/prezzo e per frequenza d’uso. Gel leggero, da evitare come la peste sulle pelli sottili o molto delicate, l’acido c’è e si sente.

  • TONICO IDRATANTE

Nivea-tonico-addolcente-opinione-recensione-inci

Nivea Tonico addolcentequesto
La cara vecchia Nivea ha sfornato questo prodotto che no, non è ecobio, ma è senza alcool e soprattutto non è solo acqua profumata: tra glicerina, vitamina E, gluco-glicerolo, olio di mandorle e pantenolo, per ora mi sta piacendo molto. Peccato il profumo al Dash.
Avendolo preso online, la mia confezione è tutta in tedesco (ora so di aver comprato un Pflegendes Gesichtswasser), ma dovresti trovarlo senza problemi anche in terra italica.

  • CONTORNO OCCHI

Organic Eye Cream Dr. Alkaitisquesto
Mi rifiuto di comunicarvi il prezzo di questa cosa prima della relativa recensione, visto che si tratta di una rapina. Come crema per il contorno occhi segnato è indubbiamente ottima, soprattutto su linee e occhiaie, ma ci sono alcuni aspetti della formulazione che non mi convincono del tutto: ci sono prodotti italiani (e non) maggiormente funzionali e meno cari.

  • SIERO NOTTE

Instanatural Age Defying Skin Clearing serumquesto
Qualcuna di voi ha intuito che per questa azienda statunitense nutro grande rispetto, al punto da affidarle il mio trattamento invernale a base di retinolo.
Questo siero, in particolare, si caratterizza per il suo range di funzionali che vuole agire sia sui segni del tempo sia sul trattamento delle pelli impure o comunque con tendenza a sviluppare comedoni (punti neri e bianchi). Per questo motivo non è un prodotto semplice da usare, non va d’accordo con moltissime pratiche cosmetiche (sole, luce pulsata…) e per molte pelli è semplicemente troppo, ma se inserito nella routine correttamente e utilizzato con doverosa costanza dà grandi soddisfazioni.

  •  TRATTAMENTO NOTTE

Jalus Oligo Filler Crema Fitocosequesto
Forse il prodotto Fitocose più attivo che abbia mai utilizzato in termini di trattamento antiage, ne sto sperimentando l’accoppiata con il siero al retinolo vista la complementarietà dei funzionali. Si tratta di una crema corposa che unisce peptidi, antiossidanti, idratanti e attivi antiage in modo perfetto.
Non voglio spoilerare nulla, ne parleremo più avanti.

MATTINA

  • DETERGENTE DELICATO per togliere le scorie della notte

Lait Démaquillant vitalité Sothysquesto
Sarebbe uno struccante, ma anche no. In quanto a consistenza, formula e profumazione è un latte detergente perfetto per il mattino, per quanto la gradevolezza d’uso non possa coprire alcune pecche in INCI. Non è ecobio nemmeno per sbaglio, il prezzo è piuttosto abbordabile pur trattandosi di una linea generalmente utilizzata in SPA, e mi sta piacendo al punto che se non sapessi leggere l’INCI lo scambierei per un prodotto vegetale.

  • TONICO IDRATANTE

Come per la notte, sto usando il tonico addolcente Nivea, alternato ovviamente a diversi altri prodotti in prova, che tuttavia non hanno avuto il medesimo effetto sorpresa.

  • SIERO GIORNO

Loreal-olio-straordinario-viso-recensione-opinione-inci

L’Oreal olio straordinario visoquesto
Potevo esimermi dal provare questa novità L’Oreal dalla formulazione praticamente solo vegetale? A questo olio siero, dalla profumazione intensa e con una gamma di oli base e oli essenziali che quasi mette in ombra alcuni prodotti organic luxury, va il merito di avermi fatto riconsiderare L’Oreal, che ultimamente sta puntando dritto verso il mercato in crescita del “naturale” (mi viene l’orticaria ogni volta che leggo questa parola). Accontentiamoci del prezzo ridicolo e di un prodotto formulato tanto bene da entrare di diritto nel range “ecobio”.

  • TRATTAMENTO GIORNO

Phytovital trattamento viso giorno Bottega Verdequesto
Se L’Oreal punta al vegetale, Bottega Verde non ci pensa nemmeno. Avendo da testare questa crema idratante per il giorno ad spf 15, che in estate non basta e in inverno non serve, ho deciso di affidarle le prime giornate soleggiate del 2017.
Senza infamia e senza lode, profumo ottimo, bellissima gamma di peptidi, antiossidanti e proteine vegetali in formula, protezione bruttina e troppo sintetico per andare oltre la sufficienza. Usarla per finirla.

MASCHERE E TRATTAMENTI SPECIALI

  • MASCHERA

Dior Hydra Life Jelly Sleeping Maskquesta
Un regalo che credevo di non apprezzare e invece, tutto sommato, questa formula siliconica da tenere in posa tutta la notte blocca sulla pelle la routine serale aiutando il metabolismo dei suoi attivi e ovviamente aumentando l’idratazione per un banale effetto barriera che riduce la perdita di acqua trans-cutanea.
È la versione lusso di un po’ di plastica sciolta, non vale assolutamente il prezzo che ha, ma si può usare tranquillamente, salvo pelle impura o secca.

INTEGRATORI

  • Vitamina D 3

Nutriva-integratore-vegan-vitamina-d3-d-opinione-recensione-ingredienti

Vegan D3 Nutriva questo
Inutile ripetere ancora, dopo aver approfondito l’argomento qui, i motivi per cui è fondamentale, soprattutto in questa stagione, integrare la vitamina D. Tra la scarsa luce invernale e i trattamenti cosmetici che impongono l’astensione forzata dall’esposizione solare, questa volta ho scelto il formato vegan in caramella masticabile. Molto gradevole.

  • Omega tre

Integratore-omega-3-gold-olimp-opinione-recensione-pelle

Gold omega 3questo
Prezzo tutto sommato basso, prodotto in Germania, certificato per Good Manufacturing Practice. Le capsule sono le tipiche perle giganti degli omega tre, con tre al giorno si arriva tranquillamente a 990 mg di EPA.
Ne parleremo meglio, personalmente continuo a preferire le Gjav di cui avevo parlato nella routine autunnale. Più care, ma di qualità indiscutibilmente più alta.

Chi mi segue da un po’ sa che gli omega tre per me non sono un’integrazione stagionale ma un impegno quotidiano 365 giorni all’anno, a parte quando mangio salmone o altro pesce ricco di omega tre (il nostro fantastico pesce azzurro).
Il motivo è sempre quello: tra gli omega tre derivati dal pesce c’è l’ EPA (acido eicosapentaenoico, che tra le altre cose risulta antiossidante, antinfiammatorio, protettivo contro la distruzione del collagene indotta dagli UVA e protettivo contro i danni da fotoesposizione, aumentando la soglia di eritema.
Ovviamente va assunto in dosi elevate e continuative, per cui non è proprio l’integrazione più economica.

Dorothy Danielle

RESTA AGGIORNATO!


Iscriviti alla Newsletter e ricevi i nuovi post di Dorothy Danielle sulla tua mail

La tua privacy è protetta e al sicuro. NO spam.

 

Cincischiando-valutazione-analisi-inci-cosmetici

24 pensieri su “Inverno 2017 – My Skincare Routine by Dorothy Danielle

  1. Maria Iannaccone says:

    Ciao piccola,
    ( in senso affettivo, mi perdonerai la confidenza… spero! ;)), è sempre un momento piacevolissimo ricevere queste tue mail!!
    Sì, mi ricordo quando ti avevo chiesto se il burro di karité si potesse usare come detergente, sono felice di leggere questa tua risposta.
    Ahi ahi… mi è appena arrivato il tonico per pelle reattiva Fitocose, grazie per il suggerimento, ma mi intriga anche questo Nivea!! (solo perché lo hai recensito tu, la mia parte fortemente bucolica – so che il termine “naturale” ti fa inorridire- protesta, ma detto da te io so di potermi fidare!).
    Giusto l’altro giorno, stavo spulciando sul sito di un distributore il siero oligo filler Fitocose, hai giusto una riflessione per me al riguardo?
    Devo assolutamente trovare l’olio straordinario di L’Oréal!
    Anche se attendo di leggere le tue riflessioni sull’olio multivitaminico Mossa (quando sarà).
    Buona serata 😉

    • Dorothy says:

      Buonasera Maria,
      Il siero oligo filler di Fitocose ha un range di funzionali analogo alla crema omonima, ma privo di quota grassa, con una consistenza assimilabile ai vari gel della linea Jalus.
      Ti devo ringraziare per il livello di considerazione in cui mi tieni, ma mi trovo costretta, mio malgrado, a confermarti che l’appellativo “ciao piccola” si colloca a un livello di confidenza che non mi mette a mio agio, a meno che non provenga da un mio parente molto stretto. Perdona la doverosa sincerità.
      Non ricordavo fossi tu ad avermi chiesto del burro di karitè, in tal caso sono molto contenta di aver risposto al quesito di una lettrice di vecchia data e colgo l’occasione per ringraziarti di aver sollevato la questione.
      Ti auguro buon proseguimento, a presto,
      Dorothy

      • Maria Iannaccone says:

        Tranquilla Dorothy, ti ringrazio profondamente per la tua schiettezza.
        Sono una persona spontanea, ma non sempliciotta, quindi ho scritto di getto, ma subito ho razionalizzato, cercando di correggere il tiro!
        Chiedo venia per il mio troppo (!) entusiasmo, che in buona fede mi ha portato un pochino a travalicare 🙂
        Grazie per l’ utilissima precisazione su “oligo filler”.
        Con immutata stima!

  2. Elda Cingolani says:

    Come sempre un piacere leggerti. Imparo un sacco di cose! La mia pelle già ti ringrazia per l’articolo su come lavare il viso.
    Per sempre tua iscritta 🙂
    Elda

  3. Viviana says:

    il tuo post cade a pennello! Visto che sto per terminare il latte detergente al propolis di Fitocose, proprio in questi gg guardando i prodotti nell’armadietto e notando il burro di karite, mi domandavo se potesse essere utilizzato anche come struccante così come gli oli. Coi burri ho il timore che poi bagnati diventino un pastone complicato da eliminare. La rimozione invece è semplice? E’ sufficiente una spugna/pannetto inumiditi con acqua calda? Grazie e buona giornata

    • Dorothy says:

      Buonasera Viviana,
      Per la rimozione di burri e oli che non siano stati resi almeno parzialmente idrosolubili con qualche trucchetto formulativo, ti confermo che il procedimento non è complicato ma va usata rigorosamente della mussola o un panno garzato/tessuto a trama larga. Semplicemente massaggi sulla pelle asciutta e rimuovi con la mussola bagnata.
      Invece spugne e microfibre potrebbero dare problemi.
      Buon proseguimento,
      Dorothy

  4. Giovy says:

    Ciao Dorothy! Felice di leggere la tua rubrica di skincare routine (e felice di leggerti in generale!!)
    Visto che devo comprare alcuni prodotti per me, il tuo articolo cade proprio a fagiolo, e ti vorrei chiedere un paio di cose.
    1) Il siero che indichi per la notte secondo te fino a quando si può continuare a usare? Cioè, se io lo compro adesso (mi incuriosiva molto!), secondo te fino a marzo/aprile posso usarlo? E se sì, dovrei usare di giorno una crema con SPF? Di solito quando non sto al mare non la uso (come consigli tu), ma io non mi trucco, quindi di giorno non ho neppure la minima protezione del fondotinta (è vero pure che non passo tutta la mia giornata beatamente al sole!)
    2)Non mi ricordo bene dove, se in qualche commento qui oppure su Facebook, una tua affermazione mi ha molto incuriosita: che rispetto a una crema, che per varie ragioni può dare problemi, magari perché contiene ingredienti, oltre a quelli funzionali, che causano fastidi, se uno ha tempo di farlo e ci si trova bene, è meglio usare un siero e mescolarlo a un olio. Ti volevo chiedere se davvero è così, o se ho frainteso io qualcosa di quello che dicevi, perché effettivamente io mi trovo male con moltissime creme, mentre con il siero cui mescolo dell’olio mi trovo meravigliosamente bene. Facevo questa cosa già prima di leggere quel commento di cui ti dicevo però ho sempre avuto il dubbio di non nutrire o idratare abbastanza la pelle: mentre con la crema la pelle rimane appiccicosa e sento che c’è la crema per ore, con l’altro modo in un’ora la mia pelle si è bevuta tutto il siero con l’olio e, per quanto morbida al tatto, mi chiedo sempre se non ci vada aggiunto qualcos’altro.
    Scusami per il papiro, spero che le domande non siano troppo confuse
    Un abbraccio virtuale e… ad maiora! (e già complimentissimi, e un grazie di cuore, per il tuo lavoro e la tua pazienza!)
    Giovy

    • Dorothy says:

      Ciao Giovy,
      Grazie mille a te per leggere i miei articoli prolissi!
      Ti rispondo molto volentieri, sperando di esserti d’aiuto:
      – il siero instanatural va benissimo fino a quando non decidi di esporti al sole, volendo non ha controindicazioni neppure a primavera inoltrata se di giorno ti trucchi un pochino o prendi l’impegno di usare una protezione 30. Il retinolo, unito al salicilico, tende ad assottigliare un pochino il corneo, per quanto mai come un peeling, quindi per evitare che gli UVA facciano danni bisogna evitare la luce.
      – Non ho presente il post a cui ti riferisci e decontestualizzando la frase non riesco a dirti cosa intendessi esattamente. È probabile che si parlasse di qualche cremina scarna, fatta giusto con acqua, oli ed emulsionanti; ti confermo che piuttosto che utilizzare certe creme tanto banali, con le quali si va solo ad appesantire la pelle, è molto meglio siero+2-3 gocce di olio viso. È ovvio che in questi casi si demanda al siero e all’olio l’apporto di attivi necessari soggettivamente alla pelle. In certi casi può essere necessaria una crema idratante sopra questo mix, altre volte si ha a disposizione una crema talmente ricca di funzionali da invalidare quanto detto, quindi si può provare a mixare olio e crema.
      Le combinazioni sono ovviamente infinite, il punto è che non conta tanto la forma sotto cui si spalmano gli attivi (le consistenze sono date dagli emulsionanti), quanto è importante sapere cosa e come viene applicato.
      Buona serata, un abbraccio,
      Dorothy

      • Giovy says:

        Grazie mille Dorothy!!
        Il siero credo proprio che lo proverò, eventualmente con le precauzioni che consigli quando arriveranno le belle giornate assolate.
        Riguardo al commento, perdonami, ma non mi ricordo proprio dove l’avevo letto, e capisco benissimo che decontestualizzato non ha molto senso; ma hai comunque chiarito perfettamente i miei dubbi: “non conta tanto la forma sotto cui si spalmano gli attivi (le consistenze sono date dagli emulsionanti), quanto è importante sapere cosa e come viene applicato.”
        Fondamentalmente la mia domanda era questa, se le creme in sé fossero un concentrato di attivi tali da essere utili sempre e comunque o se il giusto apporto di attivi potesse essere trovato altrimenti, ma l’avevo formulata davvero male. O meglio, sei stata tu talmente chiara con la tua risposta da farmi capire cosa volevo domandarti realmente 🙂
        Buona serata e buona domenica!
        Giovy

        • Dorothy says:

          Ciao Giovi,
          Grazie a te per la gentilezza, come vedi ci siamo capite al volo, avevo intuito grosso modo quale fosse il dubbio.
          Buona serata!
          Dorothy

  5. Tamara says:

    Ciao Dorothy,
    grazie per i preziosi suggerimenti,ho preso nota di molti prodotti interessanti 😉 come sempre è un grande piacere leggerti.
    Buon fine settimana.
    Tamara

  6. Carlo says:

    CIao Dorothy e complimenti per il sito

    Sono un maschietto di 34 anni che da poco ha iniziato a prendersi cura della sua pelle. Faccio un lavoro che mi porta spesso a stare fuori casa per almeno 8 ore al giorno ed ho una leggera dermatite seborroica (che a volte produce piccole squame) che coinvolge la parte superiore e inferiore delle sopracciglia, il mento e i lati nel naso. Mentre per la notte sto usando una crema al retinolo (la BV Plus di bottega verde, versione giorno + lo ialuron plus come contorno occhi) vorrei un consiglio da te per una crema da metter prima di andare a lavoro e che mi protegga tutto il giorno, possibilmente ricca di nutrienti ed anche idratante. Hai qualche idea?

    Ciao! Carlo

    • Dorothy says:

      Ciao Carlo,
      Grazie prima di tutto per i complimenti.
      Purtroppo non posso consigliare prodotti ad personam qui sul blog, non conosco la tua cute, la sua storia, nè il tuo stile di vita e le tue abitudini cosmetiche… Non sarebbe professionale nè saprei indicarti nulla a colpo sicuro.
      Prima di tutto ti direi, se non l’hai già fatto, di farti vedere dal dermatologo per la dermatite, che eventualmente andrà trattata con dei farmaci e quasi certamente ti verranno modificati anche i prodotti per la cura dei capelli, poichè influiscono indirettamente anche sulla pelle del viso.
      In secondo luogo ti direi di puntare su prodotti lenitivi, privi di profumo e non troppo “attivi” (niente acidi, niente retinolo): la pelle va prima riequilibrata e fatta guarire.
      Ti auguro di risolvere il prima possibile, buon proseguimento,
      Dorothy

  7. Maria Iannaccone says:

    Cara Dorothy, ho acquistato l’olio straordinario e ho iniziato ad usarlo sul viso umido di tonico la sera. Incredibile, l’assorbenza veloce del prodotto.
    Tuttavia, viene definito come un olio secco, ma perché io ho la convinzione mentale che quel derivato dell’olio di cocco e l’olio di oliva, messi all’inizio della lista ingredienti, siano tutt’altro che leggeri come oli? Insomma, mi è venuto il dubbio che per una pelle che sviluppa qualche brufolo e comedone, periodicamente, non sia il massimo! L’ho usato dopo il bagno su pelle ancora umida, e mi è piaciuto moltissimo, forse l’olio essenziale di lavanda è il responsabile della sensazione di fresco sulla pelle. Ad ogni modo, come sul viso, tonicità e morbidezza sono assicurate.
    Concordo con il tuo entusiasmo ♡
    Grazie del “suggerimento”!

    • Dorothy says:

      Buonasera Maria,
      Sono contenta che l’olio viso L’Oreal non abbia colpito solo me, è una bella novità da quest’azienda.
      Per rispondere alla tua domanda, ricorda sempre che gli esteri derivati dagli oli vegetali non mantengono in alcun modo le proprietà di questi ultimi. In pratica, il trigliceride caprilico caprico ha in comune con l’olio di cocco, di cui è solo lontano parente, le stesse cose che hanno in comune un gatto e una matita.
      Ti confermo comunque che parlare di “non comedogeno” davanti ad un olio è sempre un’affermazione azzardata: dipende dalla tendenza della pelle e parimenti dalla skincare routine in generale (che fa la differenza).
      Buon proseguimento,
      Dorothy

  8. Tamara says:

    Ciao Dorothy,
    mi sono accorta con grande dispiacere che Amazon ha tolto tutto l’assortimento di prodotti Instanatural ed è un vero peccato, mi stavo trovando bene con questo siero che tu avevi indicato!
    Mi ero decisa a prendere anche l’altro ed ecco che lo tolgono, uffa!
    Per fortuna ci sei tu che ci indichi comunque sempre buoni prodotti! 😉
    Ciao, buona giornata.
    Tamara

    • Dorothy says:

      Buonasera Tamara,
      Perdona il ritardo!
      Confermo la dipartita momentanea di Instanatural, ma avendo chiesto spiegazioni all’azienda pare dovrebbero tornare sul mercato europeo per luglio. Ci spero anche io!
      Buon proseguimento,
      Dorothy

  9. Sonia says:

    Cara Doroty, continuo giornalmente a leggerti e a farmi una cultura da quando una settimana fa circa ti ho scoperto.
    Vorrei anche mettere in pratica i tuoi insegnamenti sulle basi di pulizia viso ma in questo periodo ho la pelle del viso distrutta (occhi gonfi tipo edema con problemi annessi, e pelle che si squama) non so dovuta a cosa. La mia ipotesi è che ho davvero esagerato con un bagno che dire bollente è dire poco. Credo di aver mandato in tilt la mia circolazione. Tu pensi sia una cosa possibile, dato che già ho qulache problema leggero di circolazione e la pelle disidratata di natura?
    In realtà però non ti avevo scritto per chiederti ciò ma per chiederti una cosa proprio relativa alla tua skin care. Non mi è chiara la differenza tra scrub e peeling. Tu dici che se si applica il tuo metodo di pulizia non è necessario fare lo scrub, però vedo che nei trattamenti tu fai il peeling. Qual’è la loro differenza?
    Grazie infinite!

  10. nelly says:

    Buongiorno Dorothy,
    a quando la nuova skincare primaverile?attendo ansiosa io….mi fido di te!preparata e competente come pochi!!

    • Dorothy says:

      Buonasera Nelly,
      Entro la fine del mese arriva certamente la nuova skincare routine, grazie per i gentilissimi apprezzamenti!
      Dorothy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *