Collagene-integratori-funzionano-bufala-rughe-risultati-opinioni-recensioni

LA BUFALA DEGLI INTEGRATORI DI COLLAGENE: FUNZIONANO?

Gli integratori di collagene, che siano flaconi di “collagene liquido” da bere o capsule di collagene in polvere,  vengono fatti passare come veri e propri miracoli in boccetta: addirittura alcune aziende dichiarano che i propri integratori di collagene siano in grado di diminuire le rughe e aumentare la produzione di collagene cutaneo.
È davvero così? A cosa servono gli integratori di collagene?

Nella prima parte di questa rubrica hai letto cos’è il collagene e che ruolo svolge nel nostro organismo, ma soprattutto abbiamo verificato se il collagene nei cosmetici ha qualche funzionalità; in questa seconda parte scoprirai se gli integratori di collagene funzionano e se hanno maggior senso rispetto all’uso cosmetico di questa molecola.

COSA CONTENGONO DAVVERO GLI INTEGRATORI DI COLLAGENE?


Come al solito, le mie rubriche iniziano facendo un passo indietro, perché per capire come e se gli integratori di collagene funzionano, bisogna prima di tutto sapere cosa contengono.

Si parta da una nozione già acquisita: il collagene è la sostanza proteica più comune nel corpo dei mammiferi, tanto da coprire fino al 35% delle proteine, arrivando a costituire il 90% della pelle e il 6% del nostro peso totale.
Oltre ed essere uno dei componenti maggiori della pelle, il collagene si trova anche e soprattutto in ossa, cartilagini, legamenti, tendini e in generale ovunque ci sia del tessuto connettivo.

Il collagene è infatti esclusivamente di origine animale, non essendo presente nei vegetali.
In particolare si parla di:
collagene marino, chiaramente da risorse ittiche
collagene bovino, da mucche, vitelli e tori
collagene suino, prodotto a partire dalla macellazione del maiale

Integratori-collagene-funzionano-collagene-da-bere-opinioni-brodo-collagene-gelatina

Gelatina = acqua e collagene

Negli integratori si utilizza soprattutto il Collagen Hydrolysate, collagene idrolizzato.

Per produrre il collagene idrolizzato che si trova negli integratori vengono utilizzati gli scarti della macellazione animale destinata alla tavola, cioè ossa, teste, lische e cartilagini varie: si tratta quindi di una materia prima tutto sommato comune ed economica.
Questi vengono prima bolliti per estrarre il collagene nella comune gelatina, che chiunque può produrre facendo un banale brodo, dove il collagene si denatura e inizia a perdere la sua struttura, legandosi all’acqua a livello molecolare.
Già a questo punto, la dimensione delle molecole di collagene è sensibilmente minore e le sue fibre proteiche sono divise e meno strutturate.
Per ottenere il collagene idrolizzato si sottopone la gelatina, formata appunto da acqua e collagene, ad un’ulteriore idrolisi ad opera di particolari enzimi, che sciolgono i legami peptidici tra le molecole della gelatina stessa.
Una volta filtrato, disidratato e sterilizzato, il collagene idrolizzato si presenta come una polvere fine, non più in grado di formare in gel e con un peso molecolare decimato, quindi più facilmente assimilabile e digeribile.

La polvere di collagene idrolizzato, utilizzata come polipeptide negli integratori di collagene liquido da bere o nelle classiche capsule, si trova tranquillamente anche sfusa e a prezzi molto bassi.
Con questa busta, ad esempio, una dose giornaliera da 5 grammi viene a costare circa 20 centesimi, anzichè i 3-4 euro quotidiani tipici degli integratori di collagene “liquido” (diluito in acqua) venduto nei flaconcini.

In pratica, chi mangia la pelle e le varie cartilagini di un banale pollo al forno sta assumendo ampie quantità di collagene.
Allo stesso modo, anche chi ha l’abitudine di preparare del brodo di carne in casa, soprattutto preferendo il tessuto connettivo e le parti di scarto rispetto al pezzo di magro, ottiene un alimento estremamente ricco di collagene.

Il procedimento di preparazione del brodo, infatti, è lo stesso della gelatina di collagene che nell’industria alimentare, debitamente concentrata e purificata, viene impiegata non solo per produrre collagene idrolizzato, ma anche e soprattutto come materia prima per gli orsetti gommosi, la carne in scatola e la “colla di pesce”, nonché per le capsule di tanti integratori e per alcuni filler medici.
Il brodo di carne casalingo non è altro che gelatina (basti vedere come si addensa raffreddandosi), ossia acqua e collagene, con grassi, sali minerali e altri nutrienti che nella produzione industriale vengono eliminati.

Ecco spiegato cosa contengono gli integratori di collagene: nulla di misterioso nè di particolarmente pregiato o prezioso.

Integratori-di-collagene-funzionano-collagene-da-bere-opinioni-brodo-collagene-gelatina-idrolizzato-cose-il-collagene

Le zampe di pollo e le ossa animali sono parti ricche di tessuto connettivo e, quindi, di collagene, ma generalmente vengono buttati via come scarti. Qualcuno, invece, li usa per il brodo.

Gli INTEGRATORI DI COLLAGENE funzionano sulle rughe?

Bastano poche e semplici nozioni nutrizionali per capire come il collagene non possa avere speciali proprietà antiage, né possa realmente migliorare le condizioni della pelle, soprattutto in un regime alimentare già equilibrato e completo.
Il collagene è una materia proteica, che contiene 18 amminoacidi essenziali su 20.
Sono banali proteine, le stesse di altri cibi proteici, per di più incomplete.

  • Dato che NON esiste un omino al comando della digestione che diriga l’utilizzo delle proteine assimilate
  • Dato che il nostro intestino NON è in grado di distinguere e non gli interessa sapere se le proteine che gli arrivano provengono da un uovo, da una zuppa di legumi, da una fetta di carne o da un integratore di collagene.
  • Ne consegue che il nostro corpo utilizza le proteine dove ce n’è bisogno e la destinazione delle proteine NON cambia in base a quale sia la fonte
  • Ne consegue che le proteine introdotte con gli integratori di collagene non necessariamente andranno a formare altro collagene
  • Anche qualora l’organismo utilizzasse del tutto o in parte le proteine del collagene per costruire nuovo tessuto connettivo, è assurdo aspettarsi che sia per forza tessuto cutaneo (il collagene non è solo nella pelle!)
  • È ancora più assurdo aspettarsi che il collagene ingerito venga utilizzato prevalentemente sulla pelle del viso nello specifico
  • Ripeto: all’organismo non interessa se le proteine ingerite derivano da un beauty drink di collagene liquido oppure da zampe di pollo fritte
  • L’organismo NON produrrà comunque collagene se nell’alimentazione mancano gli altri elementi essenziali per la sua sintesi, oltre alle proteine

Le proteine del collagene, digerite e sminuzzate, verranno utilizzate e distribuite come tutte le altre proteine per rigenerare pezzi di organismo che NON scegliamo noi, tra i quali c’è senza dubbio anche la pelle, ma non solo.
Sono proteine come tutte le altre, pertanto, se nella nostra alimentazione ci sono già buone fonti proteiche, un’integrazione di collagene risulta del tutto irrilevante sul fronte antiage.

Il problema degli integratori di collagene riguarda principalmente il marketing: vengono attribuite al collagene proprietà antiage miracolose che non ha, che non può avere e non avrà mai, per quanto sia una semplice fonte proteica che, nell’insieme, può aiutare la pelle a mantenersi sana. L’importante è NON aspettarci che ingerire collagene abbia effetti miracolosi sul tessuto connettivo del derma e che faccia produrre nuovo collagene alla pelle.

Integratori-collagene-funzionano-collagene-da-bere-opinioni-brodo-gelatina

Pollo, manzo e pesce danno un brodo ricco di collagene. Il brodo di verdura non contiene collagene.

Esistono STUDI SCIENTIFICI SUGLI INTEGRATORI DI COLLAGENE?

Gli studi scientifici che attestino in modo univoco una reale utilità antiage degli integratori di collagene sono pari a zero.
Abbiamo però dei piccoli risultati sparsi, alcuni interessanti, ma nessuno definitivo:

1 – il dipartimento di Dermatologia dell’università di Kiel, in Germania, ha pubblicato nel 2014 uno studio in doppio cieco, proprio per valutare gli effetti dell’assunzione di un integratore di collagene idrolizzato sui parametri biofisici correlati all’invecchiamento cutaneo.

Dopo 2 mesi di integrazione di collagene idrolizzato e un mese di pausa si riscontra un duraturo miglioramento, statisticamente significativo (non per questo eclatante), nell’elasticità cutanea dei pazienti di età avanzata. I risultati non mostrano alcun cambiamento significativo nell’idratazione e nella capacità cutanea di trattenere acqua.
Il fatto che si ottengano risultati solo su pelle matura solleva il dubbio che questi pazienti potessero avere un deficit proteico nella loro alimentazione di base, come spesso capita con il passare degli anni, e che il miglioramento nell’elasticità dei tessuti potesse essere ottenuto con qualsiasi integrazione proteica diversa dal collagene.

2 – risultati praticamente opposti sono stati ottenuti da un altro studio in doppio cieco, pubblicato nel 2015 da una società privata (l’inglese Minerva Research Labs LTD) sul Journal of Medical Nutrition & Nutraceuticals.

Nel testare l’efficacia di un integratore specifico su elasticità cutanea, idratazione e rughe, i ricercatori hanno verificato un minimo incremento dell’idratazione, nessun cambiamento in termini di elasticità cutanea e una diminuzione della profondità delle rughe misurata strumentalmente all’8% (che temo non sia visibile ad occhio nudo a meno che le rughe non siano dei dirupi), probabilmente dovuta alla maggiore idratazione del tessuto.
Risultati praticamente insignificanti se consideriamo la possibilità che i pazienti abbiano aumentato il proprio consumo di liquidi parallelamente all’utilizzo dell’integratore.

3 – uno studio diverso dai precedenti, che trovo più interessante, è stato pubblicato nel 2009 dai giapponesi Tanaka, Koyama e Nomura su Bioscience, Biotechnology and Biochemistry, il cui scopo era verificare gli effetti dell’ingestione di peptidi di collagene sui danni cutanei indotti dai raggi UVB.

Si tratta di sperimentazione animale condotta su topi, quindi da prendere con le pinze perché i dati ottenuti potrebbero non essere validi  sull’uomo. Tuttavia, i risultati sono stati davvero significativi, dimostrando come l’integrazione di collagene abbia protetto la pelle dei topi dalla perdita eccessiva di idratazione, dall’ispessimento dell’epidermide e dalla perdita di collagene cutaneo, dimostrando un ottimo contrasto ai tipici danni da fotoesposizione.
In pratica, i topi esposti ai raggi UVB con l’integrazione di collagene hanno mantenuto dei parametri vicini a quelli del gruppo di topi NON esposti, mentre i topi esposti agli UVB senza integratore hanno subito un deterioramento cutaneo eclatante.

È uno studio interessante perché si tratta dell’unico caso in cui i ricercatori si sforzano di dare una possibile spiegazione ai risultati ottenuti, per quanto manchino comunque delle certezze: il merito sarebbe dei peptidi che entrano nella circolazione sanguigna dopo la digestione del collagene, e che avrebbero una possibile azione antiossidante.
In particolare, viene attribuita importanza alla prolyl-hydroxyproline, un peptide contenuto nel collagene che potrebbe avere un effetto protettivo diretto sull’epidermide o indiretto attraverso la regolazione di alcuni meccanismi cellulari nel derma.
Si tenga comunque conto che i quantitativi di collagene ingeriti dai topi in questo esperimento sono di gran lunga più elevati rispetto ai nostri integratori antiage: si parla di 0,2 g/kg al giorno, che in un essere umano di 50 kg equivalgono a 10 grammi di collagene quotidiani, almeno il doppio dei migliori integratori di collagene liquido da bere.

4 – la stessa dose di 10 grammi di collagene al giorno è stata utilizzata per uno studio su volontari umani condotto in doppio cieco sia in Giappone che in Francia e pubblicato sul Journal of Cosmetic Dermatology nel 2015, con l’intento di verificare gli effetti antiage dell’assunzione orale di peptidi di collagene.
I risultati mostrano un significativo aumento dell’idratazione cutanea dopo due mesi, e un leggero aumento (+8,8%) della densità di collagene nel derma dopo quasi tre mesi di integrazione. La perdita di acqua trans-epidermica non ha subito variazioni.
Non solo, è evidente come il collagene suino abbia ottenuto risultati migliori di quello marino.

Questo studio presenta tuttavia diversi aspetti discutibili, non da ultimo la scelta specifica di utilizzare solo volontarie giapponesi con una pelle caratterizzata da scarsa idratazione, pertanto con elevate probabilità di ottenere risultati eclatanti introducendo un integratore potenzialmente idratante (+28% di idratazione cutanea dopo due mesi di collagene suino).
Allo stesso modo la parte di studio condotta in Francia ha preferito solo volontarie che non avessero praticato alcun regime cosmetico nei 3 mesi precedenti all’integrazione e che smettessero di esporsi al sole nel periodo di assunzione del collagene; l’interruzione dell’esposizione solare è un cambiamento d’abitudine che già da solo basta e avanza per ottenere miglioramenti nello spessore del derma, ed è francamente assurdo testare su chi non cura la propria pelle i termini di efficacia di un integratore dedicato ai clienti del mondo beauty.

Collagene-da-bere-opinioni-integratori-collagene-funzionano-idrolizzato-marino

Alcune pubblicità di integratori di collagene liquido da bere

In pratica, alcune aziende produttrici utilizzano forzature e congetture per attribuire agli integratori di collagene proprietà antiage inesistenti.
Certo, il collagene male non fa, ma non ha dimostrato alcuna potenza particolare, nè alcuna funzione unica e speciale che possa fare la differenza sul mantenimento di una pelle giovane, e che spinga a preferirlo sopra altri funzionali scientificamente più efficaci.

Nella prima parte di questa rubrica, dove è stato approfondito il ruolo del collagene nei cosmetici, ho utilizzato una metafora semplice: spalmando marmellata di fragola sulle piantine di fragola non si otterranno più fragole.
Oggi vorrei completare il quadretto botanico: utilizzando la marmellata di fragole come concime nel terriccio o nell’acqua da irrigazione, non si ottengono comunque più fragole.
Sarà invece molto più utile un fertilizzante con azoto, fosforo e potassio, ma anche un buon terreno e la giusta luminosità.

Tutto questo per dire che né spalmando collagene sulla pelle né mangiando collagene andremo a stimolare una maggiore produzione di collagene nella cute.
Utilizzare un integratore di collagene (ossia mangiare delle proteine, nemmeno complete), sperando che vada ad aumentare il proprio collagene, è una visione ingenua e ottimista spinta da chi ha interessi economici nel vendere integratori di collagene, in pratica brodo, fino a superare i 200 euro al litro.

Purtroppo questo approccio non tiene conto dei complessi procedimenti biologici che l’organismo utilizza per costruire i propri tessuti: è più importante fornire al corpo tutti gli elementi precursori indispensabili alla riparazione e alla costante rigenerazione del tessuto cutaneo, rispetto al prodotto finale “già pronto”, che il nostro organismo non è in grado di usare efficacemente.

Trovo pertanto assurdo e ai limiti della legalità il marketing di alcune aziende di integratori di collagene che promettono di dimezzare le rughe, di raddoppiare il collagene nel tessuto connettivo cutaneo e addirittura di ridurre la cellulite in tre mesi.
Non ci sono prove, né teoriche né pratiche ,che sostengano tali sciocchezze.

PERCHÈ ALCUNI INTEGRATORI DI COLLAGENE sembrano funzionare?

Nonostante il collagene sia un’integrazione praticamente irrilevante, sia a livello funzionale, sia a livello di costi, ogni tanto capita comunque di veder migliorare la pelle, anche quando si utilizzano integratori che in teoria hanno un’utilità vicina allo zero pur costando quanto un mensile in palestra.

Questo succede perchè gli integratori di collagene, soprattutto quelli da bere, non contengono mai solo collagen hydrolysate, ma anche altre molecole che fanno il lavoro sporco al posto del collagene, dando l’idea che il collagene funzioni e rassicurando le consumatrici e i consumatori affinchè il portafoglio non sia calato inutilmente.

Integratori-collagene-funzionano-antiossidanti-collagene-da-bere-opinioni

Il resveratrolo, contenuto in uva, frutti di bosco, cioccolata e arachidi, è tra gli ingredienti che lavorano al posto del collagene negli integratori

Gli ulteriori ingredienti che normalmente vengono utilizzati nei più comuni integratori di collagene da bere o in pastiglie – penso ai vari X115, Signasol, Swisse, Naturviti e Biocollagenix – sono piccoli complessi di nutrienti che troveremmo in qualsiasi integratore multivitaminico e multiminerale, quali vitamine ACE, vitamine del gruppo B, minerali come zinco e rame.
Trattandosi di micronutrienti essenziali, la loro integrazione è davvero efficace nel mantenimento della salute dell’organismo e può fare la differenza in caso di deficit o carenza.

Tuttavia, un banale multivitaminico da 30 centesimi al giorno contiene gli stessi nutrienti in quantità maggiori e soprattutto introduce tutti, e non solo alcuni, elementi essenziali per la salute globale dell’organismo, in dosi equilibrate.
Hai letto bene: un multivitaminico sostituisce benissimo la maggior parte degli integratori di collagene.

Tuttavia, gli integratori di collagene più costosi, nello specifico Biocollagenix e X115, contengono anche degli antiossidanti aggiuntivi.
Si tratta di molecole quali resveratrolo, acido alfa lipoico, polifenoli e coenzima Q10, i veri attivi di questi integratori se alla prova dei fatti, nel tempo, funzionano e aiutano a mantenere la pelle giovane e protetta dalla degradazione.
Qui il discorso si complica, perché si tratta di molecole potenti ed efficaci, utilissime per la protezione cellulare contro l’invecchiamento cutaneo, e non basta un normale multivitaminico per sostituirle.

Queste molecole valgono il costo degli integratori di collagene?
Prendendo ad esempio l’integratore X115+Plus, indubbiamente tra i migliori della categoria in termini di qualità delle molecole scelte per accompagnare il collagene, si capisce come il collagene sia solo una scusa commerciale per vendere un ottimo integratore di antiossidanti al mega prezzo di 4-5 euro per dosaggio quotidiano.
Si paga la comodità di avere tutto in una sola confezione, già dosato e ripartito, ma il prezzo non è in alcun modo giustificato se cerchiamo un parallelo aumento della qualità, nemmeno considerando la presenza di molecole d’eccellenza come resveratrolo e Q10.
Si tratta di integrazioni perfettamente reperibili a costi decimati.

Senza dubbio gli antiossidanti sono gli ingredienti più costosi e pregiati, e pesano comunque in modo consistente sui costi di Biocollagenix e X115, soprattutto calcolando i rispettivi dosaggi di resveratrolo a 50 e 147 mg.
Tuttavia, il più semplice resveratrolo da 150 mg si trova per 30 centesimi al giorno.
Coenzima Q10 e acido alfa lipoico si trovano in abbondanza qui con 50 centesimi al giorno, probabilmente il migliore integratore di antiossidanti come rapporto qualità/prezzo, superando qualsiasi beauty drink al collagene.

In pratica, con meno di 2 euro al giorno abbiamo ricostruito e ricreato un perfetto doppione dei funzionali dell’integratore X115+Plus, il più caro tra gli integratori di collagene liquido.
La maggior parte degli altri integratori di collagene, come già detto, possono essere sostituiti con un multivitaminico.

Si ottengono quindi le stesse proprietà antiossidanti e le stesse eventuali funzioni antiage sfruttando i REALI attivi degli integratori di collagene, con integrazioni estremamente più comuni, scientifiche ed economiche, adatte spesso anche a vegan e vegetariani.

Se proprio chi legge volesse infilare nelle proprie integrazioni anche il collagene idrolizzato, perchè tutto sommato ritiene che 5-10 grammi di proteine in più possano essere d’aiuto al proprio regime alimentare, c’è la polvere sfusa da fonte bovina, già citata, così come il collagene in polvere da fonti marine.
L’importante è non credere alla bufala del collagene “che stimola la produzione di nuovo collagene”, oppure che toglie rughe e cellulite, quando invece è grazie ad un po’ di vitamina C e a qualche altro antiossidante se si ottengono dei miglioramenti sulla qualità cutanea e una buona azione preventiva.

Dorothy Danielle 🌸

RESTA AGGIORNATO!


Iscriviti alla Newsletter e ricevi i nuovi post di Dorothy Danielle sulla tua mail

La tua privacy è protetta e al sicuro. NO spam.
Cincischiando-valutazione-analisi-inci-cosmetici

12 pensieri su “LA BUFALA DEGLI INTEGRATORI DI COLLAGENE: FUNZIONANO?

  1. Marcella says:

    Ciao Dorothy, credo che questo articolo sia il più esaustivo, scientifico e veritiero che io abbia mai letto in vita mia riguardo ad un prodotto! Hai spiegato perfettamente, citando fonti scientifiche attendibili , cosa avviene nel nostro corpo se ingeriamo una determinata sostanza e cosa contengono prodotti che ci fanno passare per miracolosi e antiage quando in realtà non lo sono. Ho provato e sto provando sulla mia pelle, letteralmente, che cosa significhi utilizzare prodotti con ottimi ingredienti e poca pubblicità; nessuno fa miracoli ma il mantenimento e il miglioramento della mia pelle parlano chiaro.
    Ti invito con tutto il cuore ad organizzare seminari o giornate divulgative per persone non addette ai lavori, perchè sono fermamente convinta che tante tue clienti sarebbero in prima fila a prendere appunti e a sobillarti di domande!
    Grazie, grazie di cuore per il lavoro che stai facendo.

    • Cremino.je says:

      Grazie Doroty veramente un gran lavoro e molto interessane. .Una domanda il Super Q10 si può assumere tutto l anno? Può sostituire l integratore protettivo per il foto invecchiamento. ? Grazie spero di essermi espressa bene ….le tue rubriche sono sempre molto interessanti

      • Dorothy says:

        Buonasera Cremino.Je,
        Grazie mille a te del gentilissimo commento, è sempre bello sapere che i miei articoli vengono apprezzati.
        Gli integratori di antiossidanti, quindi anche il SuperQ10, vanno assunti a cicli, una o due volte l’anno per periodi di durata variabile in base al prodotto e alle necessità. È controindicato un uso continuativo perchè l’organismo ha anche bisogno di liberarsi delle cellule vecchie e non più perfettamente funzionali, per cui mandargli costantemente antiossidanti obbligandolo a rallentare questi meccanismi è controproducente.
        Non avendo idea di quale sia il tuo integratore protettivo contro il foto-invecchiamento non so dirti se il SuperQ10 è sostitutivo.
        Buon proseguimento
        Dorothy

    • Dorothy says:

      Ciao Marcella,
      Grazie mille di cuore a te per la tua gentilezza e per apprezzare i miei articoli, per me è un onore.
      Il tuo suggerimento è già scritto a caratteri cubitali in agenda tra le idee da sviluppare e da organizzare, non sarà semplice nè veloce ma senza dubbio ci arriveremo.
      Buona serata e a prestissimo!
      Dorothy
      Dorothy

        • Dorothy says:

          Ciao Bianca,
          Sono sicura che il piacere sarebbe reciproco!
          Per quanto non abbia idea di quando potrò mettere in atto un’organizzazione del genere, è un enorme onore sapere che l’idea di base è apprezzata.
          Devo arrivare ad un progetto completo e soddisfacente, sperando che nel frattempo la base di pubblico sia destinata ad allargarsi; tanto vale sviluppare poco per volta un’idea che ad oggi è puramente embrionale, e farsi trovare preparati nel momento in cui ci saranno i mezzi.
          Buon proseguimento!
          Dorothy

  2. Daniela says:

    Ottimo articolo che aspettavo da tempo, in quanto soffro di pelle poco elastica e riponevo (immaginavo già in maniera erronea) tante speranze nei famosi integratori di collagene, che ho desistito dall’acquistare per via dei prezzi improponibili!
    Ora almeno so che ho fatto bene ad aspettare, proverò qualche altro integratore di quelli da te suggeriti.
    Grazie mille per l’interessantissimo approfondimento 🙂

    • Dorothy says:

      Buonasera Daniela,
      Grazie a te del gentilissimo commento, sono felice di essere stata d’aiuto!
      Buon proseguimento
      Dorothy

  3. Alessia says:

    aspettavo la parte 2, grazie per avermi confermato un piccola scoperta fatta per caso: per un periodo prolungato la reumatologa mi ha dato forti dosi di Q10 e altre vitamine per curare la mia malattia cronica e nonostante non mi curassi granché, la pelle in generale era rimasta bella anzi quasi migliorata. io ormai faccio due cicli all’anno per prescrizione medica, ma alla fine ha voluto provare anche mia madre.

    • Dorothy says:

      Buonasera Alessia!
      Grazie a te del gentilissimo feedback, il Q10 è a tutti gli effetti un antiossidante eccezionale e due cicli annui sono sicuramente un gran beneficio non solo per la pelle.
      Buon proseguimento
      Dorothy

  4. Francesca says:

    Buongiorno Dorothy, grazie per l’accurato e interessantissimo studio. Sarebbe bello tu riuscissi a trattare nei prossimi articoli anche altre molecole usate nei cosmetici e negli integratori. Mi domando, ad esempio, se assumere acido ialuronico per via orale può essere di qualche efficacia per la pelle o se, anche in questo caso, è solo questione di marketing. Sto assumendo un integratore che oltre ad acido ialuronico contiene vit A, C, E, zinco e anche coezima Q10 ma, quest’ultimo, nella quantità di soli 5 mg per capsula… troppo poco per avere qualche effetto, giusto?

    PS: dovresti scrivere un libro

    • Dorothy says:

      Buongiorno Francesca,
      Grazie a te per aver apprezzato l’articolo!
      Se dovessi fare lo stesso approfondimento sull’acido ialuronico, i risultati sarebbero tremendamente simili a questi due articoli sul collagene, con i dovuti distinguo, ma grosso modo siamo lì: entrambi idratanti, entrambi usati come filler, e chiaramente anche l’acido ialuronico non aumenta la sintesi di sè stesso nel derma (è una sostanza naturalmente presente nel tessuto connettivo, anche lui).

      Nel tuo integratore hai già un pochino di aiuto antiossidante dal classico trio di vitamine ACE, che sono anche elementi essenziali, quindi aiutano ad evitare carenze.
      Il Q10 è effettivamente poco, considerando che la dose minima è 6 volte tanto ma vari integratori arrivano fino a 200 mg/die. Sempre meglio di niente, ma non lo considererei un vero integratore antiox.
      Buon proseguimento!
      Dorothy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *